FEDERAZIONE PAGANA

La sola Associazione Religiosa Pagana Politeista Italiana

Entra nel sito

Cronaca quotidiana di pensieri Pagani

(Ultimi 10 giorni, circa)

 

12 aprile 2024

Come i Pagani pensano gli Dèi

 

Riflessione sulla nostra esperienza di Religione Pagana

Come noi oggi abbiamo "autorevoli" uomini di spettacolo che garantiscono i cittadini sulla presenza degli extraterrestri fra di loro, così, in passato, "eminenti scienziati" garantivano l'autorevolezza della fisiognomica nel condannare alla galera o al manicomio persone il cui unico torto era quello di non essere passive davanti alle violenze sociali che subivano.

Feroci terroristi sociali, come il Lombroso o il De Sanctis, avallavano esoteristi e creazionisti che cercavano i segni della creazione divina per individuare il carattere "malvagio" in uomini in cui Dio lo aveva creato.

Davanti a cotanta scienza, nata e sviluppatasi col positivismo di Comte e Durkheim (oggi la chiamano "sociologia"), inevitabilmente si nutrirono gli esoteristi che provvidero a diffondere, fra le persone meno istruite nella società, i suoi caratteri di verità e di assolutismo riproducendo i principi dei vangeli e della bibbia che ai "bifolchi" non era consentito leggere.

Le persone meno istruite formarono massa affinché le persone più istruite non si potessero "vantare davanti a Dio" in contrasto con la verità della bibbia. Gli esoteristi affermavano realtà immaginarie sfruttando le assonanze che tali verità hanno con le verità di bibbia e vangeli a cui i "bifolchi" erano stati "istruiti". Quelle realtà immaginarie venivano spacciate per reali, ovvie e inevitabili: intanto, parte di quei "bifolchi", finiva in manicomio o in galera in base a ciò che credevano e non si opponevano.

Era difficile per loro contestare la convinzione che Dio li aveva creati malvagi e aveva distribuito nei loro corpi i segni della malvagità. Credere che la forma del cranio dia indicazioni o che le stesse indicazioni le dia il "gene criminale" di Glasser, è sempre un credere nella realtà della creazione di Dio della quale si cercano i caratteri psicologici nella forma fisica.

E così abbiamo esoteristi della genetica, esoteristi della fisiognomica e spiritisti che avallano la salvifica immortalità dell'anima.

Questo movimento esoterico fu il fondamento che alimentò la nascita del nazismo e del fascismo anche se poi, nazismo e fascismo sono tornati immediatamente al cristianesimo quale fonte originale dell'assolutismo e della discriminazione razziale.

Quando si fa Stregoneria o Religione Pagana, gli esoteristi sono la prima barriera da affrontare. Arrivano in massa. Dal momento che pratichi Stregoneria e parli dei contenuti della Religione Pagana, gli esoteristi si presentano con le loro ricette di verità. A loro non interessa nulla quello che fai o quello che dici. Sono pronti a spacciarti ogni sorta di "maestro" da Crowley a Salomone o Gardner, da Honorius il Grande a Caliostro, da Paracelso a Cornelio Agrippa, dagli spiritisti a Elifas Levi alla teosofa Blavatsky, da Krisnamurti ai guru indiani e Giordano Bruno, da Casanova a san Francesco, dalla magia cerimoniale alla wicca, dalla New Age alla cristalloterapia, dal reiky e al buddismo tibetano e zen, da Cardano a Evola. e chi più se ne ricorda più ne scriva. Quando gli spieghi che tutto questo è "immondizia" superato dalla storia che ne ha dimostrato la vacuità e l'inconsistenza, ti spiegano che tu non stai praticando Stregoneria o Religione Pagana mentre, al contrario, loro sanno che cos'è la Stregoneria degli amuleti e sanno che cos'è il paganesimo citando, quando va bene, sciocchezze neoplatoniche o stoiche assonanti al pensiero ideologico cristiano. A loro non interessano i contenuti, ma solo la forma. Una forma che deve garantire loro una certificazione di superiorità sulle "masse ignoranti" da cui vogliono "elevarsi".

In questo calderone si sviluppa il nazismo e la discriminazione di razza. La discriminazione di razza ha la caratteristica di distruggere il discriminante. La vittima dell'ideologia della discriminazione di razza è quel "popolo" che la fa propria discriminando gli altri popoli. Ovviamente, discriminando, crea dolore in altri popoli, ma il tempo determina le condizioni che permettono al discriminato di prevalere sul discriminatore. Discriminando ci si allontana dalle relazione con altri popoli, per un'idea di superiorità, e si perdono le relazioni con gli altri. Sia le relazioni morali, etiche, sociali ed economiche finendo in una sorta di isolamento autodistruttivo (vedi l'Inghilterra con la brexit).

Questo coacervo discriminante è la prima ondata che deve affrontare chi pratica Stregoneria.

Poi, c'è la seconda ondata che, pur agendo assieme alla prima ondata, si presenta con caratteristiche proprie: organizziamo il paganesimo e organizziamo la Stregoneria. Ovviamente, chi pratica Religione Pagana tende a frequentarsi e a partecipare a iniziative comuni, ma il fine non è quello di "organizzare la Religione Pagana" separando queste persone dalla società. Il fine è diffondere le idee della Religione Pagana che, a guardar bene, non è tanto l'idea da diffondere quanto l'analisi del presente e le prospettive future. Questo perché le idee della Religione Pagana nascono come necessità della società separando sé stessa dall'ideologia del cristianesimo che nega la libertà dell’uomo in funzione della libertà di Dio.

Una volta superati costoro, si presenta il cristianesimo con tutta la sua violenza che sarà tanto maggiore quanto maggiore sarà il suo controllo sociale. Se la Religione Pagana si limita a sviluppare concetti ideologici contrari all'ideologia cristiana, dimostrando come tale ideologia sia inumana, il cristianesimo usa i picchiatori e il terrore della Polizia di Stato ogni volta che il suo Dio viene condannato da ogni singolo cittadino per crimini e violenza.

L'esoterismo ha lo scopo di riportare l'uomo, che si ribella alla coercizione cristiana, nell'ambito del cristianesimo. Nella storia, questa operazione fu fatta da molti fra i quali i Massoni, gli Illuministi, gli spiritualisti, gli esistenzialisti, gli idealisti, i wicca, la New Age e altri.

Questi sono i problemi da affrontare e risolvere per chi intende praticare Stregoneria e costruire la Religione Pagana e non vuole nascondersi nella società in cui vive.

 

Pagina specifica del giorno

 

Cosa significa tornare nella Natura?
L'individuo che vive nel mondo - Prima Parte

 

11 aprile 2024

Stregoneria e filosofia metafisica

La filosofia metafisica del Crogiolo dello Stregone

E' una pagina web un po' strana. E' divisa in due parti. La prima parte è l'indice al commento del Parmenide di Platone. Confutare le tesi del Parmenide significa confutare il pensiero ontologico, delirante, non solo di Platone, dei Pitagorici e degli eleatici, ma anche il pensiero moderno degli esistenzialisti. La seconda parte è costituita da Il Crogiolo dello Stregone nei due cicli di conferenze che tenni.

L'arte della Stregoneria e in che cosa consiste la Stregoneria. In questo indice, che poi riporta agli argomenti, ho inserito 9 (nove) filmati che illustrano i vari argomenti della Stregoneria.

Non sono esaustivi del Crogiolo, ma sufficienti per comprendere l'importanza di quella che è la dimensione metafisica del pensiero della Stregoneria che poi, in sostanza, è la via alla conoscenza della Religione Pagana.

Una via alla conoscenza contro la quale vanno a sbattere i creazionisti, tutti quelli che hanno un Dio assoluto al centro del loro universo emozionale.

Questi filmati, e altri, li introdurrò anche nella pagina del Crogiolo dello Stregone anche se sto pensando di fare dei filmati specifici per quella pagina.

 

11 aprile 2024

Riflessione sull'ateismo

L'ateismo riguarda chi è di religione cristiana o, più in generale, monoteista. Si nega la realtà di un Dio che afferma di essere il padrone di uomini ma non si rinnega l'ideologia attraverso la quale il cristiano, che si fa ateo, si sente al di sopra del mondo e della vita.

Il cristiano che si fa ateo non rinnega il cristianesimo, nega l'esistenza di un Dio che si vanta di aver creato il mondo e, pertanto, di essere padrone di quel mondo e di quanto contiene.

