L'Enciclica Spe Salvi,
e la direzione sociale, etica e morale,
in cui opererà la chiesa cattolica
nel terzo millennio.

Società Italiana, pericoli e prospettive

Claudio Simeoni

Vai all'indice generale dell'idea sociale, religiosa e filosofica di MALE!

Spe Salvi di Ratzinger

 

Una lettura attenta dell'Enciclica Spe Salvi di Ratzinger permette di individuare delle vere e proprie direttive "strategiche" di intervento nella società civile il cui scopo dovrebbe mettere i brividi a chi è delegato a gestire le Istituzioni in funzione della Costituzione della Repubblica Italiana.

Due sono gli obbiettivi su cui Ratzinger concentra la sua attenzione: l'uomo, come oggetto di proprietà del suo dio e, dunque, di sé stesso; la società civile che deve diventare una proprietà del suo dio, e dunque di sé stesso, che come monarca intende dominarla.

Salvo l'uso dell'esercito, il progetto di Ratzinger ha l'obbiettivo di trasformare l'Italia in un paese Latino Americano in cui il latifondo, dominato dal singolo, esercita il dominio sugli uomini. Il concetto di latifondo viene esteso da Ratzinger in una dimensione emotiva: il latifondo delle emozioni degli Esseri Umani. Espressioni e veicolazione delle emozioni vengono gestite dal proprietario del latifondo umano. Tutta la struttura complessiva in cui Ratzinger rinchiude l'uomo sparisce dall'attenzione del lettore frettoloso della Spe Salvi che viene indotto a puntare la sua attenzione sulla "speranza". Nella Spe Salvi la "la speranza" diventa un oggetto in sé e per sé, estranea all'uomo e alla sua vita. Un oggetto tanto estraneo da apparire un vero e proprio "ufo" che appare nell'esistenza umana come emanazione di un altro "ufo" che è il "dio d'amore" di Ratzinger. Questo "dio d'amore" di Ratzinger interferirebbe con la vita degli Esseri Umani mediante una "speranza" di cui gli Esseri Umani non sanno che farsene.

Proprio perché gli Esseri Umani non sanno che farsene della "speranza", diventa imperativo, in tutta l'enciclica, per Ratzinger, evocare quelle condizioni di vita degli Esseri Umani che rendono necessaria "la speranza" che il "dio d'amore" invia agli Esseri Umani. Così, il lettore dell'enciclica Spe Salvi di Ratzinger, viene indotto a concentrare la sua attenzione "sulla speranza" che il "dio d'amore" di Ratzinger invia agli Esseri Umani e non sulle condizioni di disperazione che "il dio d'amore" di Ratzinger costruisce, materialmente, per gli uomini affinché siano costretti, in un atto di assoluta disperazione, ad accettare e desiderare "quella speranza" che "il dio d'amore" di Ratzinger invia loro.

L'accettazione "della speranza" diventa, per conseguenza, un atto di accettazione, da parte degli Esseri Umani, delle condizioni sociali disastrose e criminali in cui vengono costretti a vivere. "La speranza" diventa un oggetto esterno ed estraneo alle loro azioni. Non è più la speranza della rivoluzione francese nei cui atti gli Esseri Umani mettevano le loro aspettative per il futuro, ma diventa negazione del futuro, rinuncia ad ogni atto e ad ogni progetto umano in una sospensione psichico-fisica di attesa che chiude all'uomo ogni prospettiva futura.

Una società latinoamericanizzata in cui il dominio di Ratzinger sull'attimo presente, ogni attimo presente delle azioni umane, impedisce l'evoluzione sociale in quanto ogni gesto viene circoscritto, fermato e definito, nell'attimo presente. Oltre l'attimo presente c'è "la speranza" del "dio d'amore" che, come una spada di Damocle, può cadere sulla testa del cristiano.

Ratzinger si sforza di legittimare ogni atto criminale che distrugge, danneggia, la società degli Esseri Umani. Per contro, Ratzinger, per tutta la Sep Salvi, si impegna a criminalizzare ogni atto degli Esseri Umani che tende ad aprirsi verso un loro futuro. Un futuro che progettano e che appartiene a loro. Ratzinger cerca di far dimenticare come i cristiani abbiano effettivamente costruito la "città di dio" evocata da Agostino. L'hanno estesa su tutta l'Europa, strage dopo strage. Ratzinger cerca di far dimenticare come egli, e i Ratzinger che lo hanno preceduto, abbiano santificato ed elevato a modello dell'umanità tutti i peggiori criminali che hanno insanguinato l'Europa. L'uso di Bernardo di Chiaravalle, che Ratzinger fa nell'enciclica, va in questa direzione.

Per costruire la città latinoamericanizzata è necessario introdurre due livelli diversi di disperazione: la disperazione del singolo individuo e la disperazione dell'intero tessuto sociale.

