I Grandi Guardiani che portano
gli Esseri Umani a diventare Dèi

Capitolo nono - diventare Dèi

di Claudio Simeoni

indice di ciò che porta a diventare eterni
nella religione di Roma antica

 

I Guardiani sono quei centri di Energia Vitale che preservano, relazionandosi, l'espansione dell'Essere, di ogni Essere, di ogni specie della Natura.

Un Guardiano può essere inteso come una "qualità" che emerge da una quantità di conoscenza che la specie accumula nel suo vivere e nel suo abitare il mondo.

Quando l'Essere Umano sviluppò la ragione, questi Guardiani si sviluppano preservando il legame fra la ragione, che vuole dominare l'Essere Umano, e la tensione emotiva che porta allo sviluppo dell'Essere Luminoso che cresce dentro all'Essere Umano mediante l'impiego delle emozioni nelle azioni quotidiane. Questi Centri di Energia Vitale crescono soltanto nella misura in cui svolgono la loro funzione di relazione fra la ragione dell'Essere Umano e lo sviluppo del suo corpo luminoso. Fra la descrizione della forma del mondo e la manifestazione emotiva. L'Essere Umano può scordare i fini della sua esistenza. Ma Necessità, forgiata nel corso dell'evoluzione della specie, ha imposto delle azioni "obbligatorie" dalle quali l'Essere Umano non può prescindere. Quelle necessità conducono l'Essere Umano anche quando la sua ragione lo costringe a brancolare nel buio.

I Guardiani conducono per mano la ragione dell'Essere Umano mostrandogli il modo migliore per preservare sé stessa. Così facendo i Guardiani portano la ragione a svilupparsi favorendo anche lo sviluppo dell'Essere Luminoso che cresce dentro all'Essere Umano. La ragione non può ignorare le condizioni della sua esistenza. La ragione non può separarsi dalle necessità della struttura emotiva dell'Essere Umano. Non può ignorare il corpo desiderante e i bisogni anche quando non conosce origine e significato di quei bisogni.

La ragione è costretta a relazionarsi con questi Centri di Energia Vitale e anche se li ignora non comprendendone la funzione, di fatto si allinea a quelle pulsioni soggettive per favorire il suo stesso sviluppo. In questo modo favorisce l'emergere del corpo luminoso e dei suoi bisogni che contribuiscono a lanciare l'individuo nell'infinito dei mutamenti; oltre la ragione stessa. Questi centri vitali sono spesso comuni a ogni altro Essere della Natura, ma agiscono prevalentemente sull'Essere Umano in quanto l'Essere Umano (e alcune altre specie che con l'Essere Umano hanno in comune la stessa via allo sviluppo della propria conoscenza e della propria consapevolezza) ha sviluppato una ragione ossessiva delegando a questa una sorta di "diritto" di controllo dell'intero individuo. Il tentativo di descrivere il mondo da parte della ragione ha sviluppato il pericolo di far soggiacere a questa descrizione sia la struttura emotiva dell'uomo sia tutte le pulsioni che hanno condotto la specie nel corso dell'evoluzione.

Ci sono due ordini generali di Guardiani che la Specie Umana si è data nel tentativo di diventare eterna: quelli in linea e in funzione del proprio sviluppo come Essere della Natura e quelli all'interno dello sviluppo culturale come Esseri sociali. Tutti i Guardiani sono entità viventi in perenne espansione. L'uso dei guardiani porta la specie umana a diventare eterna. Tutti hanno la funzione di conservare e riprodurre la memoria esistenziale della specie per preservare il ricordo esperienziale del proprio divenuto anche quando la ragione dimentica gli scopi per cui esistono le pulsioni vitali nella specie umana. Anche quando il tentativo di dominio, che separa il corpo dall'anima, tende ad annichilire le forze vitali dell'uomo in funzione di una morale comportamentale.

Anche sotto il tallone di ferro del macellaio di Sodoma e Gomorra e dei suoi poliziotti, questi Guardiani, formatisi nel corso del divenire della specie, permettono agli Esseri Umani di percorrere un sentiero virtuoso volto a diventare eterni. Si dimenticano i fini dell'esistenza, ma le sensazioni di cosa sia bene fare per sé stessi nella relazione col circostante ci permette di accumulare Energia Vitale tale da consentire all'Essere Umano di superare la morte del corpo fisico trasformandola in nascita del corpo luminoso.

I Guardiani non curano la relazione fra l'Essere Umano e il circostante, curano l'Essere Umano per predisporlo alla relazione col circostante.

Quanto definiamo come Guardiano, spesso è solo un aspetto del Centro di Energia Vitale che si manifesta nell'esistenza del singolo individuo all'interno della sua struttura culturale, della sua conoscenza e del suo sapere soggettivo. L'Essere della Natura ritaglia il Guardiano da un Centro di Energia Vitale che può manifestare più guardiani per soggettività diverse. L'Essere Umano non coglie né è formato dall'insieme in cui vive, ma da quell'insieme mette insieme una serie di condizioni che formano la specificità dell'Essere Umano. Come fa ogni Essere dela Natura. Il Guardiano, per quanto riguarda i suoi effetti sulla ragione, serve a garantire all'individuo un non ritorno dopo il faticoso cammino per la fondazione della sua ragione. Serve a fissare gli elementi esperienziali del proprio divenuto.

Proprio perché questi elementi sono Centri di Energia Vitale tali da incamminarsi lungo cammini di mutamenti per diventare eterni sono vigili affinché gli Esseri Umani percorrano quei mutamenti e li facciano propri relazionandosi con essi. Per allontanare un individuo dalla relazione con questi Centri di Energia Vitale è necessaria un violenza che superi la forza del divenire della specie e solo i cristiani, nella storia, saranno in grado di dispiegarla distruggendo il divenuto degli Esseri Umani costringendoli a rinnegare sé stessi costruendo percorsi esistenziali formati dall'angoscia, dall'attesa della provvidenza, dall'attesa della salvezza, dalla sottomissione, dalla contrizione, dai sensi di colpa, ecc.

Sicuramente ci sono altri centri di Energia Vitale che agiscono come Guardiani per preservare il divenire degli Esseri Umani, ma citare questa serie permette di comprendere come l'Essere Umano in realtà non è mai stato solo nella sua lunga lotta per la fondazione del proprio divenire contro l'orrore cristiano. Permette di capire perché i cristiani non sono mai riusciti a mettere in ginocchio l'Essere Umano trasformandolo in succube del suo dio anche quando l'Essere Umano non sapeva né leggere né scrivere ed era stato privato della capacità di guardare il tempo mentre viene incontro.

Il circostante chiamava l'Essere Umano affinché l'Essere Umano si prendesse nelle proprie mani la responsabilità della propria esistenza.

Per sottrarre l'Essere Umano dalla sottomissione alla morale del suo dio padrone doveva agire su quanto la Specie Umana aveva forgiato nel corso del suo divenire. Doveva attivare la capacità dell'Essere Umano di guardare l'Universo per rivendicare il diritto al proprio Potere di Essere. Il circostante si manifestava attraverso la sensibilità dei Guardiani che da dentro l'Essere Umano premevano affinché prendesse nelle proprie mani il proprio divenire.

Per distruggere l'Essere Umano i cristiani dovevano annientare i Guardiani che costruivano l'Essere Umano e per poterli distruggere il cristiano doveva sottometterli ad una volontà esterna che dettava regole morali e comportamentali. Trasformarono in "immorale" il piacere sessuale e trasformarono in un "Male da combattere" il desiderio che spinse gli Esseri ad uscire dal brodo primordiale e alla diversificazione delle specie dell'Essere Natura. In altre parole, tentarono di strappare il senso al Guardiano. Anziché rappresentare il bisogno e la necessità espressa dal Guardiano per fondare il divenire dell'Essere Umano, usarono la repressione dei bisogni e delle necessità per sottomettere l'uomo costruendo sofferenza.

Se per i "pagani" l'assoluto era il divenire dell'Essere Umano, per i cristiani l'assoluto era il loro dio. Dunque, i Guardiani dovevano essere piegati a questo nuovo assoluto. Non bisogna mai dimenticare come le necessità dell'imperatore dio prima e i cristiani dopo hanno piegato il senso dei Guardiani per farli coincidere alle proprie necessità e che quanto noi oggi possiamo raccogliere è quanto è filtrato superando la distruzione della memoria che hanno messo in atto. Pertanto, le notizie sugli antichi riti sono spesso distorte dall'azione distruttiva dei cristiani e noi dobbiamo passare al setaccio la diffamazione cristiana per raccogliere il senso religioso degli Antichi.

La costruzione dell'Essere Umano, il suo divenire eterno, avviene nell'Abbondanza. I cristiani servono il loro dio soffrendo (essenzialmente facendo soffrire gli altri), le persone di Roma Antica facevano di Abbondanza il modello dell'esistenza sociale. E' Abbondanza o Copia che indica all'individuo Necessità di costruire benessere e ricchezza per sviluppare il proprio divenire eterno. Costruire; non appropriarsi saccheggiando.

Abbondanza ha un valore religioso per chi trasforma merci in prodotti e ha un valore religioso diverso per chi si appropria di merci e prodotti togliendoli ad altre mani. Entrambi chiamano il possesso Abbondanza. Per i costruttori Abbondanza è un Centro di Energia Vitale verso cui tendere e con cui relazionarsi attraverso il loro sapere e la loro Conoscenza; per i saccheggiatori abbondanza è la quantità di bottino che sono riusciti ad appropriarsi distruggendo l'esistente. I saccheggiatori distruggono Abbondanza per avere abbondanza di merci e prodotti.

Avere in abbondanza, per i distruttori e i profittatori, significa costruire la miseria in chi si relaziona con Abbondanza. In chi costruisce Abbondanza per fondare il proprio divenire nell'eternità. Avere in abbondanza significa costruire la miseria fra chi ha la capacità di relazionarsi con Abbondanza per costruire il divenire della propria specie. Il costruttore deve difendere il costruito e nello stesso tempo deve diffondere la capacità di costruire come elemento del divenire della propria specie a difesa della sua capacità di costruire. La capacità di costruire e di manipolare merci trasformandole in prodotti atti a soddisfare i bisogni umani rappresenta la relazione fra gli Esseri Umani e Abbondanza per costruire il loro divenire eterni come Esseri Umani e come Abbondanza in relazione con loro.

Quanto preoccupa l'Essere Umano è quanto lo blocca o gli crea difficoltà nello sviluppo del proprio divenire. Davanti alle difficoltà dell'esistenza l'Essere Umano deve Curare la predisposizione di sé stesso per superare le difficoltà. Deve mettere Attenzione nella sua azione per impedire all'oggetto della sua preoccupazione di sopraffarlo.

Questo aspetto specifico lo troveremmo ripetuto più volte sia in Centri di Energia Vitale che esprimono esigenze diverse in situazioni specifiche e generali sia nelle azioni sacre della religiosità romana attraverso la Lustrazione dei Salii o l'azione dei Fratelli Arvale o, ancora, nell'intervento degli Auguri e degli Aruspici prima di intraprendere qualunque azione importante per la società di Roma.

Curare quello che si fa in funzione del proprio divenire. Mettere Cura; relazionarsi con Cura; diventare Cura. Questo centro di Energia Vitale attrae gli Esseri Umani ogni qual volta si predispongono ad intraprendere qualche cosa. Il suo sviluppo è Furia. Quando Cura non si può esprimere per la soddisfazione delle necessità allora subentra Furia per spezzarne gli impedimenti. Solo che Furia tende ad appropriarsi dell'Essere Umano e del suo agire, pertanto il farsi Furia rappresenta l'ultima risorsa.

Il lato nero di Cura è quando viene espressa dal Potere di Avere. Mettere cura per dominare gli uomini. Curare gli uomini in funzione di un modello prestabilito. Il padrone che cura gli uomini affinché si sottomettano al suo dominio. Un modello di cura del Potere di Avere sono i campi di sterminio. La cura contro i diversi.

I cristiani hanno tre scimmiette: non vedo, non sento e non parlo. Indicano queste tre scimmiette come virtù per sé stessi e come difetto riprovevole nei loro schiavi. Fama è l'opposto di questo. Non è sottoposta a gerarchia ed è talmente libera da vivere in un luogo posto fra la terra, il cielo e il mare: in ogni luogo dove solo la percezione umana può giungere.

Fama è raffigurata con grandi ali piene di occhi, di bocche e di orecchie. Fama nega il segreto. Diffonde qualunque cosa vede e sente. I cristiani imporranno il segreto perché il segreto serve a nascondere Inganno agli occhi degli Esseri Umani e solo col segreto si può ingannare gli Esseri Umani rubando loro il divenire. Nulla deve essere nascosto, ogni cosa deve essere manifesta. Questo dice il Centro Vitale Fama. Quando sgomento un Essere Umano si rivolge a Fama per poter affrontare quanto ignora, Fama gli risponde: "I segreti o si svelano o si ignorano! I segreti si costruiscono con le parole della ragione, costruisci il silenzio e giungerai all'essenza del segreto che potrai distruggere mediante la tua azione!".

Il segreto è solo illusione. Solo chi usa il terrore attraverso il quale diffondere sottomissione ha paura dei segreti di chi nasconde le proprie intenzioni per poter continuare ad esistere senza autodistruggersi.

Dice il terrore cristiano: non c'è nulla di quanto detto in segreto che non sarà manifesto. Ma in segreto c'è solo il cammino di libertà quando il terrore non concede altre vie. Allora Fama alimenta il bisogno della Conoscenza per alimentare il cammino di Libertà. Cerca, guarda, ascolta, diffondi, così costruirai Libertà. Fama spinge gli Esseri Umani perché solo il terrore ha bisogno di segretezza.

Quando gli Esseri Umani inventarono la stampa e diffusero la scrittura e la lettura, scoprirono la miseria dottrinale dietro la quale si celava il macellaio di Sodoma e Gomorra e con quanto terrore i cristiani hanno coperto e coprono la sua descrizione. Fama spinge gli Esseri Umani a Conoscere e a diffondere affinché nessuno possa costruire catene con le quali bloccare il loro divenire nell'eternità. Il cristianesimo ha trasformato Fama in una sorta di mito; oggettivazione dell'oggetto da venerare, ma da non usare. I cristiani impedirono la diffusione dell'azione e della conoscenza. Per farlo trasformarono in astrazione gli Dèi riempiendoli di aggettivi con cui soggiogare gli Esseri Umani. Costrinsero gli uomini a pregare Fama anziché mettere in atto delle azioni mediante le quali diventare essi stessi Fama.

I cristiani hanno svuotato Fama della Conoscenza per trasformarla in apparenza, vestita di nulla, davanti alla quale mettere in ginocchio gli Esseri Umani. Il loro dio avrebbe inviato "la fama" a chi lui voleva inviarla. Ridotta in un "dono di dio" Fama può essere manipolata da chi pensa di averle spezzato le ali nel tentativo di distruggere il divenire degli Esseri Umani vendendo a questi Inganni per fini funzionali ai loro padroni.

Agire nell'armonia. Agire costruendo e dilatando sé stessi consente al circostante di dilatare sé stesso. Distruggere il circostante equivale a distruggere sé stessi. Distruggere sé stessi per non distruggere il circostante. Tre modi per relazionarsi col circostante, ma solo il primo è il risultato della relazione fra l'Essere Umano e Favore. Solo il primo fonda il proprio divenire eterno e perciò viene reso favorevole da un circostante che, relazionandosi con Favore, fonda il proprio divenire eterno. E' Favorevole quanto l'Essere Umano costruisce attraverso il suo Sapere e la sua Conoscenza, è favorevole quanto coincide con i bisogni e le necessità del circostante. Quanto coincide con il divenire del circostante Fors, dal quale la ragione prese forma incominciando la propria descrizione e limitazione. Il circostante favorisce quanto è in armonia con sé stesso. Quanto favorisce il suo diventare eterno.

Per la ragione dell'Essere Umano è come muoversi bendata dentro il "caos" del circostante con la paura che questo caos l'avvolga e la distrugga. Fors distrugge la ragione solo quando questa cessa di dilatarsi in Fors, si chiude in sé stessa, porta l'Essere Umano alla distruzione attraverso la sottomissione. Per i cristiani era necessario distruggere l'Essere Umano e per far questo era necessario distruggere Favore e il suo divenire attraverso la coltivazione dell'armonia fra l'Essere Umano e il suo circostante. I cristiani imposero la loro morale e la loro etica, fatta di sottomissione, al loro dio e a sé stessi in quanto suoi rappresentanti. Solo sottomettendosi a loro si potevano ottenere i loro favori. Favori che consistevano nel sottomettere gli Esseri Umani rubando loro il pane. E' nota la guerra condotta, fra gli altri da Gelasio I, il corrotto, per costringere re e imperatori a sottomettersi alla chiesa cristiana per ottenere i suoi favori attraverso i quali sottomettere e gestire gli schiavi umani. I cristiani tentarono di distruggere il Centro di Energia Vitale Favore distribuendo diritti di assoggettamento.