L'ateo difenderà sempre il cristianesimo, o più in generale la sua religione di provenienza, perché non è in grado di rimuovere dalle sue emozioni il condizionamento educazionale ricevuto. Noi abbiamo molti atei che facevano anticlericalismo, ma non abbiamo mai avuto atei che condannassero il pederasta in croce per la sua attività di eversione sociale o per i suoi crimini.

L'ateo non oppone un diverso sistema di pensiero a quello cristiano e, spesso, come i cristiani, non conosce nemmeno il pensiero cristiano; si ferma a ciò che lui pensa sia il pensiero cristiano, per come lo ha percepito nella sua esperienza di vita. L'ateo, come il cristiano, vive chiuso nella propria dimensione che si eleva "al di sopra delle masse". Un esempio di questo è stato il giornalista fascista Eugenio Scalfari direttore del giornale La Repubblica.

 

11 aprile 2024

Le ragioni degli esoteristi

Il complottismo ha la sua radice nell'esoterismo. Lo abbiamo visto il cornuto durante i tumulti provocati da Trump negli USA per tentare un colpo di Stato.

Quella che riporto è una riflessione di Nathaniel Merlino da "Antico trattato dell'indovino e del negromante". Fu pubblicato nel 1878 e non fa altro che riprodurre l'idea d Paolo di Tarso secondo cui si fa guerra agli increduli, agli "spiriti forti" e ai saggi in nome delle speranze e delle illusioni.

Scrive questo Merlino:

Degli amuleti e dei talismani antichi

La nostra buona fede d'astrologo ci obbliga a dire che non abbiam provato noi stessi la magia nera della quale stiamo ora per iscrutare le misteriose profondità, e che, per conseguenza, non guarentiamo l'efficacia de' segreti che insegneremo, se non sulla fede di Porta, Paracelso, del piccolo Alberto, di Cardano e d'altri celebri maghi. In ogni altro tempo avrei probabilmente soppresso questo capitolo; ma siccome il secolo evidentemente volge ad una onesta e rispettabile credulità, crediamo che sarebbe un defraudare il pubblico, il voler tralasciare un capitolo, il quale figurerà sì vantaggiosamente col mar di limonata, gli uomini volanti e gli uomini pesci dei furieristi colla doppia vista e lucidità del magnetismo animale, colla panacea universale degli omeopatici, del fu Leroy e del Pagliano, con cento elucubrazioni politiche tutte più maravigliose le une delle altre, e dinanzi alle quali qualunque spirito logico e razionale deve umilmente ammainar bandiera. Sarebb'egli forse perchè non si può nè comprendere, nè spiegare una cosa colle leggi della scienza e della ragione, che non bisogna crederla?.... non già, cari miei, chè 1'esperienza di tutti i tempi ha provato come gli uomini credano tanto meglio ad una cosa quanto più essa è meravigliosa ed incomprensibile, e, nella mia qualità di mago, io trovo che hanno piena ragione. Abbasso gl'increduli gli spiriti forti ed i savi, buoni a null'atro se non a disingannare gli uomini dalle più dolci loro illusioni, e che, sotto il vano pretesto d'illuminarli vengono a strappar loro fin l'unica, vera reale felicità che possano avere... la speranza, questa dolce culla dell'umanità.

Nathaniel Merlino da "Antico trattato dell'indovino e del negromante". 1878, ripubblicato da Brancato nel 1991, p. 395

Tutto il libro ha del comico, ma davanti a persone che credono nelle illusioni, puoi solo lasciarle affondare nelle illusioni se non fosse che chi alimenta illusioni organizza crociate affinché la sua illusione imperi sul mondo.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

10 aprile 2024

Tafuri e la premessa all'Inno Orfico a Sole

Se non impariamo a misurarci con altre e diverse interpretazioni degli antichi testi, i cristiani continueranno a spargere le loro interpretazioni.

Tafuri diffondeva la sua interpretazione degli Inni Orfici, un'interpretazione che faceva da ponte fra il cristianesimo e gli antichi usando gli antichi per giustificare l'odio cristiano e le fantasie cristiane.

Scrive Tafuri presentando gli Inni Orfici a proposito dell'Inno al Sole a cui si offre incenso:

Offriamo al Sole e alla sua mente, chiamata Zeus, grani d’incenso, perché questo diffondersi, come dice Dioscoride, purifica ciò che fa ombra alle pupille degli occhi, cosa che è propria del Sole, che noi chiamiamo Febo [...] con un composto ha detto grani d'incenso, per stabilire una differenza; è detta, infatti, manna dell’incenso la parte più fragile della corteccia e ciò che gocciola giù dall’aria in certi periodi, bianco e insieme dolce; con cui si nutrì il popolo giudaico nel deserto e dal quale fu chiamata manna, poiché ammirarono la stranezza del cibo; manna, infatti, significa proprio questo; infatti, prima non era conosciuta, da lì i Greci chiamarono la fragilità e il bianco dell’incenso.

Tratto da: Matteo Tafuri, Commento agli Inni Orfici, editore Bompiani, 2021, p. 185

Gli Inni Orfici vengono usati, in questo caso, da Tafuri per spiegare la manna concessa da Dio agli ebrei durante l'uscita dall'Egitto.

Noi sappiamo che l'episodio, come la figura di Mosè è stato inventato di sana pianta però vuole essere credibile associandola agli Antichi e affermando che, anche loro, conoscevano la manna e, dunque, questo provava, se non altro, la possibilità di Dio di soccorrere gli ebrei nel deserto.

Interpretare non è mai un gioco. E' un atto di guerra con cui si può costruire o distruggere un futuro possibile.

 

10 aprile 2024

Giapeto, Climene e i loro figli nella Teogonia di Esiodo
Prometeo, Atlante, Menezio ed Epimeteo

Giapeto, Climene e i loro figli nella Teogonia di Esiodo

I limiti degli eccessi e delle passioni rappresentano degli Dèi. Gli Dèi sono ciò che va oltre quello che noi consideriamo il comportamento dell'uomo comune. Il DIO è colui che forza i limiti in cui il comportamento dell'uomo, la conoscenza dell'uomo, la percezione dell'uomo, come socialmente divenuto, è limitata e circoscritta.

Nella vita dell'uomo, come nella vita di tutti gli Esseri della Natura, ci sono limiti che appaiono come delle condizioni naturali o condizioni socialmente approvate, che vanno valicati per introdurre nella vita dell'uomo delle variabili che ne modifichino continuamente l'equilibrio sociale, emotivo, economico, che ha raggiunto. Ogni modificazione è uno squilibrio che sovverte gli equilibri precedenti e che richiede un riequilibrio in un piano diverso di ricomposizione. La ricomposizione è un progresso esperienziale che amplia le capacità della specie degli Esseri Umani, nel nostro caso, delle società, del singolo individuo a plasmare la propria energia vitale all'interno della tensione che lo spinge verso un futuro possibile.

Questa condizione, essenziale per costruire il divenire della vita, è rappresentata dagli Dèi Titani figli di Giapeto e Climene.

Giapeto viene indicato con un nome che ha la sua radice nel perforare, nell'aprire un varco, ed è spesso associato all'ovest, la direzione nella quale "va il sole"; il futuro.

Climene, figlia di Oceano e Teti, ha il nome dalla radice del verbo "clou" che significa "rinomato, celebre o famoso". La stessa radice, in altri sistemi di interpretazione del mito, la troviamo associata a Climeno come appellativo di Ade.

Scrive Esiodo nella Teogonia tradotta da Romagnoli:

Sposò Giapèto un'Oceanina, Climène, fanciulla

dal bel malleolo, seco sali nel medesimo letto.

E quella generò Atlante dal valido senno,

poi generò Menezio coperto di gloria, e l'accorto

Promèteo scaltro, ed Epimetèo mentecatto, che prima

causa del male fu per quanti manducarono pane:

ch'egli accettò da Giove la vergine sculta nel fango.

Poi, Giove onniveggente, nell'Erebo spinse Menezio

il tracotante, su lui scagliando il suo fumido strale,

per l'arroganza sua, pel grande soperchio di forze.

Per duro fato Atlante sostiene l'amplissimo cielo,

presso all'Espèridi, voci soavi, al confin della terra:

ritto col capo lo regge, con l'infaticabili mani:

tale destino per lui stabili l'assennato Cronide.

