Lo scetticismo

Il Crogiolo dello Stregone nei quattro Canti del Mondo

(testo originale 1998)

Capitolo dieci

di Claudio Simeoni

 

Il libro, Il Crogiolo dello Stregone, è in correzione e di prossima pubblicazione

Nel Crogiolo dello Stregone lo Scetticismo era uno dei tre elementi attraverso i quali si forma il Bastone dello Stregone.

Si è detto che lo Scetticismo è un atteggiamento da usare all'interno della Specie Umana; all'interno della propria società.

Lo scetticismo è un atteggiamento attraverso il quale l'Essere Umano si protegge dagli agguati all'interno della propria società civile e utilizza l'atteggiamento scettico per comprendere i termini con cui l'oggettività agisce nei suoi confronti. La vita degli Esseri della Natura è una sequenza di sfide e l'atteggiamento scettico permette di valutare con distacco sia gli elementi che aggiungiamo all'interno della descrizione della ragione che i fantasmi delle religioni rivelate che si aggirano nelle società.

I Quattro Canti del Mondo comprenderanno l'atteggiamento scettico soltanto quando i Crogioli che si fondono sono quelli di Esseri della specie umana. Non esiste l'atteggiamento scettico nei confronti di specie e Coscienze diverse dalle umane. In quel caso i Quattro Canti del Mondo saranno articolati attraverso la Sospensione del Giudizio.

L'altro che mi inganna, è solo fra gli uomini, nella società umana. Un Essere Lupo può divorarmi, ma non gioca ad ingannarmi. Per inganno non intendo "essere furbo" ma intendo quel corpo di fraintendimenti intenzionali che vengono imposti all'uomo affinché le decisioni dell'uomo siano funzionali ad altre persone. Il politico crea fraintendimenti, il banchiere crea fraintendimenti, il prete cattolico crea fraintendimenti. Alimentano idee aprioristiche che permettono loro di ingannare le persone. Promesse di tassi di interessi alti dei banchieri, promesse elettorali dei politici, spacciare per buono il macellaio di Sodoma e Gomorra, ecc. L'atteggiamento scettico permette di fermare la mia adesione e mettere in atto le mie capacità di analisi. La capacità di analisi messa in atto per fornire basi per la mia scelta è possibile solo perché ho anteposto l'atteggiamento scettico a ciò che mi veniva proposto.

L'atteggiamento scettico è proprio della ragione specifica degli Esseri Umani. Valuta la descrizione della ragione nell'incertezza che questa, pur descrivendo il fenomeno, risulti insoddisfacente.

"Un corpo galleggia nell'acqua perché contiene un ché di aereo!" affermava Aristotele. "Un corpo galleggia nell'acqua perché riceve una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del volume del fluido spostato!" affermava Archimede! Ma ci volle il martirio di Galilei perché questo concetto fosse accettato contro lo scherno dei cristiani per i progettisti perché la prima nave in ferro fosse costruita.

La risposta di Aristotele poteva appagare la curiosità, ma non costruire l'Essere Umano.

La risposta di Archimede poteva costruire l'Essere Umano, ma ne offendeva la sua ragione in epoca medioevale.

Ci volle il sacrificio di Galilei perché Archimede trionfasse.

Questo vale per ogni cammino della così detta scienza.

L'azione umana risolve i problemi esistenziali prima che la scienza li descriva.

Weiszacker elabora la teoria della nebulosa primigenia e Stephen Hawking elabora il concetto di un uovo primordiale molto piccolo per risolvere alcune incongruenze della teoria della relatività (febbraio 1998): il Paganesimo aveva già visto molte migliaia d'anni prima sia il caos primordiale sia l'uovo ingravidato da Eros che ha prodotto il caos primordiale.

L'azione umana risolve i problemi prima che la scienza li descriva!

La pratica di Stregoneria può portare l'Apprendista Stregone ad assistere all'uovo giallo in campo nero e alla nascita della luce; il profondo abisso orfico, e il divenuto, descritto da ogni Paganesimo, mentre forgiano il loro divenire.

Nei Quattro Canti del Mondo un Essere Umano articola lo scetticismo soltanto con gli Esseri della propria specie. Lo scetticismo è un "ponte" formidabile che sospendendo la ragione e il suo controllo permette di far affluire nella descrizione nuovi elementi, nuovi intenti come risposta a nuovi fenomeni provenienti dal mondo.