Fede è un guardiano attraverso il quale l'Essere Umano costruisce la relazione col circostante. L'Essere Umano deve essere uguale a sé stesso. Non deve costruire Inganno rispetto a sé stesso. Per non costruire inganno rispetto a sé stesso non deve costruire Inganno rispetto al circostante. Ingannare significa costringere sé stessi a far proprio Inganno come metodo di relazione col circostante.

Indubbiamente, quando si riesce ad imporre Inganno al circostante ci si sente molto furbi, ma Inganno avvolge e fa proprio l'ingannatore che finisce per ingannare il circostante ingannando sé stesso. Quando Inganno si appropria dell'individuo questo non riesce più a distinguere il circostante. Non riesce più a distinguere quanto nel circostante agisce favorendo il suo sviluppo e quando agisce per distruggerlo. Inganno, appropriandosi dell'individuo, lo inchioda all'attimo presente impedendogli di guardare il tempo mentre viene incontro. Inganno, avvolgendo l'individuo, gli impedisce di compattare sé stesso nei confronti del circostante. Così il circostante per poter svilupparsi è costretto a distruggere e liberarsi dell'individuo che inganna in quanto la sua presenza e la sua azione impediscono lo sviluppo del circostante. Solo che il circostante lavora sui mutamenti mentre l'individuo agisce nell'immediato attraverso un'azione circoscritta alla forma con cui la ragione descrive il mondo. Il risultato è che il circostante, alla scomparsa dell'individuo ingannatore, continua a svilupparsi mentre l'individuo che semina inganno come metodo di relazione fra gli individui viene indotto a commettere un errore, un solo errore, nell'unico inganno che lo fermerà. L'uscita da Inganno implica tanta fatica quanta è stata necessaria per imporre Inganno. Fede indica agli Esseri Umani come ogni cosa sia uguale a sé stessa ed è necessario essere uguali a sé stessi per affrontare il circostante, fondersi e percorrere un cammino virtuoso verso il proprio divenire eterni. I cristiani trasformarono Fede in fedeltà. Fedeltà ad un padrone, ad un dio. Non ci può essere Fede ad Inganno. Non si può essere fedeli ad un Inganno. Libertà lo vieta. L'Essere Umano si sente insoddisfatto, la ribellione monta, Furia si scatena. Fede mantiene l'Essere Umano legato al proprio Essere, alle proprie trasformazioni, al proprio divenire.

Spesso la ragione trasforma questa "fedeltà" a sé stessi come diritto ad appropriarsi dell'esistente esattamente come essa si arroga il diritto di appropriarsi dell'individuo. Appropriarsi dell'esistente, piegandolo ai bisogni condizionati della ragione, non è Fede, ma è rantolo di impotenza davanti al mondo che ci circonda. Anche l'immagine con la quale viene raffigurata Fede, con un cane accanto, viene deformata dal Comando Sociale. "Il cane è fedele al proprio padrone" dice il Comando Sociale.

In realtà l'Essere Cane non è fedele ad un proprio "padrone" è compartecipe della stessa banda, della stessa muta. L'Essere Cane stipula un patto con un Essere Umano aiutandosi a vicenda per seguire la propria via al reciproco divenire eterni. L'Essere Cane non è assoggettato ad un padrone, è alleato ad un Essere Umano insieme al quale percorre il proprio sentiero. E' l'Essere Umano distrutto davanti al Comando Sociale; è l'Essere Umano assoggettato, piegato e sottomesso che ritiene di essere padrone di un cane e pretende che questo lo obbedisca esattamente come il Comando Sociale pretende che egli obbedisca.

L'Essere Cane si arrende davanti a questo comportamento, lo subisce, ne soffre, non riesce a modificarlo. Si limita a subirlo sperando in un cambiamento. Certi Esseri Cani hanno prodotto dei grandi mutamenti, dei grandi divenire trasformando la morte del loro corpo fisico in nascita dell'Essere Luminoso di origine Essere Cane, ma quanti hanno sofferto perché il padrone li considerava poco meno di giocattoli e pretendeva obbedienza da loro? Di quanta sofferenza è seminata la strada del divenire eterno di ogni Essere della Natura ogni volta che costui costruisce una relazione simbiotica con un Essere Umano assoggettato al Comando Sociale o parte, esso stesso, del Comando Sociale?

Questo guardiano provvede affinché nessun Essere Umano dimentichi la fedeltà a sé stesso in relazione al circostante e alimenti ogni Essere che agendo per sviluppare sé stesso contribuisce a sviluppare il circostante. Questo Guardiano prese forma e vita col primo respiro del primo Essere della Natura quando espresse la necessità di svilupparsi. Quando considerò sé stesso importante, fondamentale e attraverso il ritenere sé stesso importante fece dello sviluppo di sé stesso il fine delle sue azioni.

Con questo ritenne fondamentale lo sviluppo dell'oggettività in cui viveva per migliorare e favorire le condizioni del proprio sviluppo. Proteggere la fedeltà a sé stesso di ogni Essere è il compito di Fede. Soltanto proteggendo la fedeltà di ogni Essere per sé stesso si può proteggere ogni relazione simbiotica all'interno dell'Essere Natura rivitalizzando le Linee di Tensione e la forza del divenire attraverso i mutamenti che la attraversano. Fede è un grande guardiano del divenire umano. Lavora perché questo non possa venire messo in ginocchio. Fede agisce sugli Esseri Umani arricchendo la loro Energia Vitale mentre affrontano il circostante. Può aiutarli a percepire le opzioni attraverso le quali effettuare le loro scelte. Può arricchire chi sceglie cammini di Libertà. Altro, Fede non può fare; non può obbligare nessuno a scegliere cammini di Libertà dopo che ha distrutto la propria Energia Vitale attraverso la sequenza di scelte autodistruttive. Pertanto, anche quando la pulsione di morte degli adoratori del macellaio di Sodoma e Gomorra costringevano gli Esseri Umani a strisciare, Fede alimentava le scintille di libertà che ogni Essere aveva dentro di sé favorendo anche piccoli passi, piccoli sprazzi, attraverso i quali fondare il divenire. Fede è un grande guardiano di tutti gli Esseri della Natura; un grande guardiano per proteggere il divenire della Specie Umana.

Fortuna deve essere associata a Fors. Se Fors è il "caos" che circonda la ragione, Fortuna è un Centro di Energia Vitale che induce nell'Essere Umano la necessità di compattare sé stesso per affrontare lo sconosciuto e l'inconoscibile del mondo in cui vive. Fortuna deve essere associato a Fors in quanto l'Essere Umano diviene da Fors. Quando l'Essere Umano nasce dalla vagina della propria madre egli è il prodotto, per quanto ne può sapere la sua ragione costruita solo in un secondo tempo, dello sconosciuto che lo circonda e che lei non è in grado di affrontare. La ragione si costruisce. Nel momento in cui il feto si è trasformato in bambino, la ragione non era. Il bambino ha subito il mondo, si è adattato al mondo e, nel farlo, ha costruito la sua ragione.

La ragione è' divenuta dal momento della nascita. Quel divenuto non può essere soltanto subito. Il circostante esercita la propria volontà sul nuovo venuto e il nuovo venuto deve imparare a compattare sé stesso per affrontare il circostante esercitando la propria volontà. L'Essere della Natura deve affrontare il circostante con atteggiamento scettico e guardingo, pronto ad agire in ogni occasione, pronto a sfruttare le condizioni che si presentano, pronto ad adattare sé stesso alle condizioni imposte, pronto a sospendere il giudizio per meglio capire il mondo.

L'Essere della Natura, l'Essere Umano nel nostro caso, deve affrontare lo sconosciuto che gli viene incontro senza subire passivamente quanto lo circonda. In quanto lo circonda deve imparare a scegliere, deve disciplinare i suoi bisogni, le sue necessità e le sue scelte attraverso le quali soddisfare le sue necessità. Tutto ciò che è bene per il soggetto è tale in quanto un individuo l'ottiene compattando sé stesso e affrontando il circostante. Quanto ottiene un Essere Umano quando sostituisce la fondazione del proprio divenire sostituendo le possibili contrapposizioni con relazioni simbiotiche? Sostituire la violenza con cui possedere l'oggetto ad una relazione di "mutuo soccorso" con quell'oggetto stesso? Ogni Essere della Natura compatta sé stesso per ottimizzare la soluzione delle contraddizioni in funzione di un migliore sviluppo del proprio divenire. Costruire le condizioni per mettere in atto un adattamento favorevole al proprio sviluppo. Adattamento favorevole implica Fortuna. Implica lavoro in armonia con ogni adattamento; implica lo sviluppo del divenire del soggetto in relazione allo sviluppo dell'intero circostante.

La rappresentazione di Fortuna era quella di una giovane donna: il corpo luminoso in formazione attraverso le relazioni col circostante è sempre giovane e diventa adulto solo nel momento della morte del corpo fisico. Era rappresentata su una ruota. La ruota rappresentava il movimento. Il divenire che Fortuna implicava. Non si ha fortuna per esistere, si è Fortuna nel trasformarci. Fortuna è compattazione di sé stessi in funzione del proprio divenire. Gli occhi erano bendati in quanto lo sconosciuto del circostante è nascosto alla ragione. La ragione non conosce lo sconosciuto che ci circonda, ma compattare sé stessi ci permette di affrontare il circostante nelle migliori condizioni. Fortuna costruisce l'Essere Umano aiutandolo ad affrontare il circostante, non piega il circostante alla descrizione dell'Essere Umano.

Quando si è bendati nello sconosciuto si può essere compatti. Essere compatti significa affrontare il circostante seguendo un cammino di libertà e mentre si segue quel cammino ecco il circostante affiancare qualunque Essere della Natura che segue quel cammino. Fortuna è un Guardiano il cui scopo è selezionare gli Esseri nel loro percorso per diventare eterni. Compattare sé stessi permette di non essere distrutti dall'oggettività; significa indurre le Coscienze che scelgono a fare delle scelte favorevoli, o almeno non distruttive, al proprio divenire.

Essere compatti significa essere fortunati. Questo Guardiano degli Esseri della Natura ha affiancato ogni Essere della Natura nel momento stesso in cui ha affrontato la propria sequenza dei propri mutamenti. Gli Esseri della Natura hanno sempre la possibilità di diventare eterni, ma nell'Essere Natura queste possibilità non sono scontate: sono possibilità!

E' pertanto necessario compattare sé stessi per poter afferrare ogni possibilità attraverso la quale sviluppare sé stessi. Ogni volta che una possibilità era affrontata e superata aumentava il Potere di Essere del singolo Essere che fondendosi con Fortuna ne diventava parte.

I cristiani agirono per distruggere Fortuna. Vollero soppiantarla con la "provvidenza divina". Un sistema attraverso il quale distruggere le possibilità degli Esseri Umani di compattare sé stessi per affrontare le condizioni della vita.

La "provvidenza divina" richiede che l'Essere Umano sia passivo davanti alle scelte che potrebbe fare il dio dei cristiani. L'Essere Umano si fa femmina nei confronti di del dio dei cristiani e subisce passivamente la sua volontà. E' il dio dei cristiani che manda la malattia. E' il dio dei cristiani che manda la salute. L'Essere Umano non deve operare per far fronte alla malattia. Deve aspettare che la "provvidenza divina" intervenga. L'Essere Umano non deve farsi Fortuna, ma deve confidare nella provvidenza divina.

I cristiani affermano che il loro dio protegge gli Esseri Umani. Come può un dio che si vanta di aver macellato gli Esseri Umani e gli Esseri della Natura col Diluvio Universale col più grande atto criminale di genocidio possa provvedere al benessere di chi ha deciso di macellare per il proprio divertimento? Dio vede e provvede, dicono i cristiani esaltando l'attività criminale del loro dio.

Perché non confidare in dio? E' più facile confidare in dio che determinare il proprio esistere affrontando l'oggettività. E' più facile confidare in dio che compattare sé stessi usando volontà e determinazione per affrontare il circostante. Se qualcuno voleva usare la volontà e la determinazione per sviluppare il proprio Potere di Essere, gli adoratori del macellaio di Sodoma e Gomorra provvedevano ad annientarlo armi alla mano. Provvedevano a terrorizzarlo. Provvedevano a distruggerlo.

Chi usa le proprie determinazioni rifiuta la "provvidenza divina" e compatta sé stesso per affrontare l'infinito dei mutamenti. Il dio dei cristiani non può assoggettare chi compatta sé stesso; non lo può privare della sua Energia Vitale. Il dio dei cristiani e delle religioni rivelate è terrorizzato dagli Esseri Umani che compattano sé stessi. Fortuna è un grande Guardiano del divenire umano. E' un centro di Energia Vitale che favorisce ogni Essere che tende a diventare eterno compattando sé stesso; chiamando le cose col loro nome; sfruttando ogni possibilità che incontra per dilatarsi nel circostante. L'unico modo per essere Fortuna è quello di rivendicare davanti all'Universo il proprio diritto a diventare eterno compattando sé stessi attraverso le azioni nel proprio quotidiano.

Fuga è un grande Guardiano del divenire umano. Fuga è un Centro di Energia Vitale formatosi quando il primo Essere si espanse nel brodo primordiale. Fuga è il modo attraverso il quale avviene il confronto fra Esseri nello sviluppo delle contraddizioni e viene alimentata quando la loro soluzione assume toni violenti. Fuga è l'azione che conduce alla conservazione quando la soluzione delle contraddizioni incontrate provocherebbe la distruzione dell'Essere coinvolto. Spesso l'antagonista, nella contraddizione, non intende distruggere definitivamente le controparti, qualche volta vuole solo appropriarsi di quanto la controparte possiede: il suo territorio, il suo cibo ecc. ecc.. Spesso non è necessario farsi distruggere, spesso è sufficiente abbandonare il campo, ricostruire da un'altra parte o preparare la rivincita. Ci si fa Fuga per sottrarsi a forze preponderanti quando non è economicamente vantaggiosa l'opposizione.

Quanto costa risolvere violentemente la contraddizione? Se il prezzo è la fine dei mutamenti, la fine del divenire, allora vale la pena sottrarsi a meno che non ci siano in gioco poste più grandi. La difesa di un Sistema Sociale qualche volta implica il sacrificio di parte degli Esseri che lo compongono, ma quel sacrificio deve essere ripagato dagli altri Esseri Umani costruendo un grande divenire per gli Esseri della propria specie. Fuga è sottrarsi alle preponderanti forze alle quali si oppone resistenza per fondare il proprio divenire. Le sfide inutili portano via Energia Vitale, rendono deboli e menomati nell'affrontare il circostante. Fuga è sottrazione. E' abbandonare il campo quando questo si fa pericoloso. Quell'Essere Umano si è compattato, è divenuto, si è trasformato, ma il suo divenuto potrebbe interrompersi improvvisamente. L'unica possibilità per continuare la sequenza dei mutamenti è mettersi a correre, sottrarsi.

I cristiani cancellarono Fuga e la sostituirono con "fuggire in preda al terrore", la sostituirono con la rinuncia al divenire, la rinuncia a continuare nella sequenza dei mutamenti. A Fuga sostituirono il sacrificio in nome e per conto del loro dio padrone. "Il codardo fugge!" E chi è il "codardo"? L'Essere Umano che preferisce difendere sé stesso, le proprie possibilità di eternità, piuttosto che il proprio padrone che lo ha reso schiavo di doveri che non sono espressione dei suoi bisogni.

I cristiani continuarono ad usare il termine fuga, ma non era Fuga. Fuga è un centro di Energia Vitale che tende a conservare e riprodurre sé stesso, "fuggire in preda al terrore" è la rinuncia ad affrontare la sequenza dei mutamenti. Il centro di Energia Vitale Fuga è comune ad ogni Essere della Natura, ogni Essere, quando gli è possibile, si sottrae allo scontro specialmente quando lo scontro potrebbe essere distruttivo o svantaggioso.

Ultimamente ho assistito, in un documentario, allo scontro fra una femmina di Essere Zebù con gli Esseri Licaone e ho visto quell'Essere Zebù uscire vincitrice dallo scontro portando in salvo il suo piccolo. Dopo svariati minuti di scontro gli Esseri Licaoni abbandonarono il campo. L'attacco era economicamente svantaggioso. Gli Esseri Licaoni divennero Fuga e l'Essere Zebù danzò la sua vittoria. Fuga era presente nello scontro e avrebbe accolto ogni Essere. Questo fu uno dei casi in cui si fuse con gli Esseri Licaoni, i predatori, favorendo il predato. L'equilibrio degli Esseri nella Natura consigliava quegli Esseri Licaoni a diventare Fuga in quanto quell'Essere Zebù aveva sviluppato troppo Potere di Essere e la sua volontà nel perseguire il proprio fine avrebbe implicato troppa energia e lo spreco di troppo Potere di Essere degli Esseri Licaoni: non ne valeva la pena, Fuga avvolgeva gli Esseri Licaoni. La loro sopravvivenza doveva essere indirizzata in un'altra direzione. L'Essere Zebù non si poteva sottrarre se non abbandonando il proprio piccolo; l'Essere Zebù scelse di non sottrarsi. In un'altra situazione, in molte altre situazioni, gli Esseri Zebù tendono a diventare Fuga in simili scontri in quando sottrarsi all'attacco del predatore è una delle regole della sopravvivenza dell'Essere Natura. Fuga è la fusione con un Essere Umano che ha vissuto sviluppando sé stesso e compattandosi e che si trova in un momento di difficoltà; "fuggire in preda al terrore" è l'atteggiamento che i cristiani vogliono imporre agli Esseri Umani per poter appropriarsi della loro Energia Vitale dopo averli fatti ammalare di terrore. Poi, sulla loro strada, trovano un Essere Umano che come quella femmina di Zebù decide che combatterli è più importante che sottrarsi. E' importante conoscere il senso per poter distinguere l'apparenza dalla sostanza. Le azioni non sono uguali quando appaiono uguali. Dietro alla stessa azione ci sono dei soggetti che esprimono la loro volontà i loro fini, i loro scopi e in questi articolano i loro progetti esistenziali. Fuga è una grande possibilità. Una possibilità da usare, ma non necessariamente è l'unica possibilità.