E d'infrangibili ceppi dogliosi avvinghiò Prometèo,

mente sottile, a metà d'una stele, e a lui sopra sospinse

l'aquila, il rapido augello, che il fegato ognor gli sbranava;

e il fegato immortale via via tutto attorno cresceva,

la notte, quanto il giorno sbranato ne aveva l'augello.

Ma infine al mostro alato die' morte il figliuolo d'Alcmena,

il prode Ercole, e franco mandò da quel morbo funesto

il figlio di Giapèto, lo sciolse dai gravi cordogli:

non già contro il volere di Giove signore d'Olimpo :

questi anzi volle che sopra la terra, maggiore di prima

d'Ercole volle che fosse la gloria, del figlio di Tebe.

Esiodo, Teogonia 507 531

I limiti che vengono superati dai figli di Giapeto e Climene sono:

1) Vedere prima degli accadimenti gli effetti che avranno gli accadimenti (come scelte e come azione);

2) Ignorare completamente gli effetti degli accadimenti e produrre l'accadimento in base ai propri desideri e non per gli effetti che si vuole ottenere;

3) L'assoluto progetto; l'agire per progetto e solo per progetto pensato, dove l'escogitare, il pensare e l'agire è all'interno del desiderare e dell'essere come soggetto che abita il mondo progettando il suo abitare il mondo;

4) L'infaticabile, il possente, il perseverante;

Questi sono i quattro limiti che i figli di Glimene e di Giapeto spingono a superare.

Atlante; l'infaticabile.

Menezio; Dal verbo menoinao che significa penso, medito escogito o anche desidero e bramo.

Prometeo; Colui che vede in anticipo.

Epimeteo; Colui che vede le cose dopo il loro accadimento.

---CONTINUA AL LINK---

 

10 aprile 2024

Osservazioni tecniche sulle mie pagine web

Mentre sistemo le pagine e mi analizzo la situazione dei miei siti web, mi accorgo che troppe cose sono state trascurate.

Forse, sarebbe più esatto dire che molte cose ho iniziato pronto a rincorrerne altre la cui urgenza si presentava all'attenzione e alla necessità del momento.

Parlare di Religione Pagana significa affrontare un argomento vasto. Un argomento che necessita di essere continuamente aggiornato e nel quale non esiste un punto fermo per dire

"Questo argomento l'ho esaurito!". Leggi una pagina scritta 20 anni fa, e nei miei siti ce ne sono molte, oggi questo argomento lo svilupperei "meglio" o in "forma diversa"; metterei alcune citazioni e altri riferimenti. Poi, mi chiedo, ma quei riferimenti, dove li ho presi quella volta?

Per esempio, Il Crogiolo dello Stregone, la filosofia metafisica propria della Religione Pagana, perché non ho più ripreso gli argomenti da oltre 10 anni?

Perché ho trattato la Teoria della Filosofia Aperta, la partita mondiale di Calcio della Filosofia e altri aspetti propri del paganesimo.

Molto lavoro, eppure, devo tentare di migliorare. Cercherò di fare meglio.

Sto pensando di fare un ciclo di piccoli filmati relativi al Crogiolo dello Stregone per illustrarne i principi.

Vedremo, se comincio, comincio nel più breve tempo possibile.

 

10 aprile 2024

E' morto Peter Higgs

L'idea secondo cui la materia e l'energia sono la stessa cosa che si presentano alla nostra sensibilità organizzate in modo diverso e che, alla base di ogni tipo di materia e di ogni tipo di energia c'è una forma di materia con la capacità di produrre coscienza e che, nei primi passi che feci in stregoneria nella metà degli anni '80, chiamai energia vitale indicando la materia come manifestazione razionale di essa, mio ne è stato l'uso in filosofia metafisica, ma era già presente in teorie come quella di Peter Higgs e del suo bosone o delle idee sugli atomi di Democrito.

Il bosone di Higgs, spacciato nella cultura da un geniale pubblicista col nome di "particella di Dio", altro non è che una particella che farebbe da ponte fra la trasformazione dell'energia in materia e viceversa e permette ai fisici di studiare la nascita dell'universo da millesimi di secondo dopo il Big Bang e a noi Pagani di comprendere la nascita Di Eros, Fanete, che dispiega le sue ali d'oro uscendo dall'uovo luminoso in Nera Notte.

Peter Higgs è morto in questi giorni. Di solito non ricordo la morte delle persone se non quando personalmente ero affezionato o quando, come in questo caso, ricordo con affetto il loro lavoro.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

09 aprile 2024

Un amico se n'è andato

E' morto uno dei miei librai preferiti. Mi ha procurato centinaia di libri, anche di un certo valore e spesso introvabili.

Angelo Trevisan, 68 anni, se n'è andato seduto su una panchina vicino alle tende del suo banco ambulante di libri. Ne aveva a migliaia. Libri fuori catalogo che vendeva al 50% di prezzi di venti anni fa. E' stato l'unico libraio che io ho conosciuto che discuteva con competenza con Manuela.

Ricordo che ai clienti diceva: "Tutti i prezzi sono dimezzati." E qualcuno una volta gli chiese: "Dimezzati di quanto?"

Ricordava anche che il libro è l'unico oggetto che spesso veniva rubato per averlo, non per venderlo.

 

09 aprile 2024

Sovranismo impera

Italiani ed europei ancora non hanno realizzato che gli inglesi sono degli extracomunitari come i tunisini, i ganesi o i marocchini. Ancora non è chiaro all'Europa che l'Inghilterra non è solo un concorrente economico, ma ha dichiarato guerra all'Europa per questioni di egemonia politica e sociale.

E' un effetto del sovranismo, dove ogni sovrano si reputa "l'unto del Signore, di Dio" e in nome di Dio combatte gli altri sovrani sui quali vuole il dominio.

L'Inghilterra vuole la sovranità sull'Europa, come gli USA. Solo che le condizioni sovraniste dell'Inghilterra sono calate dai vertici politici economici alle condizioni di vita delle persone con una massiccia cacciata di infermieri e di insegnanti il cui scopo è aggravare le condizioni di vita delle persone.

Per allontanare le proteste della popolazione l'Inghilterra, come ogni paese sovranista, deve dichiarare guerra, più o meno aperta, ad altri sovranismi in modo da incolpare loro dei disastri sociali che sta imponendo al paese.

I disastri nascono da "Prima gli inglesi" come in Italia nascono da "prima gli italiani". Non vi preoccupate, non ci sono più quei pezzenti di comunisti che cantavano L'Internazionale, oggi ogni sovranista pretende di avercelo più lungo di ogni altro sovranista: e giù bombe sulla testa degli uomini in nome di Dio!

 

09 aprile 2024

Cassandra e i divergenti

Apollo non condanna Cassandra per non averlo amato; Apollo condanna il mondo a vivere nell'inconsapevolezza.

Rispetto al mondo Cassandra è una divergente.

Non percepisce e interpreta la realtà per ciò che la realtà vorrebbe che fosse, ma interpreta la realtà prescindendo dal proprio desiderio.

Che a me piaccia o meno, la realtà non è ciò che io desidero, ma è ciò che la realtà manifesta nel mondo e se non interpreto correttamente la manifestazione della realtà non sono nemmeno in grado di individuare le trasformazioni che la realtà produrrà nel mio vivere e nella società in cui vivo.

La realtà non soddisfa le aspettative delle persone. Sarebbe più corretto dire che la reltà si nutre delle aspettative delle persone per farle funzionare in un reale che si nasconde dietro le loro illusioni.

Cassandra si sottrae all'illusione. Interpreta la realtà per ciò che è e individua correttamente le trasformazioni in atto in quella realtà.

Le persone vengono appiattite in una condizione illusoria in cui l'attesa diventa ansia, madre del desiderio irrealizzabile. Questa condizione psicologica viene coltivata con attenzione da una società che in questo modo controlla le persone. Persone pronte a diventare violente contro le Cassandre che indicano un futuro possibile.

Viviamo in un mondo in cui abbiamo bisogno di Cassandre che indicano la via dei cambiamenti possibili, ma cerchiamo delle cassandre che annuncino ciò che noi vogliamo che costoro annuncino e solo allora diamo credito a quella cassandra che dice ciò che noi avremmo voluto dire. Ma allora, perché non diventiamo noi stessi delle cassandre se sappiamo che cosa andrebbe detto? Le persone non sono educate a prendersi la responsabilità per ciò che loro pensano né sono educate a pagare per le conseguenze di quanto hanno detto. Sperano che tutto venga dimenticato e si ricordi solo quella frase; la frase bella che un giorno dissero in mezzo a tante stupidaggini.