Una congrega di Apprendisti Stregoni è la formazione dei Quattro Canti del Mondo attraverso la fusione dei loro Crogioli. Il "ponte" che permette di arricchire la loro ragione (che si traduce praticamente in un aumento di idee, intuizioni, nuove articolazioni del pensiero ecc.) fondendo il Crogiolo con gli altri Esseri Umani si chiama scetticismo.

Perché lo scetticismo protegge l'Apprendista Stregone dall'intento di coloro con cui, all'interno della propria specie, fonde il Crogiolo? Perché le motivazioni e gli intenti per cui si costruisce una relazione possono essere diversi o nascosti sotto il velo dell'apparenza. Nel mondo della ragione un Apprendista Stregone è un ingenuo. Avendo percorso sentieri fuori della descrizione ha dovuto ripulire il suo essere facendo coincidere apparenza con sostanza, intento con intenzione. Facendo questa operazione si è privato degli scudi di difesa forgiati nella descrizione e se non esercita attentamente e con ferrea autodisciplina l'atteggiamento scettico è facilmente preda di chi pratica l'inganno attraverso la manipolazione della forma per ottenere accondiscendenza e solidarietà emotiva.

La descrizione di un fenomeno può essere informazione o Conoscenza emotiva. E' informazione, quando quella descrizione è appresa, è Conoscenza emotiva quando l'acquisizione di quella descrizione modifica la ragione dopo averla destrutturata. O, per una maggiore precisione, quando per apprendere il nuovo il soggetto si è modificato.

Si possono avere delle informazioni senza possedere Conoscenza ma certamente chi ha Conoscenza emotiva ha appreso e interiorizzato informazioni destrutturando e ristrutturando la propria coscienza al giungere di ogni informazione.

E' facile che un Apprendista Stregone scambi una persona che ha informazioni per una persona di Conoscenza e anziché corazzarsi e proteggersi venga da questa ingannato. Solo la pratica dello scetticismo può proteggere l'Apprendista Stregone, almeno fin tanto che non avrà amalgamato il sentire del corpo luminoso col sentire della ragione. Allora percepirà le discrepanze come parte del suo percepire in ogni quotidiano.

Senza la pratica dell'atteggiamento scettico non si possono fondere i crogioli con Esseri della propria specie. L'atteggiamento scettico allontana i malintenzionati che non potendo far coincidere le proprie intenzioni con la manifestazione delle loro azioni non capiscono come possono articolare il loro inganno.

In compenso, l'atteggiamento scettico, fa coincidere l'intento dell'Apprendista Stregone con l'intento di ogni altro Apprendista Stregone della propria specie per quanto diversi siano i suoi cammini.

Cosa significa essere scettici?

Significa riconoscere che noi, in quanto Esseri Umani legati alla ragione, siano un'isola di oggetti descritti all'interno di un infinito che proprio perché non lo descriviamo ci è ignoto.

Quest'infinito non ci è ignoto solo perché non lo descriviamo ma perché non comprendiamo la possibilità dell'esistenza di un immenso ignoto né alimentiamo il bisogno di penetrarlo che ci permetterebbe di rendere consapevole la ragione dei mezzi che disponiamo per farlo.

Quanto ignoriamo non siamo in grado di concepirlo in quanto noi ignoriamo di ignorarlo. L'atteggiamento scettico riconosce l'incompletezza della ragione e nei Quattro Canti del Mondo rendendo questa duttile, malleabile, pronta a cogliere quanto di nuovo si presenta, pronta a sviluppare la sua descrizione arricchendosi.

C'è una nota aggiuntiva che deve essere fatta: non è atteggiamento scettico l'atteggiamento del pavido che giustifica il suo non intervento nell'oggettività. Io so che tutto quanto è presentato nella società può essere un inganno, ma nella società gioco la mia partita. L'atteggiamento scettico mi permette di non essere fagocitato, ma se io non gioco la mia partita per paura di essere fagocitato, non sto praticandolo scetticismo. Sono stato fagocitato da enti che mi impediscono di giocare la mia partita. E' come il cattolico che non è in grado di opporsi logicamente e razionalmente alle tesi di un Pagano Politeista e allora proietta sul Pagano Politeista delle intenzioni non sue, sospetta che ci sia dietro qualche cosa; manifesta i suoi dubbi sperando che qualcuno, fondendo con lui le sue stesse paure, li condivida. Questo secondo tipo di atteggiamento lo troviamo descritto in Nietzsche nel libro "Al di là del Bene e Del Male".