Honos è un centro di Energia Vitale che si nutre agendo nella ragione degli Esseri Umani impedendo che questa si assoggetti ad altre ragioni soffocando i propri bisogni in ossequio a bisogni a lei estranei. Honos costringe la ragione ad essere fedele a sé stessa, ai propri desideri e ai propri bisogni. Facendo questo Honos apre la via al superamento della ragione. Non tutti i desideri e i bisogni che affluiscono nella ragione sono desideri e bisogni perfettamente descritti e in sintonia con la ragione stessa. I bisogni sono i bisogni dell'Essere Umano e non sempre la ragione è in grado di descriverli e inquadrarli. La ragione, qualche volta è costretta a cedere a comportamenti "istintuali" di cui non conosce il bisogno, la provenienza o le necessità. Honos è un grande Guardiano che dice all'Essere Umano legato alla sua ragione: "Comportati come devi; impara; sii sempre uguale a te stesso; rifiuta ordini e padroni a te estranei. Il disonore è obbedire ad ordini emanati da bisogni estranei. Disonore è assoggettarsi; disonore è imporre assoggettamento".

I cristiani hanno provato in tutti i modi a distruggere questo Guardiano. Mettono in ginocchio gli individui della propria specie e impongono a questi obbedienza. Questa obbedienza i cristiani la chiamano "onore". Costringere Esseri Umani a strisciare come servi umili i cristiani lo chiamano onore. Uccidere i più deboli costringendoli a sottomettersi; i cristiani lo chiamano onore.

Per i cristiani Honos o Onore non significa assolutamente nulla. I cristiani sono creati da un dio, per loro onore è sottomettersi a quel dio. Al contrario, gli Esseri Umani sono divenuti, mutamento dopo mutamento e per dirigere quel mutamento, quando sono prigionieri della ragione, possono soltanto obbedire alla forza che da dentro di loro si esprime verso l'esterno: possono ascoltare il dio che nasce e si sviluppa dentro di loro e che si manifesta attraverso bisogni, desideri e tensioni. I cristiani tendono a distruggere le voci dentro l'Essere Umano per impedire al dio che cresce dentro di svilupparsi. Se il dio che cresce non si sviluppa l'Essere Umano può essere sottomesso e speranzoso in un dio padrone che li lasci sperare di soddisfare i loro bisogni e risponda alle loro aspettative.

Per i cristiani distruggere Onore è un imperativo; Honos protegge gli Esseri Umani dall'assoggettamento al terrore cristiano. La protezione di Honos all'Essere Umano non passa attraverso un imperativo, passa attraverso l'"occasione da osservare". Honos è un "sussurro" dentro l'orecchio dell'Essere Umano che lo mette in guardia, che lo spinge a scegliere in funzione dei suoi bisogni e delle sue necessità! Chi agisce traendo la forza da sé stesso viene accusato di disonore dai cristiani. Quando gli Esseri Umani agiscono in funzione dei loro bisogni, sottraendosi a situazioni distruttive costruite o messe in essere e imposte dai cristiani, obbediscono all'imperativo di Onore anche se i cristiani li guardano con disprezzo in quanto fondono il loro divenire nell'eternità. Per i cristiani, sottrarsi al loro orrore, lo chiamano disonore. La vigliaccheria chiama vigliacco chi si comporta rispetto ai normali valori umani.

Invidia è un grande Guardiano del divenire umano. Invidia era raffigurata come una vecchia orrenda con serpenti per capelli e un serpente che le rodeva il cuore. Questo Centro di Energia Vitale appartiene soltanto agli Esseri Umani che lo forgiarono nel momento stesso in cui formavano la ragione. La ragione dice agli Esseri Umani come sono e che cosa devono fare. La ragione rassicura gli Esseri Umani nel loro ruolo e nel loro esistere in relazione al suo descritto. La ragione, di ogni singolo Essere, blocca la coscienza di ogni singolo Essere Umano all'interno del suo descritto. La ragione si reputa padrona dell'Essere Umano, ma non vive sola. Vive in relazione con altre ragioni, con altri pretesi padroni di altri Esseri Umani. La ragione si spaccia padrona ed assoluto nei confronti del singolo Essere Umano ma è costretta a prendere atto che altre ragioni, padrone di altri Esseri Umani, hanno agito ed operato in modo tale che altri Esseri Umani vivono in condizioni o in relazioni più soddisfacenti. La ragione ha dunque mancato. Ha preteso il dominio dell'Essere Umano ma non lo ha ripagato come altre ragioni hanno ripagato altri Esseri Umani. Oppure, se preferiamo, come altri Esseri Umani sembrano essere stati ripagati. Questo dubbio, questa insoddisfazione nell'Essere Umano è l'azione di Invidia. La ragione ha preteso il dominio dell'Essere Umano, ma non ha ripagato l'Essere Umano come millantava di poter fare.

L'Essere Umano sospetta che la ragione lo abbia ingannato. Questa è la prima percezione dell'azione di Invidia. La ragione ha preteso senza ripagare. Ogni Essere Umano è roso da tale dubbio. Ogni ragione subisce l'assalto di Invidia. Ogni Essere Umano è insoddisfatto del contratto attraverso il quale si è sottomesso alla ragione. Ogni Essere Umano subisce la disperazione della sottomissione o l'insoddisfazione, generata da Necessità, di non poter forzarne i limiti. Invidia è un grande Guardiano del divenire umano. Impedisce all'Essere Umano di assoggettarsi alla ragione. Impedisce all'Essere Umano di annullarsi nella ragione subendone la tirannia.

Invidia trasmette l'impulso del desiderio di Libertà attraverso il quale l'Essere Umano tende a sottrarsi al controllo della ragione. La ragione dirotta questo impulso esprimendolo negli gli elementi della sua descrizione e deviandolo verso ambizioni rassicuranti.

"Invidia" dice la ragione "spinge a lidi e a cose non congegnali, negative, irraggiungibili, dunque questo sentimento deve essere soffocato". In realtà Invidia spinge l'Essere Umano affinché esca dalla prigione della ragione. Dai suoi limiti. Dal suo descritto. Dai suoi obiettivi puramente apparenti. Soffocare Invidia significa soffocare una delle forze che spingono l'Essere Umano ad uscire dall'autodistruzione. La ragione dice: "Muoia Sansone con tutti i Filistei". Se la ragione non è in grado di possedere l'Essere Umano, allora che questo venga distrutto. L'Essere Umano deve alimentare Invidia a poco a poco chiedendosi sempre che cosa voglia. Cosa voglia egli come Essere e cosa Invidia spinge a volere. Se l'Essere Umano riesce a superare la descrizione della ragione attraverso la quale la ragione impone Invidia, saprà verso quali mete dovrà puntare la sua attenzione e a che cosa dovrà rinunciare.

Nel far questo metterà ordine nella sua ragione costringendola a mettersi al suo servizio. L'individuo prenderà il controllo della sua ragione e la ragione da dominatrice dell'uomo diventerà uno strumento dell'uomo per abitare il mondo. Invidia aiuta l'Essere Umano a controllare la ragione. Spesso l'Essere Umano non giunge ad Invidia. Spesso si ferma nella descrizione che di invidia ne dà la ragione e, così facendo, aumenta la forza attraverso la quale la ragione lo domina e lo controlla. La ragione insegna all'Essere Umano a rendere muta la voce di Invidia, a rendere incomprensibili e assurdi i suoi richiami. E' la paura della ragione. E' la stessa paura che farà bruciare i libri che aiutano a pensare. Ascoltare, sviluppare. Creare il silenzio costringendo la ragione a subire le voci del circostante per liberare l'Essere Umano dalla costrizione della descrizione della ragione. Invidia è un grande Guardiano del divenire umano che combatte una battaglia quasi disperata nei confronti del dispotismo della ragione. Da un lato spinge l'Essere Umano a sviluppare la sua ragione considerando quella che lo controlla inadeguata e limitata, dall'altro spinge l'Essere Umano a superare la ragione per sviluppare il proprio divenire in relazione col circostante attraverso la soddisfazione dei propri bisogni di eternità.

La raffigurazione di Invidia fatta dalla ragione rappresenta quanto la ragione, attraverso la sua descrizione, aborrisce. Essere vecchia, per la ragione, equivale a decadimento, nella realtà equivale ad essere più antichi (il disfacimento avviene solo nell'ambito della ragione altrimenti c'è la rigenerazione). I serpenti sono orribili solo per la ragione in quanto rappresentano uno stadio di divenire dell'Essere Umano in cui la ragione non faceva da padrona. Il serpente che rode il cuore, per la ragione equivale ad un tarlo che distrugge un centro vitale statico, mentre, in realtà, il serpente rappresenta lo stimolo al cuore (essenze dell'individuo a cui la ragione non ha accesso in quanto il cuore pulsa in modo autonomo dalla ragione) affinché continui a trasformarsi e a divenire.

Libentina è un grande Guardiano. E' un Guardiano comune a tutte le Specie della Natura ma ha acquisito una propria Coscienza di Sé e ha imboccato un proprio percorso di trasformazione soltanto quando si è relazionato con l'Essere Umano nel momento in cui Giustizia ha abbandonato il mondo degli Esseri Umani. Libentina diviene stimolando principalmente l'Essere Umano ad essere sempre uguale a sé stesso. Libentina è legata a Libertà, ma mentre Libertà è l'aspirazione a cui l'Essere Umano tende attraverso le sue scelte, Libentina è la forza che spinge l'Essere Umano ad agire in base alla propria volontà e alle proprie determinazioni rifiutando ogni costrizione, ogni assoggettamento.

Libentina rode come un tarlo il cuore e il desiderio dell'Essere Umano che subì la sottomissione e lo incita a cercare un modo o un sistema per liberarsi, per uscire dalla gabbia. Libentina non permette a nessun Essere Umano di ritenersi soddisfatto finché non ha agito secondo le proprie inclinazioni e i propri desideri o non ha messo in atto metodi, sistemi o strategie per riuscire ad agire in base alle proprie inclinazioni.

Libentina diventa piacere psicologico quando si è agito in base alle proprie predilezioni; Libentina diventa rabbia quando le proprie predilezioni sono state piegate a voleri o predilezioni diverse fino a diventare odio preparando l'Essere Umano allo scatenarsi di Furia. Questo Guardiano impedisce all'assoggettato di far proprio l'assoggettamento. Impedisce all'Essere Umano di accettare passivamente la sottomissione. Libentina è un Guardiano che non si può superare. Si può vivere avvolti dall'armonia che emana o lo si può contrastare assoggettando volere, volontà e determinazioni ad altri voleri, volontà e determinazioni quando l'incapacità di esistere in sé e per sé costringe a soggiogare altri Esseri della propria specie.

Anche quando l'individuo è assoggettato, nell'assoggettamento Libentina continua la sua attività trasformando la vita dell'Essere Umano in disperazione di quanto, rinunciando all'uso della propria volontà e delle proprie determinazioni, ha perduto per sempre.

Libentina si è istallata nella ragione e dice a questa: "Dal momento che vuoi essere padrona dell'Essere Umano di cui sei parte, agisci in base ai tuoi principi e alla tua visione ideale del mondo anche quando questa visione è pura fantasticheria. Non piegarti ad altre ragioni o ad altre descrizioni e visioni che non condividi!". Costringendo la ragione ad essere uguale a sé stessa, costringe l'Essere Umano a verificare i limiti della ragione forzandoli ogni qual volta li trova inadeguati per soddisfare i suoi bisogni.

Libentina agisce dunque sulla ragione per permettere all'Essere Umano di superare la ragione mettendo ordine fra la ragione e il fare dell'Essere Umano. Il divenire eterno di Libentina passa attraverso la relazione di questo Centro di Energia Vitale con l'Energia Vitale liberata dall'Essere Umano quando si sente soddisfatto di sé stesso. Libentina si nutre della soddisfazione degli Esseri Umani come conseguenza delle loro azioni e nello stesso tempo, provvede a nutrire gli Esseri Umani fornendoli di Energia Vitale affinché agiscano in conformità ai propri principi. Se la direzione dell'azione degli Esseri Umani dovrebbe sempre seguire il fine dello sviluppo del proprio Potere di Essere, Libentina non finalizza l'azione umana (non contribuisce direttamente a determinarne la direzione) ma è a guardia dell'adesione dell'azione ai principi "etico-morali" dello specifico Essere Umano.

Quando l'azione dell'individuo coincide con i suoi principi, e sue idee "etico-morali", quest'individuo impone la variazione di tali principi nella misura in cui la sua azione, corrispondente ai principi dati, non ottiene i risultati sperati. In questo caso l'agire modifica i presupposti e i fini entro i quali, e per i quali, veniva messa in atto l'azione.

Libentina non dice all'Essere Umano che sbaglia quando non agisce in funzione di Libertà, ma dice all'Essere Umano che sbaglia quando non agisce in armonia col proprio divenuto e non si predispone per fondare il proprio divenire. Libentina è un Guardiano d'agguato posto all'interno della ragione per consentire all'Essere Umano il proprio cammino verso l'eternità.

Mens è un Guardiano dell'Essere Umano nato nel momento in cui l'Essere Umano forgiò la ragione. La ragione prese il controllo dell'Essere Umano, ma questi non poteva cortocircuitarsi nella ragione. Era necessario che sviluppasse la ragione e nello stesso tempo alimentasse anche l'Essere Luminoso che cresceva dentro di lui e sul quale avrebbe trasferito la sua Coscienza di Sé alla morte del corpo fisico. Mens ha preso vita e si nutre dell'Energia Vitale attivata articolando il pensiero astratto dell'Essere Umano nel suo pensato. Tanto più è vasta l'articolazione del pensiero astratto (filosofico, teorico, ecc.) dell'Essere Umano, tanto più temerari sono i suoi voli e tanto più grande diventa la sua relazione col Centro di Energia Vitale Mens. Mens è dunque l'attività del pensiero del singolo individuo, ne coltiva la ricchezza e l'articolazione, lo spinge alla temerarietà lambendo i confini della ragione sgretolandoli e preparandone lo spostamento.

Il pensiero astratto della ragione è alimento per il corpo luminoso che cresce dentro l'Essere Umano e Mens è il Guardiano affinché questo avvenga. Quando l'Essere Umano allontana Mens il pensiero astratto cortocircuita su sé stesso. Il pensiero non vola, cortocircuita formando le ossessioni dell'esistenza. Mens agisce affinché questo, se deve accadere, accada il più tardi possibile. Mens è attenta a fornire Energia Vitale all'Essere Umano affinché non perda l'occasione che gli si presenta per fornirsi di nuovi elementi attraverso i quali arricchire il proprio pensiero. La morte della relazione fra Mens e l'Essere Umano avviene quando l'Essere Umano si arrende rifiutandosi di continuare nello sviluppo della propria esistenza; quando chiude il proprio pensiero entro oscuri limiti imponendosi la risoluzione del proprio pensato in un dio padrone. Un Essere Umano in cui il pensiero si espande e si articola, ha un corpo luminoso in crescita e in espansione; un Essere Umano il cui pensiero si risolve in un dio o in un padrone è un Essere Umano in cui il corpo luminoso è morto.

Venerare Mens significa ricordare alla propria ragione che il suo potere si fonda sulla ricchezza e sulla vastità del proprio descritto e che la rinuncia ad ampliare continuamente il proprio pensiero equivale alla rinuncia alla propria espansione nel mondo sociale. Mens ricorda alla ragione che il suo sviluppo avviene attraverso l'indagine, attraverso il chiedersi il perché delle cose e il perché del perché delle cose. Mens ricorda alla ragione come la descrizione degli oggetti attraverso i fenomeni può avvenire (o essere completa) soltanto quando tutti i fenomeni percepiti sono pensati.

Mens è un grande Guardiano inserito nella ragione per impedirgli di ripiegare su sé stessa. Gli impedisce di considerarsi il dio assoluto che nella farneticazione blocca lo sviluppo della conoscenza della persona.