Un po' come i giornalisti, le loro parole sono parole vuote prive della responsabilità soggettiva e dell'onore soggettivo che una comunicazione pubblica necessiterebbe. Parole scritte. Proclami annunciati e subito dimenticati affinché nessuno possa rinfacciare a quel giornalista le stupidaggini che ha scritto.

Proprio perché le Cassandre indicano una possibilità, ogni uomo finge di farsi cassandra e vende illusioni con cui alimentare le aspettative di gruppi di uomini affinché le loro orecchie siano sorde alle indicazioni di Cassandra. Gli uomini non distingueranno mai le cassandre che suonano nei tromboni, dalle voci di Cassandra che quando si fa sentire viene subito aggredita.

Cassandra, la divergente, era l'unica persona d'onore in un mondo che sembra aver perduto l'onore.

 

09 aprile 2024

Cronache Pagane: Aprile 2024

Cronache Pagane: Aprile 2024

Ovviamente, sto lavorando alla pagina di Aprile 2024 che, per ora, ha solo 8 giorni di post.

Come lavoro esce una pagina per tutto il mese e una pagina per ogni giorno.

Seguendo i link si raggiungono tutte le pagine di tutti i mesi.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

08 aprile 2024

Crio Euribia e i loro figli

Riflessione sulla dottrina religiosa di Pitagora come esposta da Diogene Laerzio

La saggezza nelle scelte fra ciò che desideriamo e ciò che è possibile in funzione di un futuro in cui ancora possiamo scegliere fra ciò che desideriamo e ciò che è possibile. E' il potere di Pallante in cui la saggezza si esprime nella forza delle scelte e le scelte sono frammenti di stelle, di Astreo, che noi portiamo nella nostra vita quotidiana. Perse, la distruzione del presente in funzione del futuro e la saggezza sul come agire nel presente per costruire il futuro.

Il cuore di pietra di Euribia smuove il cuore di fuoco degli Esseri della Natura per costruire loro stessi; per imitare Crio ed essere i migliori in quello che fanno in funzione di quello che diverranno.

Scrive Esiodo tradotto da Romagnoli:

I figli di Aurora e Astreo

Aurora partorì i venti gagliardi ad Astrèo,

Zefiro serenatore, veloce nei tramiti Bora,

e Noto: con un Dio si fuse ella, Diva fulgente.

E dopo loro, un astro, Eòsforo, a luce essa diede,

e le lucenti Stelle, che sono corona del cielo.

Aurora e Astreo mettono in azione il mondo emotivo di Urano Stellato. I venti che si abbattono sul mare infecondo con Astreo ed Aurora non sono solo aria che soffia, ma coscienza che si dirige all'interno di mondi, emotivi, dell'azione e razionale, in cui soffiano i venti della vita. Zefiro, Bora e Noto non sono solo il nome di venti che soffiano in direzioni predeterminate sul mare, sono venti della vita che conducono i naviganti nelle loro scelte in ogni quotidiano. Ogni Essere della Natura si trasforma seguendo questi venti che lo spingono spesso su mari sconosciuti nei quali deve costruire le proprie strategie d'esistenza. Così Eosforo non è venere, non è solo la stella del mattino, ma l'intento che guida gli uomini nelle loro scelte.

Astreo unito in amore con Aurora contribuì a costruire l'esistente. Quest'esistente fu alimentato da nuovi venti che soffiavano al suo interno e dalle Stelle che coronavano il cielo. Furono tutti figli di Aurora e Astreo. A quale visione quest'insieme appartiene? Agli Esseri Umani che alzano le vele sui mari della vita. E' nella loro percezione che stelle e venti coincidono in un unico Intento. Quante volte chiamarono i venti benigni e quante volte guardarono le stelle per conoscere la direzione. Quante volte la disperazione li colse quando il cielo di piombo e le tempeste soffiavano sui loro progetti di vita. Quanto i naviganti dell'esistenza si sentono perduti. Quante volte non sanno dove il loro intento deve sfociare. Quante volte gli Esseri Umani non vedono la fine dei loro intenti e dei loro progetti e invocano i venti degli DEI affinché spingano nella direzione sperata gli eventi della loro esistenza. Quante volte gli Esseri Umani guardano le stelle del mattino cercando aiuto e tracciare le proprie rotte. Questo è quanto ASTREO, unito in amore con AURORA, ha generato.

---continua al link---

 

08 aprile 2024

Lo scopo dell'ignoranza contro la cultura

La cultura combatte contro questo delirio criminale dei cristiani:

Considerate infatti la vostra chiamata, fratelli: non ci sono tra voi molti sapienti secondo la carne, non molti potenti, non molti nobili. Ma Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato e ciò che è nulla per ridurre a nulla le cose che sono, perché nessun uomo possa gloriarsi davanti a Dio.

1 Corinti 1, 26-29

E' sempre necessario che qualcuno accenda il lume della speranza nella disperazione costruita dai cristiani.

Il mondo in cui viviamo è pieno di guerre; spesso si tratta di guerre per il controllo mafioso di questo o quel territorio dove a soffrirne sono le persone, i cittadini, che vedono la distruzione di ogni futuro possibile

E' la logica dei cristiani: distruggere, dividere e impossessarsi di quanto altri hanno costruito.

La cultura è un'arma che va usata prima che vengano sganciate le bombe, Quando la non cultura fa guerra alla cultura perché pensa che solo con gli schiavi ottenuti con la polizia, con la negazione dei diritti ad altri, col feticcio del denaro da sottrarre alla comunità si possa avere una "vita felice", allora è inevitabile che, prima o poi, inizino a cadere le bombe perché non esiste uno schiavo più obbediente di colui che sogna di essere un padrone di uomini ridotti in schiavitù. E, gli schiavi obbedienti, sono il premio al più forte per la sua violenza sul più debole.

Se non si fanno guerre di cultura prima che le bombe cadano sulla testa, quando le bombe cadranno, ogni cultura è inutile.

 

08 aprile 2024

Le pagine mensili di Cronache Pagane

Cronache Pagane: ottobre 2023

Questa pagina, come tutta la serie (sono un centinaio, pagina più o pagina meno), sono dei varie propri giornali mensili, con centinaia di articoli di filosofia, riflessioni di religione Pagana, riflessioni sulla società e sulle sue prospettive.

Sono pagine troppo grandi per essere linkate nei motori di ricerca, ma riassumono quanto postato in Facebook e altro ancora.

In queste pagine, negli ultimi anni, si riassume il pensiero della Religione Pagana. A volte sono più attivo e a volte sono un po' più stanco.

Oltre alla pagina che riassume tutto il mese, di cui questa è un esempio che se la scorrete fino in fondo potete capire la ricchezza di quanto scrivo, c'è una pagina specifica di ogni singolo giorno che significa circa 30 pagine web per un mese. Pagine più ridotte che possono essere più facilmente trovate dai motori di ricerca.

Ora sto lavorando a questo tipo di pagina dell'Aprile 2024 e la pagina sarà chiusa a fine mese.

Ovviamente cerco di fare del mio meglio, ma sicuramente avrò fatto un immenso numero di errori che, se li trovo io, cercherò di rimediare.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

07 aprile 2024

Esopo e l'arte del venditore

L'arte del venditore consiste nel vendere gli scarti e l'immondizia come se fossero cose preziose. Cose importanti.

Offrire l'immondizia per ricevere un tornaconto personale. Cose che si sarebbero ignorate o buttate via assumono, per chi ne ha bisogno, un valore e quel valore è il prezzo a cui il venditore le offre.

Io cerco un oggetto perché ne ho necessità; ma tu, perché mi offri quell'oggetto? Qual è la tua necessità?

E' la domanda che si pone Esopo all'offerta del lupo e la risposta la mette in bocca al cavallo.

Scrive Esopo:

Passando per i campi, un lupo trovò dell'orzo e, dato che come cibo a lui non poteva servire, lo lasciò lì e continuò la sua strada. Quando però si imbatté in un cavallo, lo condusse in quel campo, dichiarandogli che aveva trovato l'orzo e, invece di mangiarlo, l'aveva serbato per lui, anche perché gli faceva piacere sentire il rumore dei suoi denti quando lo masticava. "Caro mio", gli rispose il cavallo, "se i lupi potessero mangiar orzo, tu non avresti mai dato la preferenza alle orecchie sul ventre ".