Il percorso di trasformazione dei soggetti nei Quattro Canti del mondo, porta i soggetti a costruire due tipi di relazioni incrociate, disciplinate e fuse fra di loro: quella del corpo fisico e quella del corpo luminoso. Le relazioni fisiche che mettono in atto e le relazioni della Consapevolezza emotiva costruiscono e plasmano il corpo luminoso degli individui che vivono con passione le relazioni sociali. La Consapevolezza emotiva diventa espressione del corpo luminoso e la percezione della realtà del mondo nel soggetto si modifica. Lo scetticismo ci ha impedito di soggettivare una verità imposta dalla forma sociale che viviamo e la Coscienza emotiva può cogliere l'insieme da cui i fenomeni e le sollecitazioni sociali provengono permettendo all'azione di precedere il loro manifestarsi, ma questo è un altro discorso. I Quattro Canti del Mondo sono formati dalle ragioni (o dal piano delle necessità fisiche) e dalle percezioni del corpo luminoso (o dal piano delle necessità del corpo luminoso) dei partecipanti.

Il ponte che lo scetticismo costruisce è sia fra descrizioni diverse degli individui che formano le relazioni nei Quattro Canti del Mondo, sia fra le loro descrizioni e le loro percezioni di realtà emotive dei fenomeni stessi.

Essere coscienti che c'è un universo da apprendere senza per questo farsi bloccare cuore e fiato davanti all'immensità. Lo scetticismo ci permette di costruire la relazione nei Quattro Canti del Mondo versando noi stessi nella fusione del Crogiolo e prendendo quanto ci serve dal Crogiolo con cui ci fondiamo.

Anche il soggetto con cui costruiamo la relazione deve praticare l'atteggiamento scettico. Noi lo potremmo ingannare. Noi potremmo presentare informazioni per Conoscenza; fantasie per fenomeni reali. Il soggetto con cui ci relazioniamo deve praticare lo scetticismo. Se non lo fa e crede in un qualche "Babbo Natale" è un individuo monco. Anche se per vari motivi si fondono i crogioli egli leggerà la nostra Conoscenza per informazioni. Quando noi presentiamo noi stessi, per lui sarà solo finzione scenica e non saprà cogliere, da quanto gli offriamo, le opportunità per espandere sé stesso. Da noi sentirà storie ma non saprà cogliere quanto gli serve. Castaneda direbbe che non sarà sufficientemente veloce per cogliere il suo centimetro cubo di opportunità.

I Quattro Canti del Mondo, fra Esseri della nostra specie, brillano grazie allo scetticismo di chi fonde i propri Crogioli. "Io non conosco le motivazioni per cui tu fondi il tuo Crogiolo con il mio!"; o ancora: "Io penso come Conoscenza emotiva le ragioni per le quali tu fondi il tuo Crogiolo con il mio!". "In ogni caso, qualunque siano le tue ragioni, prendi da me quanto pensi ti possa servire e io prendo da te quanto penso mi possa servire!".

Un Apprendista Stregone non chiede ad un altro Apprendista Stregone: "perché lo fai?" né può indicare sé stesso come modello da imitare. Un Apprendista Stregone può solo offrire sé stesso e il suo divenuto nei Quattro Canti del Mondo afferrando quanto gli serve e mettendo a disposizione quanto ha.

Gli Apprendisti Stregoni possono camminare assieme nella propria specie per quanto diversi siano i loro cammini arricchendosi entrambi mentre camminano nell'infinito dei mutamenti.

Settembre 1998

 

Vai all'indice del Crogiolo nei Quattro Canti 1998.

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Il Crogiolo del Male

L'incapacità degli uomini di affrontare la loro vita viene costruita meticolosamente dal cristianesimo mediante la violenza sull'infanzia. Costruire la distruzione dell'uomo è un'invenzione ebrea e cristiana. Succede che negli USA molte persone, partite per le guerre che gli USA fanno nel mondo, ritornino psicologicamente ed emotivamente devastate. Educate ad essere sottomesse ad un dio padrone e convinte di essere in grado di uccidere chiunque, il loro delirio di onnipotenza si scontra con la realtà mandandoli fuori di testa.