Mens ricorda alla ragione come ella sia divenuta attraverso una sequenza di trasformazioni e nulla sta ad indicare che quelle trasformazioni si siano esaurite. Mens si nutre dell'Energia Vitale emessa dall'Essere Umano mentre articola il suo pensiero astratto, mentre proietta le sue sensazioni nel pensato. Mens aveva un tempio sul Campidoglio affinché ogni Essere Umano ricordasse la sua importanza nello sviluppo del singolo Essere Umano quale patrimonio di ricchezza e di sviluppo dell'intera società romana. I cristiani tentarono di distruggere Mens e la sua funzione riducendone il ricordo e relegandolo ai "moti dell'anima". Dove la mente assumeva un ruolo nobile nel dominare l'individuo a dispetto della materialità del suo corpo. I cristiani volevano distruggere la relazione operata da Mens nell'associare il pensiero, prodotto dalla descrizione analitica del mondo, all'azione necessaria dell'uomo con cui vivere nel mondo. Quando la ragione sviluppa la sua conoscenza articolando il suo pensiero nutre Mens. La ragione deve ampliare il suo sapere e la sua conoscenza mediante l'agire del corpo nella società umana, attraverso l'uso delle mani con le quali modificare la forma della materia nel mondo. Sporcarsi le mani di fango.

Quando la conoscenza della ragione non viene modificata dall'azione dell'Essere Umano, la ragione cortocircuita il pensiero umano in sé stessa. L'Energia Vitale che giunge a Mens, attraverso l'articolazione di quel pensiero, è solo Energia Vitale stagnata. L'esaltazione, da parte dei cristiani, della mente divina è la negazione di Mens e del suo ruolo nel divenire umano. Mens è un grande Guardiano che sorveglia la ragione facendo il possibile affinché questa non ripieghi su sé stessa.

Modestia è un grande Guardiano del divenire umano. Modestia è un Centro di Energia Vitale che si nutre dell'Attenzione della ragione quando, agendo nel quotidiano, si muove con delicatezza e circospezione. Delicatezza nel presentarsi e circospezione nel non "soffocare" quanto gli si presenta. Quando l'Essere Umano sviluppò la ragione perse la capacità di relazionarsi con l'intelligenza emotiva del mondo che lo circondava. L'Essere Umano dovette imparare a sviluppare la sua conoscenza penetrando, con la sua descrizione, il circostante. Agì nei confronti di questo attraverso quanto poteva descrivere e comprendere. Modestia rese compatta la descrizione del mondo costruita dalla ragione alimentando nella ragione la necessità di esporre la propria conoscenza. Esporre la conoscenza porta l'individuo a subire le aggressioni. Chi conosce viene aggredito da chi non conosce per distruggere l'uso che potrebbe fare della sua conoscenza. Modestia insegnò all'Essere Umano a velare la propria conoscenza. A capire quando era necessario esporsi e quando era necessario sottrarsi e velarsi.

Dal momento che la ragione si relaziona col circostante per quanto descrive, non è in grado di determinare quale aspetto il circostante le presenta, né quale parte ella sia in grado di afferrare comprendere e descrivere. La ragione deve mantenere necessariamente un atteggiamento scettico e sospendere il giudizio nei confronti dei fenomeni provenienti dal circostante. Nello stesso tempo non si può permettere di manifestare interamente sé stessa spacciando questo sé stessa come un assoluto a cui il circostante deve tendere.

La negazione di Modestia è parte del delirio assolutista che viene imposto ad un individuo dai cristiani. L'assoluto nega Modestia. Fintanto che un cammino attraverso il quale un Essere diviene è ancora in corso, Modestia continua a scambiare Energia Vitale segnalando ai singoli Esseri come la relazione col circostante permetta lo sviluppo dell'Essere stesso e come la discrezione nelle relazioni permette ad entrambi un percorso per il reciproco sviluppo. Quando l'Essere Umano si proclama assoluto, come creatore o come creato da un assoluto a propria immagine, Modestia diserta la relazione. Modestia viene sconfitta. Modestia non ha più ragione di essere. Modestia si relaziona con la ragione dell'Essere Umano durante il suo processo di sviluppo e indica alla ragione come sia possibile continuare lo sviluppo; sempre!

Solo quando la ragione riesce ad imporsi come assoluto sull'Essere Umano Modestia tronca la relazione. Prima di troncare la relazione Modestia combatte la sua battaglia mostrando all'Essere Umano la disperazione dell'illusione; il vuoto della forma e dell'apparenza. Il nulla del desiderio di onnipotenza. Eppure la distruzione di Modestia da parte degli adoratori del macellaio di Sodoma e Gomorra fu un'azione fondamentale per distruggere il divenire umano. Il loro assoluto implicava l'annientamento di Modestia per poter distruggere il divenire dell'Essere Umano. Distruggere Modestia, per i cristiani, era un imperativo. Per questo crearono un surrogato attraverso il quale costringere gli Esseri Umani ad inginocchiarsi davanti a loro, distruggere sé stessi, usando Modestia come sinonimo di umiltà e sottomissione. Modestia non è un Guardiano che aiuta gli Esseri Umani a liberarsi dalla sottomissione; Modestia cura le relazioni degli Esseri Umani per favorire il loro divenire in relazione al divenire del circostante. Pertanto, Modestia è debole davanti alle manipolazioni dell'assoluto della ragione; è debole davanti al macellaio di Sodoma e Gomorra e i suoi servi; è debole davanti al gioco dell'illusione. La fulgidità dell'apparenza la induce a condurre una dura battaglia per impedire all'Essere l'adesione all'illusione che trascina e coinvolge. Le sue battaglie sono brevi; spesso abbandona il campo in attesa di momenti e condizioni migliori. Modestia insegna agli Esseri Umani e alle loro ragioni che ci sono tante cose da imparare; c'è un intero universo da percorrere e facendo questo tende ad impedire alla ragione di diventare un dittatore feroce nei confronti dell'Essere Umano.

Quando la ragione pensa sé stessa come assoluto non c'è più divenire per la ragione umana e il cammino che attraversa i mutamenti per diventare eterni si fa molto faticoso. Modestia provvede affinché l'assoluto della ragione si presenti in età avanzata e nel frattempo insegna agli Esseri Umani che Modestia è un modo per relazionarsi con e nel circostante, non un sistema per mettere in ginocchio gli Esseri Umani imponendo loro l'umiliazione.

Murcia è un grande Guardiano. Essa si relaziona col rilassamento dell'Essere Umano ed è un Guardiano che difende l'Essere Umano dal formarsi di blocchi di Energia Vitale Stagnata prodotti dalle fobie. Murcia è il Guardiano della quiete; è il Guardiano del rilassamento; è il Guardiano del silenzio attraverso il quale l'individuo affronta l'oggettività circostante. Non è pigrizia, è silenzio e rilassatezza attraverso la quale far affluire il circostante dentro di sé. Farsi compenetrare dall'oggettività!

La ragione forma degli scudi formidabili a difesa di sé stessa. Il circostante, per lei, è solo oggettività creata per servirla. Murcia insegna alla ragione a fermarsi. Ad ascoltare quanto la circonda. Murcia dice: "basta frenesia; ora riposati e assisti, come spettatore, davanti alla commedia della vita. Assisti e impara. ". Murcia è un grande Guardiano. Aiuta l'Essere Umano a controllare la sua ragione riducendola a parte dell'esistente impedendogli di sentirsi padrona dell'esistente. "Respira" dice Murcia alla ragione. "Rilassati: fatti compenetrare non imporre la tua descrizione al circostante!". Così l'oggettività può superare la descrizione diventando parte integrante dell'individuo. L'oggettività supera la descrizione tentando di rivelare all'Essere Umano quello che è e non quello che la ragione ha imposto che sia attraverso la sua descrizione.

La "pigrizia" di Murcia è la riduzione al silenzio negli individui del loro pensato. I cristiani dovettero combattere l'ozio come il loro peggiore nemico. L'ozio porta alla rilassatezza sviluppando cultura; porta al silenzio e il silenzio porta all'interazione dell'individuo col circostante. L'Essere Umano segue la sequenza dei suoi mutamenti diventando eterno. Murcia è un Centro di Energia Vitale che si relaziona con gli Esseri nel momento stesso in cui costoro sospendono il giudizio e rilassano sé stessi facendosi compenetrare dal circostante. Il cammino di Murcia è una sequenza di mutamenti che trova nutrimento in quello stato dell'Essere che sta fra la sospensione del giudizio e l'alterazione della percezione. Quando ogni muscolo è disteso e i sensi sono tesi per superare il condizionamento imposto dalla ragione.

Mutino è un grande Guardiano delle Specie della Natura. Mutino è alimentato dall'Essere Natura per perpetrare sé stessa. Mutino provvede alla fecondità di ogni specie della Natura. Mutino è un Centro di Energia Vitale che dà e riceve Energia Vitale da ogni specie nel momento in cui sviluppa il suo divenire attraverso la nascita di nuovi individui. Mutino alimenta il bisogno di riprodursi delle specie al fine di riprodurre l'Essere Natura. Quando l'Essere Umano sviluppò la ragione si generò un conflitto fra l'uso del sesso come funzione predominante nell'Essere Umano finalizzata all'attivazione dell'Energia Vitale e la sua funzione come metodo per generare figli e perpetuare la sua specie.

I due aspetti della sessualità umana sono in conflitto solo nella Specie Umana e in poche altre Specie della Natura. Mutino provvede affinché la Specie Umana non dimentichi come il sesso sia anche una funzione utile alla riproduzione all'interno della Natura e non sia usato soltanto nella sua funzione primaria. L'Essere Natura deve riprodurre sé stessa per Necessità, per seguire la sua sequenza dei mutamenti e diventare eterna. L'Essere Natura, attraverso Mutino, ricorda alle singole specie che se la loro libertà è il fine del loro divenire, il loro divenire coincide con quello dell'Essere Natura di cui sono parte e che la libertà non è solo il fine delle singole Specie, ma anche dell'Essere Natura nella sua totalità.

Occasione è un grande Guardiano. Come Centro di Energia Vitale prese forma e trasformazione nel momento in cui gli Esseri della Natura iniziarono la loro sequenza di mutamenti accumulando Potere di Essere e facilitando il proprio diventare eterni mutamento dopo mutamento, generazione dopo generazione. Occasione è la forza della scelta immediata. Divenne importante per l'Essere Umano quando, fondando la ragione, si relazionava col mondo attraverso la descrizione subendo, inconsapevole, la volontà e le determinazioni del circostante non compreso nel suo descritto. Occasione divenne la forza e la rapidità con la quale afferrare l'opportunità che si presentava anche quando la ragione non era cosciente come e perché quella fosse un'opportunità di sviluppo del proprio Potere di Essere. Occasione, partendo dai bisogni e dalle necessità del singolo individuo finalizzate allo sviluppo del suo Potere di Essere, alimenta le scelte rafforzandone la velocità con la quale l'individuo risolvere la sfida nell'esistenza.

Davanti all'individuo si presentano milioni di occasioni, ma solo alcune sono utili all'individuo. Solo alcune devono essere afferrate in quanto permettono al singolo Essere di sviluppare il proprio Potere di Essere seguendo la propria linea di mutamenti per diventare eterno. Occasione alimenta la forza di scelta del singolo individuo in quanto un'opportunità deve essere afferrata soltanto in quel momento di sviluppo dell'individuo. Fuori da quel momento quell'opportunità non è un'Occasione di sviluppo ma è una possibilità che esaurisce l'individuo.

Il Centro di Energia Vitale non è divenuto in quanto oggetto in sé, ma è divenuto in quanto relazione fra un'oggettività e le possibilità di scelta e di gestione della vita da parte del singolo Essere. L'oggettività nella quale il singolo Essere si muove altro non è che relazione di Esseri, delle loro volontà e delle loro determinazioni. Occasione è un potente armonizzatore all'interno dell'Essere Natura. Un potere equilibratore che permette lo sviluppo e l'adattamento di ogni specie al variare dell'oggettività e delle condizioni all'interno delle quali svilupparsi. Occasione è il Centro di Energia Vitale che promuove l'esercizio del libero arbitrio, l'adattamento soggettivo alle variabili oggettive. Le Occasioni, nel corso dell'esistenza, si rinnovano, fuggono; non possono essere fermate nell'attesa della formazione di un divenire soggettivo. E' necessario costruire sé stessi predisponendosi ad afferrare ogni opportunità di sviluppo ulteriore e nel frattempo usare la propria volontà e le proprie determinazioni sia per forgiare il proprio divenire sia per permettere i processi di adattamento delle soggettività di cui è composta l'oggettività in cui l'individuo vive.

Ogni sé stesso dell'oggettività deve sviluppare le proprie determinazioni attraverso le quali favorire il proprio sviluppo e, nel far questo, deve favorire lo sviluppo dell'intera oggettività. Occasione mette tutto questo in equilibrio. Occasione è la forza che spinge e promuove la modificazione del presente. Occasione non si presenta una sola volta all'Essere Umano. Occasione è una forza costantemente presente e si manifesta con un numero infinito di sfaccettature. Afferrare Occasione significa modificarsi in condizioni migliori. Significa scambiare Energia Vitale rinnovando la forza con cui costruire il proprio futuro. Occasione è un grande Guardiano del divenire di ogni Essere della Natura e dell'Essere Umano in particolare.

Odoria è un grande Guardiano. Odoria si è sviluppata quando gli Esseri della Natura usarono il senso dell'odorato per relazionarsi col mondo circostante. Odoria è un Centro di Energia Vitale che si sviluppa nel momento stesso in cui gli Esseri scambiano Energia Vitale attraverso l'odorato. Si costruisce e si sviluppa quando gli Esseri usano l'odorato come senso per risolvere i loro problemi esistenziali. Odoria è un Guardiano degli Esseri della Natura. Appartiene al divenire dell'Essere Natura e agli elementi attraverso i quali questa fonda il proprio divenire. Non c'è molto da dire su Odoria se non che essa splende in molte specie mentre gli Esseri Umani l'hanno un po' dimenticata considerando l'odorato un senso quasi secondario. Eppure, gli Esseri Umani non si rendono conto quante infinite decisioni prendono seguendo il loro olfatto. Seguendo Odoria.

Fra gli Esseri Umani lo sviluppo di Odoria si è fermato bloccato dalla descrizione della ragione che considera sé stessa come l'assoluto. La ragione, che costruisce la sua descrizione del mondo mediante le forme, ha scelto la vista come senso centrale della specie umana. Eppure Odoria conduce al Soffio Vitale. Conduce alla percezione dell'Energia Vitale presente nell'atmosfera. Conduce alla percezione della vita attraverso lo scorrere di Giove (il cielo), attraverso le sue trasformazioni. Odoria, per gli Esseri della Natura, è un Guardiano del Soffio Vitale, dell'Energia Vitale libera che gli Esseri assorbono e attraverso la quale si sviluppano. Odoria è un grande Centro di Energia Vitale che deve essere praticato per garantire lo sviluppo dell'Essere Umano. Odoria ha la sua sede dentro ogni Essere. Da qui lo sviluppo del Centro di Energia Vitale Odoria è lo sviluppo del singolo Essere della Natura, della sua Attenzione, della sua relazione col mondo.

Peta è un Centro di Energia Vitale formatosi nella relazione armonica fra le Coscienze di sé nell'oggettività. Quando l'Essere Umano fondò la ragione il "caos" del circostante e le coscienze di cui era formato, lo sconvolgevano facendogli credere di essere circondato da Esseri mostruosi, giganteschi e potenti. Una volta persa la relazione emotiva fra sé e il circostante, questo apparve immanente sviluppando nell'Essere Umano la necessità di costruire una relazione che, pur partendo dal descritto della ragione, fosse tale da costruire un divenire in armonia con esso. Chiedere benevolenza al circostante è un atteggiamento tipicamente cristiano e più in generale delle religioni rivelate. Per esse il circostante è un mostro immanente. Per esse, il terrore immanente è opera del loro dio. Per esse il circostante deve sottomettersi e i cristiani devono avere paura solo del loro dio. Così facendo i cristiani spostano l'oggetto da cui trarre il terrore della loro ragione (e della sua descrizione) dalla realtà in cui vivevano ad un prodotto della loro immaginazione, il loro dio padrone. Nello stesso tempo alimentano il terrore attraverso il saccheggio sistematico del circostante. Peta è un grande Guardiano. Agisce sull'Essere Umano fintanto che questi non ha definitivamente trasferito alla proiezione della sua ragione, dio, il diritto-dovere di terrorizzarlo. Peta è Guardiano dell'armonia fra gli Esseri Umani legati alla ragione e le Coscienze di Sé del circostante che, anche se mute alla ragione, vengono comunque considerate dall'Essere Umano forze sconosciute.

L'Essere cerca Peta: l'armonia nelle relazioni col circostante. Fintanto che le paure rimangono legate ad oggetti reali della sua esistenza egli può farvi fronte attraverso una costante ricerca di armonia col circostante. Quando le paure si trasformano in terrore psicologico l'Essere Umano proietta la sua ragione in una dimensione assoluta, totalizzante, nella quale la sua ragione si identifica col dio padrone cristiano. Peta è un Guardiano il cui compito è quello di impedire questa follia o, quanto meno, prova a rallentare l'assoggettamento dell'Essere Umano attraverso l'attenzione da prestare al mondo in cui vive. A Roma l'armonia del fare era garantita dagli Auguri e dai Libri Sibillini. Gli Auguri avevano il compito di agire affinché le scelte fatte dalle Istituzioni Romane non fossero in contrasto con i progetti e le azioni del mondo in cui Roma viveva. Una sorta di "Corte Costituzionale". I Libri Sibillini avevano il compito di condurre gli Esseri Umani nella reazione con all'oggettività all'interno di un percorso di scelte che risultasse non distruttivo.