[Tratto da: Esopo, Favole, "Il lupo e il cavallo", Edizione BUR, 1982, n. 225, pag.253]

Nella società in cui viviamo noi assistiamo continuamente al commercio dell'immondizia per circuire i bisognosi e portar via loro anche quel poco che hanno. Quel poco che hanno è ciò che di prezioso hanno, ma offrendo un po' di immondizia, un pasto da parte della Caritas, gli si sottrae anche emozioni, sentimento, volontà e scopo lasciandoli ancora più vuoti e bisognosi di altri pasti.

Cosa voleva il lupo di Esopo in questa favola? Voleva la complicità e l'accondiscendenza del cavallo. Voleva che il cavallo lo ringraziasse per l'immondizia che lui gli offriva. Perché, pensava il lupo, abbandonare quell'immondizia che non avrebbe mai mangiato senza ricavarne un profitto ottenendo la gratitudine del cavallo?

Quando qualcuno offre, le persone dovrebbero sempre chiedersi: quanto mi costa?

A volte, vale la pena barattare qualcosa nel presente e compromettere qualcosa nel futuro?

Vale la pena votare quel politico basandosi su ciò che offre?

 

07 aprile 2024

Cultura e massacri

A cosa serve la cultura quando qualcuno decide che il massacro, di chi coltiva la cultura, è la soluzione dei suoi problemi? A cosa serve la cultura quando qualcuno decide che le persone che fanno cultura sono solo carne da macello e sviluppa una "cultura" che gli serve per giustificare il suo diritto a macellarle?

La cultura del macello è il nemico da guardare negli occhi e i macellai di Scalfari e della sua banda hanno le mani che grondano sangue dell'odio sociale che hanno perseguito.

E' una riflessione amara fatta da persone che si guardano attorno e hanno vista distrutta la loro vita, la loro società, i loro principi sociali in nome di farneticazioni deliranti che sottraevano i diritti dei cittadini per ridurli ad oggetti da torturare.

L'odio non si manifesta con l'insorgenza emotiva di chi reagisce ad offese; l'odio sociale si manifesta con la pacatezza dell'indifferenza di chi gira le chiavette per riempire di gas tossico un'intera società a cui è negato il fondamento del vivere civile.

 

07 aprile 2024

Teia, Iperione e i loro figli

Teia, Iperione e i loro figli

Teia e Iperione, una coppia di Titani nati da Urano Stellato e Gaia. Come Oceano e Teti danno idea del fluire del mare e dei fiumi, così Teia e Iperione danno l'idea del fluire degli astri, il fluire della luce nelle trasformazioni che sommano illuminazione di un presente vissuto ad illuminazione di un presente successivo. Il moto degli astri, la luce che illumina il divenire e che partecipa alle trasformazioni. Il moto, il corso, l'azione degli stessi pianeti che entrano con la loro azione nel mondo del tempo.

Come i fiumi sono soggetti nel mondo del tempo perché agiscono, così gli astri sono soggetti nel mondo del tempo perché agiscono: percorrono la loro rotta come fiumi dalla sorgente verso il loro infinito. La rotta degli Astri e il loro apparire è la terza nata da Teia e Iperione, Aurora.

Scrive Esiodo tradotto da Romagnoli:

E Teia ad Elio grande die' vita, e a Selene lucente,
ed all'Aurora, che brilla per quelli che stan su la terra,
e pei Beati, chàn vita perenne, signori del cielo,
poscia che ad Iperione, domata in amore soggiacque.

Esiodo Teogonia 337 370

Teia e Iperione portano gli astri nel mondo del tempo. Essi sono perché agiscono e il loro agire diventa rappresentazione di sé stessi.

Teia è il farsi Dio di ogni soggetto, la sua tensione verso il futuro attraverso cui mette in atto delle azioni per modificare il presente in cui vive. Il farsi DIO è illuminarsi e illuminare il mondo in cui si opera.

La Coscienza di Sé come intelligenza dell'Essere Luna e dell'Essere Sole sono figlie di Teia, la luce che illumina ogni cammino e dell'azione di Iperione, quel volare alto, quel muoversi sopra, che porta Sole e Luna a rappresentarsi nel mondo del tempo, dell'azione.

Con Teia e Iperione gli astri, nel nostro caso il Sole e la Luna, costruiscono una relazione con la Terra e i viventi della Terra: nel loro corso, loro appaiono. Il loro apparire è l'azione che diventa la loro rappresentazione, l'oggetto, nel mondo del tempo costruito attraverso i Titani.

---continua nella pagina linkata-----

 

07 aprile 2024

Aguzzini

Quando gli aguzzini dei campi di sterminio (qualunque sia la qualità dei campi di sterminio) celebrano i loro eroi, le vittime vengono denigrate, violentate e per l'ennesima volta uccise.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

06 aprile 2024

Gli uomini e gli Dèi

I Pagani hanno le loro peculiarità religiose. Spesso, queste difficoltà si scontrano con una realtà sociale che, pur non avendo argomenti contrari alla visione religiosa pagana, ha manipolato le persone al punto tale che costoro non riescono a vivere in presenza di idee religiose che contrastano con le loro convinzioni religiose.

Eppure le società umane hanno necessità di queste idee religiose anche se ora sono convinte di aver ancora abbastanza prede da sbranare per poter sopravvivere.

 

06 aprile 2024

Esopo: il lupo e l'airone

La favola di Esopo su "Il lupo e l'airone" può essere parafrasata nelle condizioni sociali e politiche attuali. Ha molte analogie con la situazione che stiamo vivendo e vale la pena di ricordarlo.

Scrive Esopo:

Un lupo aveva ingoiato un osso e andava attorno per trovare qualcuno che lo liberasse. S'imbatté in un airone, e lo pregò di estrargli l'osso dietro compenso. Quello cacciò la testa nella gola del lupo, tirò fuori l'osso e poi reclamò l'onorario pattuito. Ma il lupo gli disse: "Caro mio, non sei contento d'aver tirata fuori intera la testa dalla bocca del lupo? e osi ancora chiedere un compenso?".

[Tratto da: Esopo, Favole, "Il lupo e l'airone", Edizione BUR, 1982, n. 224, pag.253]

Meloni e Salvini giravano per le periferie chiedendo voti a tutti i disperati che a malapena sbarcavano il lunario.

I disperati decisero di votarli eccitati dalla prospettiva di migliori condizioni di vita.

Quando Meloni e Salvini furono eletti i disperati reclamarono il compenso per averli votati. Protestarono quando Meloni e Salvini anziché venir incontro alle loro richieste decisero di condonare chiunque non avesse pagato le tasse facendo loro molti favori e molti sconti su quanto avrebbero dovuto pagare.

Mentre le persone protestavano per le case perse perché Meloni e Salvini volevano favorire la mafia costruendo il ponte fra la Calabria e Messina, a quei disperati Meloni e Salvini dissero: "Cari, non siete contenti di aver tirato fuori la testa dalla bocca del lupo (di averli votati)? E osate ancora chiedere qualche cosa?"

Certe analogie saltano subito agli occhi, ma, in fondo, Esopo ci esorta ad osservare il mondo intorno a noi e ad interpretarlo.

Ogni tifoso attribuisce questa rappresentazione ai suoi "avversari politici", ma, al di là di come noi interpretiamo nell'immediato l'insegnamento di Esopo, sta di fatto che Esopo ci racconta di un mondo di "lupi voraci" che cercano il pietismo e la collaborazione delle loro prede per poterle predare meglio.

 

06 aprile 2024

La Stella a Cinque punte dei Pagani

La Stella a Cinque punte dei Pagani

Ho modificato quattro pagine nei siti che trattano vari aspetti relativi alla Stella a Cinque punte come usata nella Religione Pagana.

Erano pagine molto vecchie. Alcune risalivano ancora ai primi anni del 2000.

Ho introdotto nelle pagine il filmato che spiega il significato della Stella a Cinque punte. Un filmato fatto nel 2005 ed elaborato, allora, da Manuela. Fu il secondo filmato che facevo quando iniziavo a sperimentare.