Peta era tutto questo. Peta si alimentava di questo. Si alimenta da questo e l'unica cosa che Peta agogna è la fine del proprio divenire per continuare la trasformazione del proprio diventare eterna attraverso altre azioni. Quando gli Esseri Umani non filtreranno più le relazioni fra loro e il circostante attraverso la ragione e il terrore che questa genera ma diventeranno parte integrante del circostante attraverso la percezione e la relazione emotiva fra l'Essere Umano e gli Esseri che formano il mondo, per Peta si schiude un grande divenire. Quando gli Esseri Umani potranno marciare liberi dal terrore cristiano Peta potrà proseguire lungo la via dei propri mutamenti per diventare eterna.

Pietas è un grande Guardiano. Pietas agisce all'interno della ragione. La ragione, inconsapevole del circostante, si muove in esso attenta e discreta. Attenta a non danneggiare inutilmente e discreta per non prendere più del necessario. Questo tipo di atteggiamento è stato violentato dai cristiani per essere trasformato in pietismo. Un atteggiamento di disprezzo rispetto al circostante. I cristiani dovettero far questo per giustificare la costruzione della miseria sociale.

Pietas è un Guardiano della ragione. La sorveglia affinché questa non disprezzi l'oggettività in cui esiste. Rispetti le Coscienze di Sé che l'attorniano e si sviluppi in armonia con esse anche se inconsapevole della loro presenza. Pietas è il primo Guardiano che viene annientato quando la pulsione di morte si impadronisce dell'individuo. La pulsione di morte annienta nell'individuo il rispetto per il circostante. Lo convince di essere padrone del circostante. Lo porta a saccheggiare il circostante per affermare il suo diritto al dominio. Non è importante la quantità di saccheggio prodotta, questa è direttamente proporzionale al Potere di Avere posseduto dall'individuo e a quanto la pulsione di morte ha sottomesso alla sua azione. Quando nell'individuo appare il concetto di possesso, la pulsione di morte si è impadronita dell'individuo e per quanto poco ha troncato i legami che legano l'individuo al Centro di Energia Vitale Pietas. Pietas perde alimento mentre l'Essere Umano, delirando nella sua onnipotenza, inizia un cammino distruttivo.

Come può una ragione umana sapere se la pulsione di morte si è impadronita di sé stessa? Una ragione non può riconoscerlo da sola in quanto la pulsione di morte diventa parte indistinguibile della ragione e suo motivo d'esistenza. Ma si può osservarlo nella ragione accanto attraverso la discrezione con la quale prende dal mondo. Favoriamo dunque quelle ragioni che prendono con discrezione e ostacoliamo quelle ragioni che si presumono investite di diritto divino per saccheggiare il circostante e il divenire degli Esseri Umani.

Pigrizia è un grande Guardiano. Pigrizia deve essere letta assieme a Murcia. Mentre Murcia è la ricerca di rilassamento per ascoltare il silenzio e compenetrare il circostante, Pigrizia è l'ozio della ragione. Pigrizia è una difesa della ragione all'interno del Sistema Sociale in cui vive. Il Sistema Sociale è dominato da un Comando Sociale, questo prende dall'Essere Umano quanto gli necessita per perpetuare sé stesso come Comando Sociale.

Pigrizia insegna all'Essere Umano a ritagliare i propri spazi, il proprio diritto all'ozio. Il Comando Sociale vive di Potere di Avere e si appropria di quanto l'Essere Umano produce in maggiore o minore misura; Pigrizia lo incita a non produrre più di quanto gli è necessario. Lo spinge a compenetrare il circostante. Lo spinge a cercare il riposo e la rilassatezza. Chi prende da altre mani fa di Pigrizia un nemico feroce. Chi prende dalle altre mani esalterà la fatica del lavoro come elemento su cui si fonda il Sistema Sociale. "Ti guadagnerai il pane col sudore della tua fronte" dice mentre gli ruba il pane dalle mani. Pigrizia dice all'Essere di non far più di quanto è necessario. Lasciare che chi si appresta a privare le mani del loro lavoro si arrangi a coltivare il proprio divenire diventando inoffensivo.

Pigrizia quando non è in grado di agire si trasforma in desiderio, aspirazione dell'Essere Umano. E l'Essere Umano sogna e mentre sogna le sue mani non trasformano merci in prodotti. Pigrizia diventa un mito. Il diritto all'ozio è un'aspirazione, una meta agognata per milioni di Esseri Umani che lottarono all'interno del Sistema Sociale allargando i confini della propria libertà. Pigrizia spinge l'Essere Umano a respirare il circostante attraverso il riposo.

Per i cristiani l'ozio è il padre dei vizi. Chi ozia percepisce il circostante e lo compenetra; chi è sottomesso alla fatica del lavoro supplica aspirando ad un attimo di pausa.

Pollenzia è un grande Guardiano del divenire umano. Pollenzia è la sua carica iniziale quando l'Essere Umano si trasforma da fanciullo in Essere Umano adulto. Tanto maggiore è il suo vigore fisico e tante più sono le possibilità che l'Essere Umano sviluppi il corpo luminoso. Le contraddizioni della vita sono molte. La vita è sfida e come tale, per il suo sviluppo, le sfide devono essere affrontate. La carica iniziale che si è costruita attraverso il divenire del fanciullo mentre si trasformava in Essere Umano adulto è quella che permette la trasformazione dell'Energia Vitale in alimento e sviluppo della propria Coscienza di Sé. Così Pollenzia assiste gli Esseri della Natura affinché il loro sviluppo fisico sia ottimale per affrontare al meglio la loro esistenza. Pollenzia è divenuta trasformandosi attraverso gli adattamenti degli Esseri della Natura. Soltanto gli Esseri della Natura vigorosi sono in grado di affrontare con successo i loro nemici. Soltanto l'Essere Cervo forte può sperare di sopravvivere ad un attacco degli Esseri Lupo. Soltanto il corpo di un Essere Umano vigoroso può sperare di superare un attacco di Esseri virus della polmonite. La vigoria fisica permette di allungare la sequenza dei mutamenti permettendo un ulteriore sviluppo della Coscienza di Sé dell'Essere della Natura.

Ogni Essere della Natura ha le proprie specificità derivate dai processi di adattamento messi in atto dalla propria specie. Quei processi di adattamento prevedono, in ogni caso, la presenza della vigoria fisica attraverso la quale sviluppare ulteriormente i processi di adattamento. L'Essere Natura fa del proprio sviluppo una questione di vigoria fisica: di Pollenzia. Tutti i riti di accoppiamento degli Esseri della Natura hanno lo scopo di stabilire il più forte, il più adatto. Tanto più l'Essere della Natura si avvicina all'Essere Mammifero e più i rituali di accoppiamento imposti dalla specie sono importanti per lo sviluppo ulteriore della specie stessa.

Pollenzia è dunque un grande Guardiano dell'Essere Natura in generale assunto come Guardiano dall'Essere Umano in quanto Essere della Natura. Pollenzia è un Centro di Energia Vitale attraverso il quale la Coscienza di Sé dell'Essere Natura fonda il proprio divenire. E' una potenza da curare particolarmente durante l'antica Roma in quanto le contraddizioni fra Roma e i suoi vicini spesso si risolvevano attraverso la guerra. Il vigore fisico era importante per vincere la guerra.

Il problema degli Esseri Umani nel farsi Pollenzia è che il suo potere è totalizzante. Quando un Sistema Sociale umano basa il proprio divenire e il proprio esistere solo sulla vigoria fisica, distrugge sé stesso. La vigoria fisica è uno strumento attraverso il quale risolvere le contraddizioni dell'esistenza, non è il fine dell'esistenza. Così molti Esseri Umani anziché usare Pollenzia per costruire sé stessi ricercano Pollenzia cercano, di fatto, una sorte di immortalità fisica. Anziché usare Pollenzia per preparare la propria Coscienza di Sé ad affrontare la morte del corpo fisico risolvono la loro esistenza cercando una sopravvivenza fisica all'infinito finendo per distruggere la propria possibilità di eternità. Pollenzia resta comunque un grande Guardiano del divenire umano.

Prudenza è un grande Guardiano. Prudenza assiste la ragione affinché agisca in funzione del divenire, del mutamento. L'austerità è sinonimo di discrezione. Prendere quanto serve senza esagerare. Non saccheggiare quanto ci circonda. La ragione non percepisce il circostante, ella si pensa come padrona del circostante. Prudenza impone alla ragione il controllo della sua azione nel circostante.

"Attenzione" dice Prudenza alla ragione "tu fai quella cosa ma non sai cosa comporta fare quella cosa. Stai attenta ai cambiamenti prodotti, sforzati di pensare non all'oggetto che tieni nelle mani, ma agli effetti che produci nel momento in cui usi quell'oggetto". Prudenza aveva nella mano un serpente che, in questo caso, stava ad indicare il pericolo cui l'Essere Umano andava incontro agendo sul circostante e nell'altra uno specchio che indicava come l'Essere Umano prudente si guarda nello specchio e non si illude di essere o di poter fare quanto in realtà non è e né può fare. L'Essere Umano prudente affronta l'esistente facendo un bilancio di ciò che è e di ciò di cui dispone e non si illude che il circostante si sottometta mettendosi a sua disposizione.

Prudenza è raffigurata con due volti, uno di fanciulla e uno di vecchia e stanno ad indicare i mutamenti che intercorrono nell'esistenza. Ciò che oggi si è domani non si è più. Ciò che si è domani non si era ieri. Dunque, è necessario essere prudenti e seguire i mutamenti per quelli che sono e non per quello che la nostra fantasia vorrebbe che fossero. Un giorno, comunque si sarà vecchi. E' necessario essere prudenti e affrontare l'esistenza tenendo conto di questa trasformazione. Dopo è sempre troppo tardi.

Prudenza è un grande Guardiano della ragione umana. La segue nella sua ignoranza del circostante insegnandogli il mezzo migliore attraverso il quale porsi per favorire la propria sequenza dei mutamenti. Prudenzia si nutre dell'azione della ragione umana quando sobbalza. Quei sobbalzi di pensiero ottenuti dalla sospensione del giudizio prima delle scelte. Quella micro sequenza in cui la ragione preferisce tacere e farsi compenetrare, per qualche infinitesimo istante, dal circostante. Quando quei sobbalzi della ragione sono spariti ciò significa o che la ragione ha preso il sopravvento sull'Essere Umano per cui questi ha risolto sé stesso in un'idea in cui la ragione è padrona del proprio esistere o che l'Essere Umano compenetra completamente l'esistente strutturandosi per essere circostante superando la descrizione della ragione. In quest'ultimo caso non ha più ragioni per essere prudente in quanto parte integrante del circostante con cui ha fuso la propria volontà e le proprie determinazioni iniziando un cammino di eternità.

Pudicizia è un grande Guardiano del divenire umano. Un Guardiano dell'ordine. Appartiene alla ragione e costringe questa ad essere disciplinata rispetto a sé stessa. Pudicizia non impone un modo di essere o di porsi, impone il controllo dell'avidità nella soddisfazione dei propri bisogni. I bisogni si soddisfano in relazione col circostante. Spesso i bisogni si presentano in modo violento imponendo all'Essere Umano la loro soddisfazione. Alcuni di questi bisogni possono essere soddisfatti immediatamente, altri è necessario soddisfarli tenendo presente il divenuto del Sistema Sociale in cui si vive. E' necessario evitare una ritorsione da parte del Sistema Sociale in relazione alle regole sociali imposte dal Condizionamento Educazionale.

Lo spostamento dei limiti etici e morali imposti dal Condizionamento Educazionale agli individui della società, devono essere ampliati lentamente. E' facile spostare i limiti morali e giuridici della società. E' sufficiente fare nuove leggi. Le leggi si fanno in un tempo breve, ma gli uomini, per far proprie quelle nuove leggi e fruire di nuovi spazi di libertà devono superare il condizionamento emotivo che hanno subito attraverso le norme precedenti. Spesso, per spostare i limiti del Condizionamento Educazionale sociale negli Esseri Umani servono molte generazioni e molte vicende attraverso le quali gli Esseri Umani mettono in atto adattamenti psico-emotivi alle nuove norme.

Spesso degli Esseri Umani si fanno carico di quei spostamenti ingaggiando combattimenti titanici. Questi Esseri Umani vanno favoriti senza imitarli. Si assumono come propri elementi degli spostamenti che costoro generano e si fanno propri senza esporsi violentemente. Senza subire violentemente le reazioni del Sistema Sociale stesso. C'è un esempio in cui Pudicizia ha agito in tempi recenti, ed è stato quando gli Esseri Umani femminili del Kuwait hanno rotto le imposizioni sociali guidando le automobili mettendo in salvo parte dei loro averi dall'avanzata degli eserciti dell'Iraq. Quei comportamenti sono stati immediatamente ampliati da altri Esseri Umani femminili dell'Arabia Saudita che hanno guidato l'automobile per ribadire un diritto all'esistenza (Gli Esseri Umani femminili nei paesi arabi è praticamente uno schiavo adibito solo alla riproduzione, soltanto il socialismo, in alcuni paesi ne ha aumentato i diritti sociali). Questo è l'intervento di Pudicizia che ha lavorato per ampliare la libertà dell'esistenza ed ora opera coltivando lo spazio "sociale" di libertà d'espansione della singola ragione. Pudicizia impone che gli uomini fagocitino e sfruttino ogni nuovo spazio di libertà che si presenta.

Come nel "Sentiero d'Oro": "Diana insegna all'Essere come Necessità spezzi le catene ed ogni forma di limitazione e costrizione del lato femminile della vita" così Pudicizia prende l'aspetto socialmente accettabile (socialmente meno conflittuale) dello spezzare le catene e le limitazioni e lo fa diventare parte del divenire del Sistema Sociale. Pudicizia lavora dunque nei mutamenti per sedimentare libertà senza costruire traumi nei Sistemi Sociali.

Quando Virginia, figlia di un patrizio, osò innamorarsi e sposare un plebeo venne rifiutata al tempio di Pudicizia Patrizia. Virginia divenne Pudicizia. Costruì un tempio a Pudicizia Plebea e ne impose il culto e il rispetto a Pudicizia Patrizia. Così facendo Virginia ampliava la libertà, sedimentandola, all'interno del proprio Sistema Sociale. Il significato della funzione del Centro di Energia Vitale Pudicizia venne a poco a poco trasformato in un atteggiamento di vergogna dell'Essere Umano per quanto appare osceno o disonesto. Ma le cose appaiono oscene e disoneste relativamente ad un ordine predeterminato, non in sé. Il tentativo di distruggere Pudicizia inizia con la predeterminazione della morale o dell'etica a cui l'Essere Umano deve sottostare.

La predeterminazione è impudica in sé!

Soltanto il condizionamento educazionale del Comando Sociale costringe l'Essere ad aderirvi facendola propria. Pudicizia tende a superare quanto pudore tende ad imporre. E' una questione di mutamenti, di trasformazioni. Pudicizia agisce sui mutamenti e le trasformazioni determinate da Necessità. Pudore è funzionale alla sottomissione dell'Essere Umano per impedirgli di veicolare le proprie emozioni e le proprie pulsioni impedendogli di manifestare sé stesso in relazione ai propri desideri e alle proprie determinazioni; Pudicizia allarga i confini del concetto "sociale" all'interno del quale l'Essere può manifestare sé stesso. Pudore è un atteggiamento socialmente imposto all'individuo, Pudicizia è un Centro di Energia Vitale che sviluppa sé stesso promuovendo i desideri e le determinazioni degli individui in relazione ad individui della propria specie. Pudicizia è un Guardiano del divenire umano!

Quiete è un Guardiano nero. Quiete è un grande nemico dell'Essere Umano. Ogni volta che l'Essere Umano risolve una contraddizione subito un'altra si presenta ed egli è costretto a scegliere ancora. A volte ci si chiede se non sarebbe bello vivere senza contraddizioni. Prendere una pausa e magari annegare in quella pausa. La vita dell'Essere Umano è una catena di contraddizioni e di conflitti, una catena di scelte. O lui sceglie o il circostante agisce su di lui scegliendo.

L'Essere Cervo può scegliere di non correre, può rifiutarsi di scegliere, ma il circostante sceglie. Quando il soggetto si rifiuta di determinare non è che non esistono più le determinazioni, queste vengono manifestate dalle Coscienze di Sé che circondano l'Essere Umano. Quiete si presenta alla sua ragione intimandogli di fermarsi. Di non scegliere, di non usare le proprie determinazioni. Così la ricerca della quiete porta l'Essere Umano ad estraniarsi dall'esistenza. Abbandona l'esistenza cercando la quiete dimenticando che comunque i suoi bisogni si soddisfano mediante l'uso delle sue determinazioni nell'oggettività e che comunque questa agirà nei suoi confronti.

Quiete è dunque un Guardiano nero che intima la resa all'Essere Umano. E' come nelle pratiche ascetiche o nella ricerca del non dolore nel buddismo. In realtà si tende ad annegare in Quiete annullando la propria volontà e le proprie determinazioni nell'affrontare il quotidiano.

Il Comando Sociale intimerà agli Esseri Umani di seguire il suo volere e le sue determinazioni portando ad esempio la ricerca (e la necessità di quiete) religiosa di chi ha rinunciato ad usare le proprie determinazioni e la propria volontà. Quando il nuovo faticosamente arranca per dare l'assalto al cielo della conoscenza e della consapevolezza ecco che non solo si scontrerà con chi si oppone a questo assalto, ma dovrà combattere anche contro chi vorrà ridurre al silenzio la sua volontà e le sue determinazioni. Chi cerca Quiete ha terrore di chi guarda il tempo mentre viene incontro in quanto costui gli rammenta il fallimento della sua esistenza. I sacerdoti di Quiete al Tempio di Porta Collina nella via Lavicana erano chiamati i Silenziosi: Esseri senza volontà e senza determinazioni. Quiete era legata a Plutone (inteso come dio infernale, non come Essere Ricco) in quanto il fallimento della vita portava ad interrompere la sequenza delle contraddizioni dell'esistenza cessando lo sviluppo del proprio divenire eterno.

Rediculus è un grande Guardiano. Quando l'Essere Umano intraprende un'azione deve sapere esattamente dove quell'azione lo porterà. Ridiculus sta a ridicolizzare come a ridicolizzarsi. Ridere di sé. Ridere dei propri errori e delle proprie false valutazioni affinché si guardino e si valutino le cose per quello che sono e non per quello che si vorrebbe fossero. Rediculus aveva un tempio sulla via Appia a significare l'impotenza della ragione ad abbracciare l'esistente e le sue pretese di descrivere il circostante. La pretesa della ragione di condurre l'azione dell'individuo attraverso la propria descrizione. Così gli individui diventano ridicoli. Solo chi ride delle valutazioni della propria ragione può compenetrare il circostante. Questo vale anche: solo chi compenetra il circostante può ridere delle pretese della ragione di condurre le azioni dell'individuo attraverso la sua descrizione. L'azione precede sempre la descrizione. Il contrario porta a ridicolizzare l'individuo. Quando l'individuo si mette al servizio del Comando Sociale pretende di agire attraverso ragionamenti; attraverso l'articolazione del proprio descritto come ammesso dal Comando Sociale. Questo rende ridicolo l'individuo. Questa è la base della satira quando deride i personaggi del Comando Sociale.

Rediculus può soltanto essere attento affinché la ragione non si illuda di essere padrona dell'individuo. Può agire a sberleffo mantenendo viva la capacità di critica dell'esistente dell'individuo. Rediculus impedisce l'assoggettamento assoluto dell'individuo ai dogmi imposti, li ridicolizza, mantiene viva la critica che permette alla psiche intima dell'individuo di fuggire dall'assoggettamento. E' facile dire: gli altri sono ridicoli. Rediculus ci costringe a guardare quanto noi ci rendiamo ridicoli dando importanza alle cose che vengono fatte attraverso la ragione. Questo non significa che queste cose non debbano essere fatte, significa considerare la loro importanza esclusivamente per quella che noi gli attribuiamo e non per dei valori oggettivi che secondo alcuni hanno. Roma ride di Annibale. Roma era praticamente indifesa e Annibale non ebbe il coraggio di affondare il suo colpo: Roma rise di Annibale. Io ho visto degli impiegati che non avevano il coraggio di bussare alla stanza del loro capufficio per questioni d'ufficio. Ridiculus prese entrambi e di entrambi fa risuonare le montagne delle sue risate, ma quando le montagne ridono, ridono anche di sé stesse? E gli Esseri Umani, quando diventano tutt'uno con Ridiculus? Solo per l'altro? Allora si reputano furbi. Soltanto chi si fa Ridiculus nei confronti di sé stesso diventa un Essere Potente e Saggio attraverso lo sviluppo di sé stesso. Ridiculus è un grande Guardiano del divenire umano.

Salus è un grande Guardiano del divenire dell'Essere della Natura. Di lui si è già parlato nel "Sentiero d'Oro". Agisce anche all'interno della ragione indicando come il corpo fisico sia in salute per poter svilupparsi. La cura del corpo e la ricerca della salute permette di aumentare i mutamenti a disposizione e attraverso questi aumentare le probabilità di diventare eterni. Salus è un grande Guardiano che agisce attraverso i bisogni e le necessità. Egli costringe la ragione ad inseguire l'equilibrio, ma soprattutto blocca la ragione quando questa non riesce a garantire l'equilibrio del benessere fisico e l'Essere della Natura è in pericolo di morte. Salus provvede affinché il benessere venga cercato come priorità fondamentale della propria esistenza. Salus è un Centro di Energia Vitale che agisce all'interno di ogni Essere della Natura. Questo potere aiuta l'Essere Umano a scorgere quanto gli permette di migliorare il proprio benessere. Agisce sui sensi e quando il pericolo è molto forte tende a bloccare la ragione permettendo alla percezione di individuare quegli elementi capaci di ripristinare il benessere. A Roma Salus venne a poco a poco dimenticato. Non era più la forza interna degli Esseri che cercavano il proprio benessere, ma un altro Essere Umano che si occupava di loro. Essi diventavano oggetto dell'Attenzione di chi si sarebbe occupato di ripristinare quel benessere. Questo era il significato di dimenticare Salus per onorare Ascleppio. Salus fu identificata con Igea e si tese a dimenticare come il benessere fosse oggetto della ricerca costante di ogni individuo della Natura. Quando il benessere si supplica ottenendolo come dono o come merce, perde la sua forza con cui modifica la conoscenza e la consapevolezza dell'individuo

Cessa di diventare Sapere concorrente allo sviluppo della Coscienza di Sé dell'individuo per finire strumento di controllo del Comando Sociale. E' come per l'uso delle erbe. Quando le usavano le donne e gli uomini, li chiamavano Streghe e Stregoni. Essi erano giunti all'uso di quelle erbe forzando i limiti della loro ragione: avevano arricchito la loro Coscienza di Sé. Come Streghe e Stregoni venivano uccisi. Poi i monaci e le suore si impossessarono di quel sapere e di quella conoscenza usandola per sottomettere e controllare gli Esseri Umani. Così l'uso delle piante medicinali cessò di essere un potere a cui ogni Essere Umano poteva attingere per diventare uno strumento attraverso il quale controllare il Sistema Sociale sottomettendolo.

Per questo è necessario ricordare Salus come un potere della Natura. Un Centro di Energia Vitale il cui compito è aiutare l'individuo a diventare eterno sviluppando il sapere e la conoscenza anche se oggi col controllo della medicina sulla salute il singolo Essere Umano è in grado di appropriarsi solo di una piccola parte di quel sapere. Ci furono dei momenti in cui sviluppare benessere guarendo invalidità era l'attività centrale della stregoneria. Oggi non è più così. Almeno non nei paesi in cui le condizioni di vita sono fortemente migliorate. In quei paesi le possibilità di disporre di una sequenza di mutamenti sufficientemente lunga per sviluppare il proprio diventare eterni è tale che rende inutile, se non truffaldino, sviluppare un progetto di stregoneria guarendo malattie. Inutile, in quanto il confronto avverrebbe con tipi di malattia devastanti e truffaldino in quanto la stregoneria, comunque, non è in grado di intervenire sulle menomazioni o malattie genetiche, virali o cancri.

Ricordare Salus significa ricordare come la ricerca del benessere è un fatto soggettivo, anche se il ricorso alla medicina è doveroso per non commettere sciocchezze. La ricerca di benessere, comunque, deve trasformarsi in sapere e conoscenza. Salus è dunque un grande Guardiano del divenire umano.

Semo Sanco è un grande Guardiano del divenire umano. Da Sanco deriva il verbo sancire: comportarsi come indicato da Sanco. Sanco è un centro di Energia Vitale che si nutre dell'Energia espressa dall'Essere Umano quando agisce in conformità dei propri impegni. L'impegno preso dall'Essere Umano è un impegno sacro in quanto egli si è fuso con Sanco. Egli ha messo una firma, ha stretto una mano, ha fatto una promessa e nel fare questo si è trasformato in Sanco. Ora la sua esistenza è legata a quella promessa. In ogni istante può gettare alle ortiche la promessa fatta, ma deve essere un atto deliberato. Una decisione come espressione della sua volontà e delle sue determinazioni. Deve dire, in altre parole: "Sanco, mi hai ingannato". I termini dell'intesa non erano quelli immaginati, quelli voluti. Io non ero in grado di comprendere le implicazioni di quanto facevo. L'Essere Umano, in quel momento, usa le proprie determinazioni e la propria volontà per bloccare l'azione di Sanco.

Io devo essere azione che risponde all'impegno, ma l'impegno non deve essere mascherato, non deve contenere inganni, non deve contenere trappole o malintesi. L'impegno deve avere un interlocutore preciso: Sanco. Quando l'interlocutore non si è fatto Sanco e mira a cose diverse da quelle esposte o nasconde le intenzioni dietro parole suadenti o convincenti senza esporre i reali termini del problema o le sue reali implicazioni, allora io mi faccio Sanco rompendo il patto. Quando mi faccio Sanco rompendo il patto scateno la rabbia di Bellona per l'inganno ricevuto. Io mi faccio Sanco rompendo il patto sottoscritto perché io a quei termini credevo, ma chi ha usato quei termini per raggiro o inganno non si è mai fatto Sanco, ha usato l'immagine di Sanco per ingannarmi. Dunque, se io rompo quel patto, in realtà rompo un patto inesistente in quanto l'interlocutore ha perso il diritto di essere considerato interlocutore. Non esiste. Questo integra la descrizione di Semo Sanco nel "Sentiero d'Oro". La lealtà di Semo Sanco è legata a Semo Sanco. Solo Bellona permette la relazione con chi considera il farsi Semo Sanco arte dell'inganno e del raggiro. Semo Sanco è un grande Guardiano del Divenire Umano. Porta gli Esseri Umani ad essere sempre uguali a sé stessi ma, nello stesso tempo, induce gli Esseri Umani a rompere ogni accordo che abbia Inganno come suo fine.

Senectus è un grande Guardiano del divenire umano. Senectus è il faro della trasformazione dell'Essere Umano. Il lume che indica all'Essere Umano che cosa diverrà. Senectus fà paura! L'Essere Umano vecchio ha paura del circostante, ha paura della sua incapacità fisica ad affrontarlo. Qualunque Essere Umano diventerà vecchio. Eppure Senectus sta ad insegnare all'Essere Umano la necessità di coltivare i propri interessi, le proprie aspirazioni, ad esercitare la propria volontà e le proprie determinazioni affinché non dimentichi cosa diventerà. La vista di Senectus porta molti Esseri Umani ad abbandonarsi ai piaceri della vita come priorità della propria azione. Non è sbagliato abbandonarsi ai piaceri della vita purché questo sia parte della vita e non il fine della vita. Altri ancora davanti a Senectus diventano frenetici, non hanno un secondo da perdere. Altri ancora agiscono come se Senectus fosse il fine della loro esistenza ed agiscono proteggendo la loro vecchiaia accumulando e risparmiando beni. La realtà è che Senectus rappresenta un momento dello stato fisico dell'individuo, non la vecchiaia dell'individuo.

Senectus è pauroso soltanto per chi ha vissuto la vita in ginocchio davanti ad un dio che lo esaurisce della sua energia, della sua forza, del suo divenire. Per chi ha vissuto esercitando la propria volontà e le proprie determinazioni Senectus è un momento dell'esistenza nel quale si può fare un bilancio della propria esistenza aspettando che la morte del corpo fisico porti alla nascita del corpo luminoso. Senectus è un grande Guardiano del divenire umano, ma la sua interpretazione e il suo ruolo appartiene alle scelte fatte dall'Essere Umano per fondare la propria esistenza. Se queste scelte sono scelte di espansione, allora l'Essere Umano vede Senectus come un momento del suo divenire diventando esso stesso Senectus; se l'Essere Umano ha vissuto distruggendo sé stesso allora vede Senectus come la peggiore delle sue disgrazie; il preludio del suo "inferno". Allora aspetterà la morte come liberazione dagli affanni della vita terrorizzato che un possibile dio prolunghi quegli affanni per proprio diletto o piacere.

Silenzio è un grande Guardiano del divenire umano. Silenzio affascina la ragione. La circuisce inducendola a fermarsi e a prendere fiato. Inducendola la ragione a sospendere l'ossessione, l'affanno e l'angoscia con cui costruisce la descrizione del mondo. Silenzio induce la ragione a fermarsi, a respirare. Silenzio è il ponte fra la descrizione della ragione e l'organizzazione emotiva dell'individuo per affrontare il caos del circostante. La ragione descrive il circostante, il Potere di Essere organizza e costruisce l'individuo per affrontare il circostante. Silenzio è Potere dell'idea nella ragione; Silenzio è potere nella descrizione. Silenzio ammalia la ragione inducendola ad usarlo. Ogni volta che la ragione usa Silenzio la ragione si dilata, si arricchisce. Ogni volta che la ragione usa Silenzio si ammala di Silenzio. Abbisogna del silenzio per dilatare la propria descrizione. Così Silenzio addestra la ragione a sospendere la descrizione permettendo all'Essere Umano di addestrarsi e prepararsi per affrontare il caos del mondo che lo circonda. Permette all'Essere Umano di penetrare compenetrare lo sconosciuto circostante diventandone parte: diventare circostante.

Per affrontare Silenzio la ragione si fa Tacita. Tacita è un grande Guardiano del divenire umano. Quando diventa Tacita la ragione diventa magia. La ragione non è più padrona dell'individuo ma strumento del divenire dell'individuo.

Quando la ragione si fa Tacita? Quando la ragione comprende di essere legata al corpo fisico e al suo sviluppo. Quando la ragione comprende che è destinata a cessare con la cessazione dell'esistenza del corpo fisico. Quando la ragione comprende la necessità di farsi da parte per permettere lo sviluppo del corpo luminoso che permette alla coscienza dell'individuo di continuare lo sviluppo dopo la morte del corpo fisico. In quel momento la ragione si è fatta Tacita. La ragione Tacita è una ragione in continuo mutamento e in continuo divenire. La ragione che si fa Tacita non si ritiene eterna in quanto padrona dell'individuo e, come conseguenza, padrona del circostante. Una ragione che si fa Tacita è una ragione che percorre una linea in continuo sviluppo e in continua dilatazione. E' una ragione che sa farsi da parte ogni volta che un individuo affronta le contraddizioni drammatiche dell'esistente ma subito pronta ad aggiungere qualche cosa di nuovo alla sua descrizione del mondo. Una ragione Tacita è una ragione che non ha paura del caos circostante. Vive il caos circostante come una miniera dalla quale attingere per alimentare la propria descrizione. Un Essere Umano con una ragione Tacita è capace di lasciare il corpo fisico mentre opera per costruire, dilatarsi e svilupparsi. La morte del corpo fisico (chi più o meno) lo coglie in un momento creativo, al di là dell'età, del momento o del modo in cui viene colto.

Sorte è un grande Guardiano del divenire umano. Sorte fu identificata con Fortuna. In realtà Sorte è la forza che permette all'Essere Umano di scegliere pur non conoscendo i dati completi all'interno dei quali scegliere. La ragione descrive il mondo ma non è in grado di comprendere il mondo. Nonostante questo l'Essere Umano è costretto a scegliere. La scelta non è in linea con la descrizione, la scelta spesso è legata a cose diverse. Spesso si parla di istinto, di astuzia, di fortuna o di caso. In realtà Sorte è un Guardiano di ponte fra la ragione e il caos circostante. Fra la ragione e la forza psichistica dell'individuo. Sorte è la capacità dell'io-psichistico di lanciare messaggi al Super-Io della ragione. Manda messaggi sotto forma di necessità, bisogni, intuizioni, illuminazioni e necessità impellenti. Sorte è questo potere. Sorte viene sconfitta soltanto quando la ragione prende il controllo dell'individuo e l'individuo si assoggetta alla ragione, alla sua descrizione. Soltanto in quel momento l'Io-psichistico non è più in grado di comunicare alla ragione la sua percezione del circostante costringendo l'individuo a scegliere nonostante la sua incapacità di descrivere la totalità dell'esistente. Sorte è un grande potere. Un grande Guardiano che cessa di agire sull'individuo anche quando la ragione si fa Tacita. In quel momento Sorte non ha ragione di continuare ad essere perché l'individuo è Io-psichistico e non ha ragione di usare il potere di un ponte in quanto egli è diventato Sorte. Dunque, Sorte non è fortuna. Non è la compattazione dell'individuo nell'affrontare il circostante, ma è la capacità dell'Io-psichistico di comunicare al Super-Io della ragione.