Si tratta di 4 pagine messe in formato attuale, ma il testo è rimasto quello originale.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

05 aprile 2024

Inno Orfico alle Moire

Inno Orfico alle Moire

  Inno Orfico alle Moire

  Moire infinite, care figlie della Notte Nera,
dai molti nomi, ascoltate me che prego, voi che abitando
presso il lago celeste, dove l'acqua candida per il calore notturno
scaturisce nell'ombroso fondo lucente dell'antro di belle pietre,
volate sulla terra infinita dei mortali;
da dove avanzate verso la stirpe mortale che nutre opinioni,
vana nella speranza, coperte di lini purpurei
nella pianura fatale, dove l'opinione guida il carro che percorre tutta la terra
verso la meta della giustizia e della speranza e degli affanni
e dell'antica legge e dell'infinito potere retto da buone leggi;
la Moira sola infatti osserva nella vita, nessun altro
degli immortali, che occupano le cime dell'Olimpo nevoso,
e l'occhio perfetto di Zeus; poiché quanto ci succede,
tutto sanno la Moira e la mente di Zeus continuamente.
Ma, beate, di cuore benevolo, d'animo mite,
Atropo e Laghesi, Cloto, a me venite, figlie di padre illustre,
aeree, invisibili, immutabili, sempre indistruttibili,
che tutto donate, che togliete, necessità per i mortali;
Moire, esaudite le mie sante libagioni e le preghiere,
con volontà propizia venendo agli Iniziati liberatrici di mali.
[E' finito il canto delle Moire, che Orfeo ha tessuto.]

da Inni Orfici ed Lorenzo Valla trad. Gabriella Ricciardelli

Qui finisce il canto delle Moire che Orfeo ha tessuto. Una visione grandiosa.

  "da dove avanzate verso la stirpe mortale che nutre opinioni,
vana nella speranza, coperte di lini purpurei
nella pianura fatale, dove l'opinione guida il carro che percorre tutta la terra
verso la meta della giustizia e della speranza e degli affanni
e dell'antica legge e dell'infinito potere retto da buone leggi;"

E' l'essenza stessa delle Moire!

Le Moire sono figlie di Nera Notte! Nascono dalla Nera Notte e rappresentano lo svolgersi della vita. Il passaggio di tutta l’energia vitale da inconscia a cosciente! Tutto il processo di trasformazione universale è rappresentato dalle Moire figlie di Nera Notte. Il termine Nera Notte non sta solo ad indicare la visione dei veggenti relativa allo spazio siderale, alla loro sospensione nell'immenso silenzio, ma sta ad indicare la non esistenza, in tutto l'universo, della Coscienza e della Consapevolezza.

La Nera Notte è l'uno e l'altro.

---CONTINUA AL LINK---

 

05 aprile 2024

L'immenso soggettivo

Ogni persona ha la propria idea soggettiva di "immenso". Per questo motivo quando dico "siamo circondati dall'immenso" ogni persona è convinta di sapere in che cosa consiste "l'immenso". Lo riduce alla propria dimensione immaginaria e, sicuramente, il significato che lei attribuisce a quanto io indico come "immenso" è sicuramente corretto. Lei sa in che cosa consiste "l'immenso" e io ho detto solo una banalità di cui lei ha la perfetta conoscenza. Dunque, tutto a posto!

Se qualcuno dovesse chiedere: "Spiegami l'immenso!". Non sono in grado di farlo perché l'immenso può essere solo abitato soggettivamente, per questo, ogni persona "sa che cos'è l'immenso" e in quel sapere conchiude la sua conoscenza.

Se poi provassi a raccontare qualche cosa con le parole, dovrei distinguere fra la significazione che hanno le parole per me e che cosa significano quelle stesse parole per il mio interlocutore. Il dubbio che mi assale è: le parole che io uso, per raccontare qualche cosa della qualità dell'immenso, assumono il medesimo significato nel mio interlocutore? In questo caso sarei fermato dalla necessità di trovare parole adeguate non per dire cosa io percepisco, ma che cosa l'altro può capire di quello che io percepisco. L'unica soluzione, in questo caso, è quella di affermare la presenza dell'immenso senza poterlo definire: arrangiatevi!

 

05 aprile 2024

Rivoluzione sovranista

Una delle rivoluzioni dell'informazione sovranista è la privatizzazione del dolore per le aggressioni subite. Hanno cessato di essere un fatto sociale, il prodotto di una società che necessita di modificazione per essere trattate dall'informazione come un puro fatto privato. La donna accoltellata, l'azione dei bulli, l'aggressione al semaforo, ecc, non sono più espressione di una società che manifesta dei problemi, ma sono fatti privati: che si arrangi la donna accoltellata, che si arrangi la vittima dei bulli, che si arrangi l'aggredito al semaforo. L'idea che viene ingenerata dall'informazione è che la colpa dell'aggressione va attribuita alla vittima e l'aggressore, quando all'informazione conviene, non è il prodotto di disfunzioni sociali, ma è lui il malvagio che va punito perché la società deve vendicarsi e non per portare giustizia alla vittima.

In questo contesto, l'evasore fiscale è il furbo; il ladro è protagonista di imprese; l'imprenditore che sfrutta il lavoro nero un eroe sociale e il mafioso è un esempio da imitare e da guardare come modello.

Ciò che viene considerato "onore", "onestà", "partecipazione sociale" è roba da fessi, da cretini, da potenziali vittime di ogni truffatore che si fa "furbo" nei loro confronti.

Tutto ciò che appartiene alle distorsioni sociali, nel sovranismo diventa modello imitativo. Nel sovranismo la cultura non serve perché il sovranista è "furbo", lui "spaccia eroina" (qualunque sia l'eroina che spaccia) e la sua attività consiste nel trovare sempre nuovi consumatori. Per farlo non è richiesta cultura, ma solo partecipazione attiva in quel "bosco umano" in cui cerca le sue prede fra farneticazioni, illusioni, inganni, diffamazione.

In questo contesto la donna accoltellata, violentata, viene colpevolizzata; il bambino stuprato viene deriso, la vittima dei bulli viene denigrata, la Polizia di Stato si trova a vivere infastidita per le lamentele di cittadini che si sentono abbandonati, loro hanno altro da fare.

Il sovranismo, altro nome con cui definire l'ideologia fascista e nazista, ha liberato queste manifestazioni sociali che un tempo erano nascoste da un dibattito sociale che a poco a poco è stato sopito. Ora viviamo in un contesto sociale che se definisci "nazista" un comportamento riconducibile all'ideologia nazista, vieni denunciato perché chi ha comportamenti nazisti, assolutisti, sovranisti, non vuole che si sveli la natura ideologica delle sue azioni. Vuole che il suo comportamento nazista sia pensato come democrazia, come suo diritto, come manifestazione della sua libertà. La libertà di accoltellare, di bullizzare, di picchiare, di sopraffare, di insultare, di denigrare. Quella libertà del Dio padrone cristiano che toglie la libertà agli uomini e che li rende schiavi di una violenza alla quale si devono sottomettere.

La rivoluzione sovranista. Iniziata in Italia con Silvio Berlusconi, ha superato il ventennio, ma all'orizzonte non si scorge ancora nessuna luce mentre, al contrario, la società sta sprofondando in una disperazione sempre più profonda.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

04 aprile 2024

Un documento Pagano di 20 anni fa
Cosa disse la Federazione Pagana al congresso WCER di Atene nel 2004

La Federazione Pagana al Congresso WCER di Atene

Per presentare la pagina di religionepagana.it ho caricato l'intervento in lingua inglese che la Federazione Pagana ha fatto al congresso WCER di Atene nel giugno del 2004.

Venti anni fa eravamo più giovani. L'impegno che ci siamo assunti in quel Congresso, noi lo abbiamo onorato anche uscendo dal WCER quando la rappresentazione razzista e fascista diventò molto pesante e abbiamo preferito difendere la dimensione religiosa che un po' alla volta stavamo costruendo.

Quella fu la nostra scelta, altri hanno continuato su quella strada e altri hanno scelto, da allora, strade diverse.

Abbiamo partecipato con entusiasmo all'iniziativa del WCER. Questo finché non abbiamo realizzato, a poco a poco, che la maggior parte delle associazioni erano razziste e fasciste che si servivano dell' "idea" di paganesimo per mascherare la loro attività. Nel 2010 la Federazione Pagana, in linea con i propri principi, abbandonò il WCER che nel frattempo cambiò il nome in ECER circoscrivendo la partecipazione al solo ambito europeo. Tutti i nostri tentativi di discutere sulla "natura degli Dèi" furono delusi e frustrati. Non avevano nessuna idea teologica e nessuna idea religiosa che non fosse una riproposizione delle idee cristiane.