Speranza è un grande Guardiano del divenire umano. L'attimo presente non è l'assoluto. All'attimo presente segue un altro attimo e a questo segue un altro attimo. Speranza è un Guardiano che induce l'Essere Umano a volgere lo sguardo al tempo che viene incontro. Il presente non domina l'Essere Umano; l'Essere Umano si trasforma, giorno dopo giorno. Questo è il principio esoterico di Speranza. Speranza è il potere della trasformazione, la forza che induce alla trasformazione degli individui, il loro cammino verso l'eternità. Fu Speranza a condurre gli Esseri Umani lungo il cammino sociale che li portò fuori dall'oscurantismo cristiano nel quale gli adoratori del macellaio di Sodoma e Gomorra li avevano cacciati. Speranza si relaziona col singolo individuo, con la specie, con l'Essere Natura, favorendone i mutamenti. C'è sempre una direzione migliore di quella attuale nella quale svilupparsi,

Gli Stregoni modificarono le condizioni, agiscono sui mutamenti per uscire dall'oscurantismo cristiano. Gli illuministi, i libertini modificarono la rotta dei mutamenti sociali in funzione del principio speranza alimentati, nella loro azione, da Speranza. Speranza è un grande Guardiano.

Nulla è perduto, per chi non si piega disperato. Per chi non dissolve sé stesso i mutamenti sono in grado di modificare la sua situazione attuale solo nella misura in cui costui continua ad usare la propria volontà, le proprie determinazioni, continua la ricerca per soddisfare i propri bisogni. E' l'idea del Sol Invicto che costretto ritorna allungando i suoi giorni. Speranza è un Centro di Energia Vitale che avvolge l'individuo come una tensione.

Il nemico di speranza è l'illusione. Speranza non è definizione di ciò che sarà o potrà essere. Questa è illusione della ragione che incapace di abbracciare l'esistente attraverso la sua descrizione si illude che quanto descrive sia la totalità dell'assoluto da cui deduce che sarà necessariamente sviluppo della sua descrizione. Illusione è una proiezione nei mutamenti ignorando le variabili sconosciute e la forza del loro impatto su quella sequenza dei mutamenti. Speranza non descrive. Speranza è una forza che spinge l'Essere Umano ad usare la propria volontà e la propria determinazione. L'Essere Umano diventa Speranza quando fa del cambiamento il suo modo di essere attraverso l'uso della sua volontà e delle sue determinazioni.

Tosse è un grande Guardiano del divenire umano. Tosse è un messaggio, ogni messaggio, che il corpo fisico lancia alla ragione per comunicargli che qualche cosa non funziona e che lui, per conseguenza la ragione, si prospettano dei pericoli. Quando la ragione si eresse a padrona assoluta dell'Essere Umano chiuse con quanto non riusciva a descrivere. Fra le cose che tagliò dalla sua descrizione fu la relazione fra sé e il corpo fisico dell'Essere Umano cui apparteneva. Così l'Essere Umano non fu più in grado di agire preventivamente nei confronti del proprio corpo. Anche se nel corso dei millenni le condizioni di vita sono migliorate, l'azione della ragione non era in grado di soddisfare tutti i micro-bisogni di ogni singola cellula del corpo fisico e ogni microorganismo dentro il corpo inviava alla coscienza posta sotto il suo dominio.

La ragione si limitava a soddisfare quei bisogni generali espressi dall'Essere Umano compresi nella sua descrizione. Alcuni di questi bisogni, di cui non comprendeva l'uso o il significato, li reprimeva sottoponendoli a condizioni morali coercitive. Così la ragione non dava molta importanza a quella piccola ferita al piede salvo disperarsi quando questa si trasformava in cancrena. La ragione non dava molta importanza a quel piccolo prurito, quella sensazione di freddo sui bronchi e sui polmoni, salvo disperarsi quando questa si trasformava in polmonite. Tosse è un Guardiano messaggero che avverte la ragione quando qualche cosa non funziona. Avverte la ragione che la sua descrizione non capisce che cosa potrebbe non funzionare incutendogli timore e necessità di capire. Attraverso Tosse la ragione si modifica percependo il proprio corpo fisico. Comprende la necessità di conoscere e di allargare il confine della sua conoscenza. Tosse è un grande Guardiano. Diventa un Guardiano dello sviluppo della ragione in una direzione precisa: aumentare la comprensione degli stimoli provenienti dalle varie parti del corpo per allargare la descrizione che di questo ne ha la ragione.

L'Essere Umano impara ad ascoltare i messaggi che dal suo corpo emergono alla superficie della sua coscienza. L'Essere Umano comprende come la sua coscienza altro non è che la Coscienza risultante di ogni sua parte del corpo. L'Essere Umano comprende di essere un divenuto e che deve continuare ad esistere attento agli stimoli del proprio corpo per continuare nel suo processo di divenire. Non si diventa Tosse. Si permette a Tosse di diventare parte dell'Essere Umano. Si costringe la ragione a spostare la sua attenzione tenendo presente i messaggi di Tosse.

Tosse è un grande Guardiano del divenire umano. Per essere un Guardiano del divenire Umano Tosse abbisogna che l'Essere Umano comprenda la necessità di continuare nella sequenza dei mutamenti e per far questo deve curare il suo corpo fisico. Deve essere attento affinché il deterioramento del corpo fisico sia ritardato ed egli possa abitare il mondo in salute e forza. Solo quando l'Essere Umano comprende la necessità e l'importanza del proprio divenire, allora Tosse può diventare parte dell'Essere Umano e divenire come parte dell'Essere Umano.

Tutano è un grande Guardiano del divenire umano. Se Tosse esprime alla ragione le esigenze non descritte del corpo fisico, Tutano impone alla ragione le esigenze di conservazione in relazione al circostante in cui l'individuo vive. L'Essere Umano non è un creato da un dio pazzo che gli ha regalato il mondo. L'Essere Umano è un divenuto all'interno dell'Essere Natura. All'interno dell'Essere Natura ha proceduto, adattamento dopo adattamento, modificandosi, conservandosi ed espandendosi.

La conservazione del proprio stato è la condizione per l'espansione e lo sviluppo. Tutano è un Guardiano che deve garantire la conservazione dell'esistente per consentire uno sviluppo futuro. Esiste una sola direzione di sviluppo, tutte le altre direzioni sono non sviluppo. Dal come si vive in questo momento si può migliorare la qualità della vita o si può peggiorare la qualità della vita precipitando nella miseria. La condizione di miseria è favorevole allo sviluppo della fede cristiana e di ogni altra concezione monoteista che impone sottomissione all'uomo. La condizione di benessere è una condizione favorevole alle relazioni col mondo che ci circonda perché eliminando la pressione impellente dei bisogni fisici primari, lascia spazio all'espressione dei bisogni intellettuali. Chi ha fame non si chiede come soddisfare il bisogno dello sviluppo del corpo luminoso. Tutano agisce affinché gli Esseri conservino quello che hanno conquistato per poterlo migliorare.

Tutano è un'esigenza che l'Essere Umano presenta alla sua ragione. Tutano esprime la sua tensione alla ragione impedendo a questa di nascondersi dietro le sue illusioni e la costringe a chiamare le cose col loro vero nome. La ragione deve agire all'interno della sua descrizione, non deve permettersi di allargare la sua descrizioni a cose irreali o ad invenzioni di fantasia. La ragione deve allargare la propria descrizione e non deve imporre fantasmi psicologici per impedire all'individuo di allargare i suoi confini. Tutano provvede a questo. La sconfitta di Tutano si ha, come per molti altri Centri di Energia Vitale, quando la ragione si ritiene padrona assoluta dell'Essere Umano e si identifica col dio padrone. La sconfitta di Tutano c'è quando la verità della ragione blocca la ricerca del vero nella vita quotidiana.

Verità è un grande Guardiano del divenire umano. Verità è quanto l'Essere Umano percepisce nel momento presente. L'Essere Umano, fin da quando esce dalla vagina della propria madre, inizia a costruire la sua coscienza, la sua cultura, il suo saper e la sua conoscenza. In ogni istante della sua esistenza, l'Essere Umano si rappresenta nel mondo con una verità conquistata. Con un sapere conquistato. Con una cultura conquistata. Con la sua percezione nell'istante in cui emette il suo giudizio. Verità è la misura della libertà dell'Essere Umano. Verità è il divenuto dell'Essere: la sua libertà raggiunta.

La libertà è la forza che modifica continuamente la verità a cui l'Essere Umano è giunto. C'è una Verità che attende l'Essere Umano dopo la Verità che sta vivendo nell'oggi. Nella religione Greca la Verità è raffigurata con Estia e la libertà che modifica continuamente la verità vissuta è rappresentata da Demetra. La possibilità di sviluppare il corpo luminoso da parte dell'Essere Umano è data dalla capacità di modificare continuamente la verità vissuta.

Verità è la percezione del mondo che ci circonda nell'attimo presente attraverso la specificità del divenuto del singolo soggetto. L'attimo presente e il divenuto del soggetto sono momenti assoluti. Questi momenti tendono a fermare il divenire dell'Essere Umano: "Ecco, dopo tanto penare sei giunto alla verità. Questa è Verità" "No! Afferma Libertà, questo è un aspetto di Verità. Segui le tensioni che nascono dentro di te e troverai altri aspetti di Verità. Cresci e Verità si modificherà".

Verità è rappresentata come una "austera matrona" come l'immagine del divenuto immobile in sé stesso. Fu facile per i cristiani imporre la verità assoluta del loro dio dentro la quale esaurire il divenire dell'Essere Umano. Attraverso il terrore imposero il loro dio. E' il loro Gesù che afferma di essere "la verità". Quando Pilato chiede a Gesù che cosa sia la verità, Gesù non risponde come non risposero i platonici. Gesù elaborato dai neoplatonici, risponde alle masse sottomesse e prostrate davanti a lui allo stesso modo di Socrate nell'Apologia. Platone e Gesù dicono agli uomini sottomessi: "Io sono la verità!". La verità di Gesù e di Platone è il terrore che bloccava il divenire dell'uomo: la parola del loro dio era la Verità in cui il divenire dell'individuo si esauriva. Se il dio padrone dice che "questa è la verità", non c'è più ricerca del vero, non c'è più modificazione nell'uomo per adattarsi nella sua trasformazione. Il dio padrone ti ha dato la verità e a quella verità tu ti devi sottomettere e farla propria.

Mettere Verità come obiettivo del divenire umano significa distruggere il respiro di Libertà nell'uomo. Significa impedire il formarsi di altre verità, di altre scelte nell'esistenza. Significa ignorare che l'Essere Umano è divenuto imponendogli la Verità della creazione da parte di un potere di cui egli è a sua somiglianza. Il creatore è uguale al creato, dunque non esiste divenire del creato in quanto questo è uguale all'assoluto: l'"austera matrona" si chiude su sé stessa e attende la morte!

Prima di essere "austera matrona" era una giovinetta, prima di essere una giovinetta era un feto. Eppure l'"austera matrona" chiude il divenire dell'Essere Umano in sé stessa. Impedisce all'Essere di pensare sé stesso come un divenuto e, di conseguenza, di pensarsi in divenire. Quando, dunque, Verità è un nemico dell'Essere Umano? Quando aiuta la ragione a prendere il controllo dell'Essere Umano bloccandone il divenire nella convinzione di aver raggiunto un l'assoluto oltre il quale esiste solo il nulla.

Quando Verità è un grande Guardiano del divenire umano? Quando, fissando il divenuto, pone le basi per modificarlo.

Quando Verità non è causa della ricerca di sviluppo del soggetto, ma è manifestazione del presente della sua tensione nella ricerca di Libertà. Verità fa parte di un gruppo di Guardiani molto "subdoli". Facilmente manipolabili dalla ragione. Questi presentano vari lati, sia nel Super-Io sia nell'Io-psichistico in quanto costituiscono un ponte di congiunzione fra entrambi. Quando la ragione sbarra l'aspetto che le interessa tende a bloccare il ponte per impedire l'afflusso alla coscienza di dati e di fenomeni tali da sconvolgere la sua descrizione del mondo. Ecco allora che da Guardiano dell'Essere Umano Verità diventa un Guardiano della staticità della ragione: l'"austera matrona". Il Guardiano Verità dell'Essere Umano è figlia di Saturno. E' figlia di colui che pesca dall'Io-psichistico per aggiungere al descritto della ragione e facendo questo alimenta il principio speranza nel divenire umano. Il Guardiano Verità è figlia di Virtù, la capacità dell'Essere Umano di chiamare le cose col loro nome senza costruirsi inganni. Il Guardiano Verità è figlia di Giustizia. L'equilibrio fra i Poteri di Essere all'interno del divenire dell'Essere Natura. Il Guardiano Verità è tale soltanto quando risponde a delle caratteristiche precise. Una cosa è la verità, un'altra cosa il Guardiano Verità.

Verticordia è un grande Guardiano del divenire umano. Verticordia è un Centro di Energia Vitale che agisce fissando l'attenzione degli Esseri sul tempo che viene incontro. Sulla loro trasformazione in funzione del loro divenire. Verticordia è una potenza che stana l'Attenzione dell'Essere Umano portandola ad affrontare le contraddizioni dell'esistente.

"Credevi tu di esserti costruito un nido, una nicchia, nella quale vegetare. Nel far questo hai cessato di divenire!". Verticordia è un Guardiano che relaziona l'Essere Umano all'oggettività del circostante. Per questo motivo Verticordia viene legata a Venere. Quando non è un Guardiano dell'Essere Umano è un aspetto di una forza più vasta. Se Venere è il potere che lega fra di loro gli Esseri della Natura mediante le relazioni emotive, Verticordia è il Guardiano che non permette all'Essere Umano di estraniarsi dal mondo in cui è nato. Verticordia è un centro di Energia Vitale che si nutre dell'Energia emanata dagli Esseri quando hanno l'Attenzione rivolta al tempo mentre viene incontro. Avere l'Attenzione sul tempo che viene incontro significa costruire in funzione del futuro del Sistema Sociale. E questo è il Bene! Quanto si espande è il Bene! Quanto si distrugge o si annichilisce l'esistente è il Male! Verticordia spinge al bene.

Verticordia veniva invocata per "intenerire i cuori insensibili" cioè costringerli a percepire le contraddizioni del divenire. Verticordia, fissando l'Attenzione sul tempo che viene incontro, aiutava a dimenticare un amore infelice: si possono fondare nuovi amori, nuovi interessi. Il Potere di Essere di Verticordia come Guardiano è immenso. Spinge l'Essere Umano a divenire in armonia col suo circostante. Lo stana quando si nasconde. Lo protegge quando affronta le contraddizioni del divenire. Verticordia è un grande Guardiano del divenire umano. Aveva un tempio presso la Porta Collina.

Vertumno è un grande Guardiano del divenire umano. Veramente Vertumno è molto di più che un Guardiano del divenire umano, ma in questo momento deve essere trattato per questo specifico aspetto. L'importanza del mutamento nella costruzione dell'Essere Umano fa di questo Guardiano l'essenza del divenire dell'Essere Umano. Il mutamento, in quanto tale, è insito nel divenire dell'Essere Umano. Vertumno impersona un aspetto particolare; il mutamento in presenza di forma e sostanza. L'Essere Umano è ragione e emozione; è Super-Io e Io-psichistico; è apparenza e realtà insieme. Vertumno è a guardia del mutamento attraverso la contraddizione nella quale si realizza la trasformazione dell'uomo. L'Essere, ogni Essere del mondo circostante, produce fenomeni con i quali l'Essere Umano deve confrontarsi. Fintanto che le relazioni si mantengono nell'ambito del Potere di Essere della Natura non ci sono problemi, quando invece le relazioni si svolgono all'interno del Sistema Sociale umano allora le cose cambiano.

Da quando Giustizia fu messa in fuga dall'avvento del Potere di Avere fu necessario al singolo Essere Umano sviluppare le relazioni emotive nascondendole nelle relazioni di forme. Non sempre lo sviluppo del suo Sapere, della sua Conoscenza, della sua Consapevolezza veniva accettato dal Comando Sociale. L'Essere Umano doveva mascherare il proprio divenuto attraverso la forma. Forma che divenne formalità, ossequio, norme comportamentali e controllo del linguaggio. L'Essere Umano poteva far variare le relazioni emotive facendo apparire costante la forma. Cambiare senza che il cambiamento apparisse.

Vertumno è un Guardiano a protezione dei mutamenti. Aiuta l'Essere Umano a nascondere i mutamenti soggettivi quando questi si troverebbero a scontrarsi con un'oggettività distruttiva. Vertumno non è inganno; Vertumno è protezione. Farsi Vertumno significa proteggere la realtà del proprio Essere da "preponderanti forze nemiche". Vertumno come è a Guardia della maturazione dei frutti così è a Guardia della maturazione del corpo luminoso dentro l'Essere Umano. Vertumno è un grande Guardiano. Ha protetto milioni di cacciatori di conoscenza e consapevolezza durante l'oscurantismo cristiano. Li ha protetti dai roghi e dalle torture inducendoli a mascherare il loro sapere e la loro consapevolezza dietro la devozione imposta dal terrore. Chi si è fuso con Vertumno ha potuto portare a maturazione il proprio corpo luminoso. Vertumno è un grande Guardiano del divenire umano.

Vigilantia è un grande Guardiano del divenire umano. E' un Guardiano della Natura. L'Essere Natura costruisce i suoi adattamenti interni attraverso vari Guardiani. Uno di questi è Vigilantia. Non esiste divenire per il singolo Essere Umano senza Vigilantia. Le contraddizioni dell'esistenza impongono una soluzione, impongono delle scelte in funzione della fondazione del proprio divenire. L'oggettività impone al soggetto l'azione. Il soggetto deve essere sempre in grado di cogliere quanto dall'oggettività giunge verso di lui. Deve sempre scegliere e deve scegliere al meglio. Vigilantia gli permette la velocità nella scelta. Gli permette di cogliere Occasione quando gli si presenta. Vigilantia viene invocata per compattare sé stessi. Essere vigili in ogni istante della propria esistenza. Vivere vigili significa farsi Vigilantia. La difficoltà di questo modo di vivere appartiene soltanto a chi si è fissato nella ragione e considera l'oggettività come muta e succube alle sue scelte. Vivere Vigilantia è faticoso soltanto per chi è stato disarmato della propria volontà e delle proprie determinazioni. Vigilantia è un Guardiano soltanto di quegli Esseri che non hanno rinunciato ad esercitare la propria volontà e le proprie determinazioni. Quegli Esseri capaci di guardare il tempo mentre viene loro incontro. Quando una ragione viene spesso offesa, allora l'Essere Umano si chiede da cosa ciò possa dipendere. Nel momento stesso in cui l'Essere Umano si chiede questo, Vigilantia lo alimenta cedendogli Energia Vitale.

Vigilantia è un Guardiano che agisce sia sulla ragione che sul corpo luminoso mentre cresce. Vigilantia appartiene all'Essere Natura e come tale appartiene al divenire di ogni Essere. I suoi simboli sono il gallo che risveglia la ragione dal suo torpore, lo sperone inteso come sprone dell'attività e una clessidra come misura dei mutamenti protetti da Vigilantia. Vigilantia è un grande Guardiano del divenire umano.

Violenza è un grande Guardiano del divenire Umano. Violenza è un Guardiano che agisce all'interno della ragione. Violenza non è l'atto violento, ma è l'atto determinato attraverso il quale un individuo ricerca la propria libertà. Violenza è l'estremo tentativo messo in atto dall'individuo quando nessun'altra alternativa gli è stata lasciata. Violenza, come ad esempio Verità, è uno di quei Guardiani del divenire umano che per essere tali devono essere caratterizzati in quanto la ragione tende a fissare un singolo aspetto al quale far soggiogare l'Essere Umano. Violenza è l'Essere che aiutò Giove nella lotta contro i Giganti. Violenza è l'Essere che aiutò il Potere di Essere nella lotta contro il Potere di Avere. E' un atto di violenza quello messo in atto dal Potere di Avere per impossessarsi del Potere di Essere degli Esseri Umani per servirsene e perpetuarsi. E' un atto di violenza, ma non è il Guardiano Violenza. Il Guardiano Violenza protegge il divenire del singolo Essere quando questo non trova altre vie per proteggersi e rischia l'assoggettamento al Potere di Avere.

Violenza è l'aspetto di Furia quando è legata solo al fare della ragione, al suo pensato, nella ricerca della propria libertà di espansione. Violenza è sorella della Vittoria perché Vittoria esaurisce Violenza. Vittoria è il fine di Violenza. Violenza è un Guardiano molto pericoloso. La libertà ottenuta con Violenza è una libertà sempre in bilico fra l'Essere e l'Avere. L'Essere Umano che fonda la soluzione delle proprie contraddizioni attraverso Violenza percorre un sentiero molto pericoloso. Un sentiero che in qualsiasi momento lo costringe a precipitare dentro il Potere di Avere per conservare quanto con Violenza ha ottenuto. La violenza è il rifugio degli incapaci, Violenza è l'ultima risorsa dei disperati!

Viriplaca è un grande Guardiano del divenire umano. Ogni specie della Natura si sviluppa attraverso la diversità sessuale. Le diversità sono funzionali allo sviluppo della Natura ma è importante che gli attori dello sviluppo della Natura lavorino all'unisono; con un'unica volontà per favorire il proprio sviluppo nel circostante. Un Essere Umano ha una via alla Conoscenza e alla Consapevolezza individuale, ma caccia nel circostante in "branco"; caccia in coppia; caccia in gruppo! E' necessario raggiungere armonia nella relazione per affrontare il circostante. Spesso bisogni diversi creano contrasti e contraddizioni. E' necessario risolvere quelle contraddizioni internamente, ricercando l'unità con la quale affrontare la vita. Viriplaca può agire fra Esseri uguali. Viriplaca può agire soltanto a livello del Potere di Essere. Non può esserci Viriplaca come espressione del Potere di Avere. Là c'è dominio; là c'è dipendenza; là c'è assoggettamento; là c'è violenza per il dominio.

I cristiani distrussero Viriplaca imponendo un ferreo dominio sulla donna. Le imposero un codice comportamentale che prima di loro non si era mai visto tanto brillava per ferocia e determinazione. Per i cristiani la donna era colei che aveva dannato l'uomo facendolo cacciare dal paradiso terrestre; era quella che non aveva diritti nei confronti della sua prole; era colei che era senza anima. Per i cristiani (e le altre religioni rivelate) la donna era ed è oggetto del possesso. Un oggetto senza diritti. Un Essere che meritava disprezzo. In questo modo i cristiani distrussero Viriplaca. La condizione della donna all'interno del loro concetto di famiglia era la condizione della subordinata; la donna era schiava. Nella famiglia cristiana non c'è Viriplaca; c'è solo assoggettamento. Le unioni fra Esseri Umani (al di là del sesso) possono svilupparsi soltanto quando sono determinate dal Potere di Essere. Unioni il cui scopo è lo sviluppo della Conoscenza, della Consapevolezza, del Sapere che si alimentano da pratiche comuni sia di progetti sociali che di progetti sessuali volti a soddisfare i reciproci bisogni. In ogni altro caso, Viriplaca è bandita. Per questo motivo Viriplaca è un grande Guardiano dello sviluppo dell'Essere Umano. E' il Guardiano affinché le unioni avvengano in sintonia allo sviluppo del Potere di Essere e non costruiscano possesso di un individuo su un altro. Viriplaca favorisce lo sviluppo della concordia fra unioni basate sul Potere di Essere, ma nello stesso tempo favorisce la rottura quando le unioni sono costruite sul Potere di Avere. Quando c'è possesso e sottomissione Viriplaca può agire soltanto per rompere. Viriplaca è un Centro di Energia Vitale nemico dell'orrore cristiano. Che fine fece il suo tempio sul Palatino?

Virtus è un grande Guardiano del divenire umano. Virtus è come Honos. E' una dilatazione di Honos nell'intera esistenza umana e in tutti i suoi aspetti. Essere uguali a sé stessi, seguire i propri principi, sviluppare il proprio Potere di Essere. Questa fu l'esigenza di Mario nello scontro con Silla. Honos fu un Guardiano che nacque come estensione della percezione militare; Virtus fu l'estensione di questo alla vita civile. Pertanto Honos e Virtus sono sinonimi.

Vittoria è un grande Guardiano del divenire umano. E' uno di quei Guardiani che la ragione tende a far propri e a fissare su di essi l'Attenzione dell'Essere Umano per assoggettarlo. Come Verità e Violenza. Vittoria è la capacità dell'Essere di proseguire nella sequenza dei mutamenti senza essere annientato. Senza essere bloccato nello sviluppo dalla sua ragione da condizioni tali da sottometterlo ponendo fine alle sue trasformazioni. Vittoria è un grande Guardiano quando conduce l'Essere Umano a mettere in sequenza sfida dopo sfida. Vittoria è un grande Guardiano quando dopo uno scontro trasmette all'Essere Umano la forza per continuare ad organizzare un nuovo scontro, una nuova sfida, ad affrontare una nuova contraddizione.

Vittoria diventa uno strumento della ragione quando questa intende dominare l'Essere Umano e lo costringe ad uno scontro finalizzato a dominare altri Esseri Umani. Quando la vittoria consiste nell'appropriazione, allora diventa conquista, non Vittoria. La Vittoria dell'Essere Umano è la Vittoria della sua vita. La capacità di seguire la propria linea di mutamenti per diventare eterno. La capacità di costruire l'Essere Luminoso che cresce dentro di lui. La capacità di non mettersi in ginocchio o di sottrarvisi qualora qualcuno tenti di farlo. Vittoria è un grande Guardiano solo nella misura in cui si riferisce all'Essere Umano e alla sua linea di mutamenti. Diventa conquista quando la ragione si appropria dell'immagine e costringe l'Essere a considerare la vittoria come una conquista di qualcuno o di qualcosa; quando si trasforma in Potere di Avere. Vittoria era raffigurata come una giovane donna alata con una corona di alloro nella mano. Era il corpo luminoso dell'Essere Umano che si librava nella sequenza dei mutamenti per diventare eterno e la corona di alloro stava a significare il suo trionfo nei mutamenti della vita del suo corpo fisico.

Anticamente era un epiteto di Giove e stava ad indicare i mutamenti del cielo e lo sviluppo progressivo della sua Coscienza. In seguito divenne un epiteto di Giunone e stava ad indicare la sequenza dei mutamenti di ogni Essere nato nella Natura che tende a diventare eterno. Stava pure, se mai qualcuno volesse ricordarlo, ad indicare i mutamenti attraverso i quali Roma diventava una città eterna. Ma non credo che questa visione piaccia ai cristiani che contro le immagini romane di Vittoria scatenarono il loro terrore distruttivo.

Vitula è un grande Guardiano del divenire umano. E' un Guardiano contro la depressione e il grigiore della vita. La ragione, quando prende il controllo dell'Essere Umano tende a chiuderne lo sviluppo entro i confini del suo divenuto spacciandolo come assoluto. La ragione, per confermarsi padrona assoluta deve immiserire la qualità della vita riducendo quantità e qualità dei fenomeni percepiti impedendo, in questo modo, l'arricchimento della vita. Vitula protegge la gioia di vivere. Protegge l'espansione dell'individuo del circostante. Protegge il suo piacere di vivere. Protegge il desiderio di essere felice nelle azioni di tutti i giorni. La gioia è legata al benessere fisico. La gioia è legata alla gioia di mangiare. Vitula è un Centro di Energia Vitale che si nutre dell'Energia Vitale emessa dall'Essere Umano quando agisce con gioia e felicità. Questo stato dell'esistenza dell'Essere Umano deve essere protetto e favorito non soltanto per il benessere dell'Essere Umano ma anche per lo sviluppo di Vitula. Così Vitula è un grande Guardiano del divenire umano. Non a caso nei vangeli cristiani Gesù non ride mai. Egli ha il terrore del riso in quanto il riso espande l'Essere Umano nel circostante. Soprattutto, il Gesù dei cristiani non è mai felice. A Roma c'era chi affermava che "il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi" perché la vita non è ridicola, ma la felicità è Vitula che velocizza la sua Energia Vitale nel momento in cui le azioni che fa gli portano felicità. Vitula non era "una divinità della guerra" era il lato comico e inutile della guerra quando le contraddizioni potevano essere risolte in altro modo. La guerra è un atto di violenza, la satira ne mostra il lato contraddittorio. Vitula è un grande Guardiano del divenire umano. E' il sale che condisce la vita quando le contraddizioni dell'esistente riducono la felicità. Vitula è grande nel Buffone. Il Buffone diventa Vitula quando usa il riso e la satira per affrontare le contraddizioni dell'esistenza. Farsi Vitula, spesso, significa non arrendersi alla miseria dell'orrore cristiano.

Volturno sta all'acqua come Vulcano sta al fuoco. In questo caso viene trattato nel suo aspetto di Guardiano del divenire umano. E' il Guardiano dell'adattamento soggettivo alle variabili oggettive. Il fluire nel mutamento. Il non arresto del divenire umano. E' il Guardiano della Libertà biologica dell'Essere Umano. L'Essere Umano obbedisce a Necessità. Alla propria specifica Necessità come adattamento soggettivo alle variabili oggettive. L'Essere Umano va dalla nascita del corpo fisico alla nascita del corpo luminoso esattamente come il fiume va dai monti al mare.

Necessità è uguale in ogni respiro dell'universo. Volturno è il Guardiano di questo fluire. Il suo rotolare ora calmo ora impetuoso indica all'Essere Umano come deve procedere mutamento dopo mutamento. Contraddizione dopo contraddizione. Sfida dopo sfida. Volturno si relaziona con tutti gli Esseri che cercano di seguire la propria sequenza dei mutamenti. Volturno è essenzialmente relazione con l'Essere Umano attraverso Necessità. Ogni Essere della Natura conosce perfettamente la sequenza dei mutamenti attraverso i quali fluisce il corso della propria esistenza. Solo all'Essere Umano questo deve essere ricordato in quanto prigioniero della sua ragione e incapace di guardare il tempo mentre viene incontro. La relazione di Volturno con l'Essere Umano è la relazione imposta da Necessità. Non si può uscire da questa relazione se non distruggendo il divenire stesso.

Come alcuni fiumi si insabbiano disperdendo il proprio corso, così alcuni Esseri Umani negano il proprio divenire costretti dalla loro ragione ad inginocchiarsi davanti ad un dio assassino che pretende di determinarne i comportamenti. Volturno è un grande Guardiano. Egli richiama gli Esseri Umani al rispetto della propria necessità. Sprona gli Esseri Umani a proseguire lungo la sequenza dei propri mutamenti senza mettersi in ginocchio. Volturnus si relaziona con l'intero Essere Umano e la ragione è costretta a subire la relazione che ritiene fastidiosa fintanto che pretende il dominio e il controllo dell'Essere Umano.

Soltanto quando la ragione si mette al servizio dell'Essere Umano, accettando la presenza dello sconosciuto, allora la ragione accetta la relazione con Volturno. Allora la ragione accetta di fluire lungo la sequenza dei mutamenti per giungere al mare della Conoscenza e della Consapevolezza. Volturnus si nutre dal fluire degli Esseri Umani in armonia con Necessità; del fluire in armonia con Necessità è Guardiano Volturnus.

Volumna e Volumno è un grande Guardiano del divenire umano. Questi Guardiani sono attenti al fare degli Esseri Umani nel momento delle "nozze". Sono legati ai rapporti sessuali degli sposi. Essi sono a guardia affinché nella relazione sessuale non ci sia violenza. Sono a guardia affinché la relazione sessuale sia di reciproca soddisfazione. Questi Guardiani si sono formati nella Specie Umana quando il Comando Sociale ha preteso di avere il controllo degli atti sessuali degli individui per favorire il proprio sviluppo. Dal momento che gli Esseri Umani non furono in grado di sottrarvisi a tale violenza si forgiarono questi Guardiani che si nutrono del reciproco piacere nell'accoppiamento.

Sono dei Guardiani che proteggono il Potere di Essere di entrambi (o più di entrambi) i partecipanti all'atto sessuale. Guardiani che si nutrono dell'armonia reciproca. Nello stesso tempo i Guardiani tendono a distruggere quelle relazioni sessuali che non sono di reciproca soddisfazione. Spesso in maniera drammatica. Spesso in maniera violenta. Il Potere di Avere quando interviene nei rapporti sessuali tende a trasformare i rapporti sessuali in sadismo e masochismo. Tende, in altre parole, ad assoggettare una delle parti nel rapporto stesso. Il Potere di Avere mercifica la relazione sessuale. Il cristianesimo ha trasformato la relazione sessuale in stupro per sottomettere l'altro. Il problema non sta nel rapporto sessuale. Il problema è nell'ideologia sociale cristiana che estende la sottomissione propria del rapporto sessuale ad ogni relazione sociale pretendendo che chiunque si faccia femmina davanti alla chiesa cristiana che si identifica nelle vesti dello stupratore.

Il Potere di Avere determina la qualità dei rapporti sessuali e poi pretende che i rapporti sociali siano uguali ai rapporti di violenza sessuale. Volumna e Volumno non lo possono permettere. A volte non hanno forza sufficiente per capovolgere la situazione sociale determinata da relazioni di Potere di Avere nelle relazioni sessuali, ma Volumna e Volumno danno comunque un grande contributo per ripristinare la relazione fra Poteri di Essere tentando di far ritornare Giustizia fra gli Esseri Umani.

Marghera, 1996

Revisione gennaio 2018

NOTA: La revisione ha lo scopo di rendere i concetti un po' più leggibili. Non modifica né lo spirito, né la forma né l'impatto emotivo del momento in cui questo libro è stato scritto. Per questo motivo, molte difficoltà espressive, non sono state modificate.

indice di "ciò che porta a diventare eterni, nella Religione di Roma

TORNA ALL'INDICE GENERALE DEL SITO

 

L'indice delle Antiche Religioni

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Aggressione di cristiani alle statue pagane 2015

L'antica religione di Roma

Due elementi fondamentali caratterizzano la religione di Roma Antica. Il mutamento e il patto con gli Dèi. Il mutamento e il patto con gli Dèi appartengono anche alla religione pagana attuale. Il mutamento lo individuiamo in "Ciò che porta a diventare eterni..." e il patto con gli Dèi lo individuiamo nel "Sentiero d'Oro".