Oggi questo spezzone di filmato rappresenta quasi un "documento antico" che certifica i propositi della Federazione Pagana fin da 20 anni fa.

Grazie al lavoro di Ferdinando siamo in possesso dell'intero documento di quel Congresso (come del Congresso di Bologna nel 2010) capaci di testimoniare l'ambiente che abbiamo attraversato. In ogni caso, conserviamo molti ricordi positivi e l'amore per la Grecia non ci ha mai abbandonato.

 

04 aprile 2024

Tafuri, Inno Orfico a Sole

Lo sforzo di Tafuri di far accettare gli Inni Orfici ai cristiani volendo dimostrare come ci siano relazioi fra gli Inni Orfici e il cristianesimo è, a dir poco, patetico.

Il Sole è un Dio, ma a Tafuri interessa controllare la relazione che hanno gli uomini nel mondo legittimando il suo "cristo" in relazione al Sole.

Scrive Tafuri, fra l'altro, commentando l'Inno Orfico a Sole

18. Occhio di rettitudine: cioè causa che ci mostra, per mezzo del continuo ritorno degli anni (e) dell'uguaglianza delle stagioni, come dobbiamo agire anche noi; e, infatti, anche il nostro Cristo ci disse che noi dobbiamo imitare il nostro Padre che è nei cieli, e l'uomo ha due padri, quello naturale e il Sole.

Matteo Tafuri, Commento agli Inni Orfici, Ed. Bompiani, 2021, Pag. 193

Tafuri fa molti accostamenti del cristianesimo con gli Inni Orfici, da un lato appaiono comprensibili viste le condizioni nelle quali viveva la cultura nel suo tempo, dall'altro lato, questi accostamenti appaiono fastidiosi perché si vuole attribuire al cristianesimo una morale che gli è estranea. Una morale che serve solo a trasformare gli individui sottomessi e obbedienti mentre si sparge il terrore della strage contro gli "infedeli".

 

04 aprile 2024

Riflessione sulla Stregoneria

Stregoneria Pagana

Modificata la pagina d'ingresso di Stregoneria Pagana.it. Aggiunto un filmato su "Come si diventa stregoni e perché" e il testo di riflessione sul Poema sulla Natura di Parmenide (quello che è rimasto) e le sue farneticazioni assolutiste (è considerato il padre dell'ontologia).

La pagina d'ingresso del sito stregoneriapagana.it presenta i principali contenuti del sito stesso. La Stregoneria per ciò che è per coloro che praticano Stregoneria e non per ciò che vogliono che sia coloro usano la parola "Stregoneria" come uno spauracchio per allontanare le persone dalla partecipazione della vita e tenerle sottomesse.

E' ben chiaro, a chi pratica Stregoneria, che per quanto le persone siano attratte dall'idea vengono allontanate dall'educazione che hanno ricevuto che le costringe ad identificare sé stesse col modello "creato da un Dio" e non come soggetti che vivono in perenne trasformazione in un mondo che si trasforma continuamente. Focalizzare la propria attenzione sul mutamento, anziché sugli effetti del mutare, è forse la maggior difficoltà delle persone educate cristianamente.

Il filmato ha lo scopo di separare la pratica della Stregoneria da pratiche che nulla hanno a che vedere con la Stregoneria ma, verso essa, praticano l'inganno illudendo le persone. Una volta che le persone vivono l'illusione, per esse non è più possibile fare nulla. Le persone hanno perso sé stesse e, anche se in un certo momento della loro vita hanno intrapreso un cammino, quel cammino è irrimediabilmente perduto.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

03 aprile 2024

Quando le persone parlano

Non è semplice capire le persone quando parlano.

Considerando una situazione, per quanto è possibile, nel momento presente che si vive, ammesso che le persone siano in grado di percepire tale situazione più o meno allo stesso modo, esistono almeno tre modi differenti di pensare e di vivere quella situazione.

Ci sono persone che hanno lo sguardo rivolto al passato e interpretano il loro vissuto presente in base al passato nel quale hanno fissato la loro attenzione. Gli avvenimenti saranno interpretati col modello del passato, di un già vissuto, e verranno esposti come una sorta di ripetizione del passato.

Ci sono persone che hanno lo sguardo rivolto al presente e che separano il divenuto storico del presente dal presente stesso e pensano al presente come una sorta di assoluto. Per costoro gli avvenimenti sono avvenimenti in sé. Cause ed effetti sono conchiusi nel presente, non hanno una storia, non hanno una trasformazione, non sono il prodotto di un divenuto, non sono portatori di altro che non di sé stessi. Per costoro, gli avvenimenti vissuti non sono effetti che si trasformano in cause pronti a generare altri effetti.

Ci sono persone che hanno fissato la loro attenzione al futuro, qualunque sia questo futuro, e che vivono il presente non in quanto presente, ma in quanto artefice del futuro su cui hanno centrato la loro attenzione. Nelle loro parole quel futuro è già presente. Vive ed agisce ora e quando queste persone parlano appaiono, agli altri, come dei "mitomani" che fanno affermazioni che non hanno riscontro né nel presente né nel passato.

Ovviamente, questi tre tipi di persone non si capiscono e dal punto di vista della percezione vivono, fra loro, attraverso le loro affermazioni, un conflitto attraverso il quale si contendono la definizione della realtà nella quale vivono.

Questi diversi modi di pensare hanno delle precise condizioni ideogiche perché, questo modo di collocarsi nell'esistenza, necessita di una definizione ideologica per entrare in conflitto con diversi modi di vedere la realtà che, a loro volta, elaborano diverse definizioni ideologiche.

 

03 aprile 2024

Oceano, Teti e i loro figli nella Teogonia di Esiodo

Oceano, Teti e i loro figli nella Teogonia di Esiodo

Ricordo come i Titani, figli di Gaia e Urano Stellato, sono la manifestazione del movimento e della trasformazione dell'esistente coniugato in tutti i diversi modi.

Riporto dalla pagina:

Lo scorrere è il senso intimo dei figli di Oceano e Teti.

I fiumi della vita, i fiumi dell'esistenza degli Esseri della Natura. Uno scorrere continuo in un mutare senza sosta verso una meta più o meno pensata e considerata.

Lo scorrere dei fiumi emotivi che generano la vita là dove trovano vortici e gorghi che possano compattare in qualche modo Eros che emerse dall'uovo luminoso. Lo scorrere dell'universo e lo scorrere del torrente sotto casa che, gonfio da una pioggia improvvisa, allaga villaggi, città e campi. Tutto si trasforma, nell'universo come sotto casa.

Oceano, lo scorrere della vita e Teti, l'ava, la Nonna, colei che giacendo con Oceano genera i fiumi turbinosi dell'esistenza umana. Teti è la fonte dalla quale i fiumi sgorgano e l'infinito è il mare a cui tendono.

Tutto scorre.

Tutto diviene e si trasforma in un cessante mutare che ha il suo presente nel mondo del tempo in cui, l'azione e lo scorrere, sono un presente che si manifesta ora. Lo scorrere, il trasformarsi continuo, è il presente in cui genero l'azione che, agendo nello scorrere, si fa sostanza e rappresentazione della mia esistenza. Nello scorrere dell'universo tutto lo scorrere è presente ora, perché le infinite azioni dello scorrere si fanno oggetti nel tempo che determinano le mie decisioni al di fuori dell'ordine razionale che vuole mettere un ordine temporale alle azioni.

--CONTINUA AL LINK---

 

03 aprile 2024

La situazione di oggi e la situazione di Cicerone

La situazione che stiamo vivendo oggi, non è molto dissimile dalla situazione che viveva Roma ai tempi di Cicerone.

La violenza di Cicerone pose fine a Roma alla libertà di parola e, dopo Cicerone, sparì l'era degli oratori.

Alla libertà di parola e di argomentazioni si sostituì la libertà di farneticare e la libertà di farneticare impose al più debole la libertà di adulazione.

Il miliardario Cicerone, tornato dall'esilio in Grecia dopo il genocidio che aveva commesso nei confronti dei popolari di Catilina, si circondò di decine e decine di scribi a cui dettò, o fece scrivere, i suoi trattati di esaltazione della potenza dell'assoluto stoico di cui egli si sentiva la manifestazione ponendo le basi ideologiche per la distruzione della Repubblica già iniziata da Silla.

Una situazione ideologica che poi fu continuata da altri, come il famigerato Seneca forse uno dei fondatori del cristianesimo in nome dell'assolutismo imperiale.

La situazione di oggi non è molto diversa. Dalla libertà di inchiesta si è passati alla libertà di farneticazione, al diritto di fare propaganda assolutista e sovranista, al diritto di incarcerazione senza processo e senza reato (vedi l'internamento degli immigrati) fino alla libertà di deportazione (vedi gli accordi Italia-Albania).

Il parassitismo sociale è diventata la prassi della Repubblica e la parola "Democrazia" ha assunto il significato di "metodo per far fessi i cittadini illudendoli per poterli derubare e immiserire). La parola d'ordine "esportare la democrazia" ha assunto il significato di "macellare le persone per privarle delle condizioni di vita che hanno raggiunto con fatica". In Italia, la parola "democrazia" ha assunto il significato "metodo retorico che garantisce l'impunità di delinquere e ingannare".

Con questo metodo si vuole aprire la strada all'assolutismo sovranista, come fece Cicerone aprendo la strada alla distruzione della Repubblica con l'avvento dell'impero, che seppellirà la Costituzione della Repubblica e, con essa, i diritti dei cittadini. La situazione non è molto diversa. Cicerone sventolava il proprio essere il Logos degli stoici, i nuovi profeti sovranisti sventolano il crocifisso coniugato in tutte le varie salse (cattolici, ortodossi, evangelici, anglicani, protestanti, ecc.).

 

Pagina specifica del giorno

 

 

02 aprile 2024

Esiodo e la sua visione divina

Nera Notte e i suoi figli

Ho modificato anche le pagine relative a Nera Notte, sia quella in Esiodo che quella che parla della via alla Stregoneria della quale metto il link. Ho modificato la pagina che parla di Echidna e Tifone e la pagina relativa alla "creazione" di Nereo.

In Esiodo ci sono varie "discendenze" che definiscono i vari aspetti del venir in essere della realtà in cui viviamo. Credo che nemmeno Esiodo conoscesse il significato di quanto scriveva. Secondo la mia opinione elaborava altre storie, storie che apparivano belle, ma senza conoscere i contenuti religiosi che quelle storie contenevano.

Il link che metto è relativo alla relazione che esiste fra i figli di Nera Notte e le trasformazioni dell'uomo. Nella pagina ho caricato anche un filmato che racconta quanto è scritto, così, in questo caso, oltre al testo c'è l'audio che permette di ascoltare.

 

02 aprile 2024

Il delirio di onnipotenza nella società

Il delirio di onnipotenza, imposto nelle persone dal cristianesimo, non si esprime solo con azioni apparentemente eclatanti, ma soprattutto attraverso i piccoli gesti quotidiani che poi, alla fine, non sono così piccoli dal momento che mettono in difficoltà le persone più fragili.

Il delirio di onnipotenza ha alla sua base il disprezzo per l'altro. Un altro che viene considerato inferiore e, in quanto tale, non meritevole di attenzione o di diritti particolari.

Il delirio di onnipotenza si esprime attraverso atti che affermano la superiorità del delirante rispetto alla sua vittima. Una vittima alla quale è riconosciuto solo il diritto di sottomettersi al delirante.

L'esempio del parcheggio "selvaggio" dei cattolici durante la commemorazione della loro Pasqua è un esempio di disprezzo dei cristiani che imita lo stesso disprezzo bullesco che Gesù teneva con i farisei. Il bullo che vive di impunità fintanto che non fa un'azione di provocazione o alle persone sbagliate o tanto grave da non poter più essere ignorata.

Sono educati ad essere sovranisti, a proclamare "Roma ladrona" o "prima i veneti" in quel delirio da superiorità della razza che deve garantire loro l'impunità per ogni atto di bullismo e di violenza messo in atto contro chi non si può difendere.

Questo comportamento è stato sanzionato con delle contravvenzioni (che molti di loro non pagheranno in attesa di un qualche condono) ma spesso gli atti di violenza sui più deboli non vengono sanzionati perché spesso, agli occhi di qualche magistrato, appaiono come "fatti lievi" in quella necessità furiosa di alimentare e proteggere il terrorismo contro chi non si può difendere. Sono state necessarie delle leggi speciali per difendere le donne dalla violenza domestica e, ancor oggi, ci sono magistrati che favoriscono la violenza domestica in nome del sovranismo cristiano.

[fonte: Il Gazzettino on line]

 

02 aprile 2024

Gaia generatrice

Gaia generatrice

Continuo a ritoccare le pagine relative a "La stirpe dei Titani" della Teogonia di Esiodo.

Si tratta di mettere in ordine l'idea della trasformazione del mondo e, per conseguenza, di quel noi stessi che abitiamo il mondo.

Dopo i lavori che sono stato costretto a fare in questo fine settimana ho ripreso sia con gli Inni Orfici, sia nella sistemazione delle pagine dei siti web.

Purtroppo il lavoro è molto e un po' alla volta introdurrò i filmati nelle varie pagine dei siti cercando di fare una specie di ordine nel mare di pagine che ho condiviso in internet.

 

Pagina specifica del giorno

 

 

Per continuare a consultare i post di aprile 2024, clicca qui

 

Per continuare a consultare i post di marzo 2024, clicca qui

Per continuare a consultare i post di Febbraio 2024, clicca qui

Per continuare a consultare i post di Gennaio 2024, clicca qui

Per continuare a consultare i post di dicembre 2023, clicca qui

 

Il significato di alcuni vocaboli.

 

La Federazione Pagana esprime la
Religione Pagana

Una religione si caratterizza per un proprio pensiero religioso che coinvolge l'uomo nelle relazioni con la divinità. Nel caso della Religione Pagana coinvolge l'uomo con gli Dèi.

Una religione deve rispondere a: Che cosa sono gli Dèi? Che cosa è l'uomo? Che cosa e perché delle relazioni fra gli uomini e gli Dèi?

Senza un pensiero religioso, non esiste una religione.

Il pensiero religioso espresso dalla Federazione Pagana

Per avere una panoramica veloce degli arogmenti del sito

Una religione si caratterizza per i propri riti religiosi coerenti con il proprio pensiero religioso. I riti caratterizzano la religione e ne sottolineano gli aspetti ideologici.

Una religione che chiede agli uomini di sottomettersi al suo Dio, manifesta una qualità di riti; una religione che libera l'uomo dalla sottomissione, esprime una diversa qualià di riti religiosi.

I riti religiosi della Religione Pagana

Costruire il pensiero religioso della Religione Pagana è un lavoro immenso. Si è reso necessario aprire altri due siti web pre presentare il lavoro teologico e di filosofia metafisica relativa alla Religione Pagana.

Il sito web di Stregoneria Pagana

Il sito web della Religione Pagana

Entrambi i siti sono estensioni del sito web della Federazione Pagana

Un pagano discute pubblicamente e confronta con altri le proprie idee religiose. Dal 1996 al 2007 attraverso una radio chi pratica Religione Pagana si è misura con i cittadini e, in particolare, con i cristiani.

Dieci anni di dibattiti sulla Religione Pagana

Chi pratica Religione Pagana cerca sempre di conoscere le persone, il mondo e le altre religioni esponendo la propria.

Per questo la Federazione Pagana ha partecipato a vari eventi esponendo il proprio modo di guardare e pensare il mondo.

Le attività pubbliche della Federazione Pagana

La Federazione Pagana si è data uno Statuto Associativo anche se per questioni di "opportunità" ha ritenuto di dover limitare le iscrizioni.

Lo Statuto serve per definire le attivà della Federazione Pagana, gli scopi e gli intenti dei vari membri della Federazione Pagana.

Lo Statuto Associativo della Federazione Pagana

Contattare i membri della Federazione Pagana è facile. Siamo presenti su Facebook dove quotidianamente pubblichiamo le nostre idee religiose.

La Federazione Pagana in Facebook

Alcune particolarità della Federazione Pagana

Articoli di stampa sulla Federazione Pagana

 

 

I riti della Federazione Pagana si celebrano presso il Bosco Sacro in Jesolo - Venezia presso il Bosco Sacro di Jesolo via Ca' Gamba 7^ traversa 3B.

Tutti sono invitati, NULLA DA PAGARE.

 

The Federazione Pagana and the tradition of Pagan Religion

 

     

welcome enter here

Sito di Claudio Simeoni

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

 

Ultima modifica 12 febbraio 2021

Questo sito non usa cookie. Questo sito non traccia i visitatori. Questo sito non chiede dati personali. Questo sito non tratta denaro.