Nei confronti del singolo individuo Ratzinger impone la patologia psichiatrica che lo porta alla disperazione, alla depressione, ai sensi di colpa, alla dipendenza, al complesso di Edipo, alla nevrosi e a qualsiasi altra forma di patologia che lo renda psicologicamente inadeguato ad affrontare il suo quotidiano. Un'inadeguatezza individuale che si traduce con forme di aggressione sociale che vanno dal bullismo, al teppismo, alla violenza sulle donne, allo stupro di minori e, più in generale, ad atti criminali del soggetto socialmente più forte nei confronti del più debole con conseguente ribellioni, puntualmente criminalizzate, da parte di quest'ultimo quando portato alla disperazione.

L'azione di Ratzinger nei confronti della società è finalizzata a disarticolare la "società democratica" in funzione della società monarchica assoluta. Dal momento che la disarticolazione formale non è possibile, dati soprattutto i legami con l'Europa, la sua azione tende a svuotare di contenuti e di riferimenti fattivi alla Costituzione Italiana della morale sociale per sostituirla con la morale cristiana. La morale del campo di sterminio. Di fatto, anche se formalmente la Costituzione della Repubblica rimane in vigore di fatto, Ratzinger, con i politici, i giornalisti, la polizia di stato e le Istituzioni che ne assecondano le mire totalitarie, viene completamente ignorata per trasformare la società Italiana in un "campo di sterminio" con l'instaurazione e la legittimazione dell'ideologia nazista. Il razzismo in Veneto e le dichiarazioni di molti politici locali (alcuni dei quali eletti al parlamento italiano) sono una dimostrazione di come questo processo sia in corso.

Nell'Enciclica Spe Salvi, Ratzinger riafferma ed esalta il "valore morale" dello schiavismo. Un valore morale che viene esteso all'intera società in quanto è un modello sociale che, secondo la sua ideologia, porta alla santità: vedi Bakita.

Riafferma il valore della distruzione del presente sociale in funzione di una visione apocalittica della vita.

Riafferma il valore morale del campo di sterminio, della galera, come modello sociale per costruire la sua "speranza".

Tenta di sostituirsi ai "comunisti" all'interno della società per poter usare la miseria sociale in funzione della disarticolazione delle strutture sociali.

Ed infine, Ratzinger, fa dell'imposizione della fobia sessuale agli individui fine e metodo con cui imporre la sua ideologia.

Con l'enciclica Spe Salvi, Ratzinger e la chiesa cattolica, delineano la loro ideologia nella società. Capire che cosa implica nella società l'idea sociale e religiosa significa capire che società vuole la chiesa cattolica e quale società vogliamo noi.

Il risultato del commento all'enciclica Spe Salvi ha dato questo risultato. Un risultato che in questo momento viene studiato con attenzione da più parti.

 

1.Speranza e depressione!

2.Speranza, fede e patologia psichiatrica!

3.L'esaltazione della società schiavistica dei cristiani di Ratzinger e la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo!

4.Il bisogno di Ratzinger dello schiavismo come necessità emotiva e l'intoppo della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo!

5.Il cristianesimo è ideologia psichiatrica; psicosi, nevrosi e depressione giustificano il delirio di onnipotenza!

6.Filosofi, pastori e i disperati dei salmi in Ratzinger!

7.Ratzinger e la fede come oggetto in sé!

8.Campi di sterminio, galere, schiavitù e la famiglia cristiana, sono gli elementi indispensabili per Ratzinger per imporre la speranza nella fede!

9.Il significato del Logos in Ratzinger; le parole e le azioni che le parole indicano!

10.La morte come concetto e uso nel cristianesimo; come si spaccia la morte per gestire la disperazione umana! La MORTE e la truffa cristiana!

11.Il cristianesimo come l'eroina per le persone; anestetizzare l'uomo separandolo dal mondo!

12.Dalla patologia psichiatrica individuale alla peste emozionale; Il cristianesimo come eroina per le persone!

13.Il cristiano, dal delirio di onnipotenza individuale, all'eversione sociale!

14.Messianesimo e millenarismo. Il cristiano, dall'angoscia individuale all'angoscia sociale (con un'ampia citazione di Marc Augé da Il genio del Paganesimo!

15.Il cristianesimo e la guerra; la distruzione delle società civili nell'ideologia della guerra in Ratzinger!

16.Ratzinger interpreta il metodo di analisi della realtà di Francesco Bacone e Galileo: assolutismo e relativismo nel divenire dell'uomo!

17.L'ideologia cristiana è l'ideologia del campo di sterminio che viene imposto alla vita degli uomini; la realtà dottrinale di ebraismo e cristianesimo da cui emergono le società moderne!

18.Il significato di libertà e il significato di ragione!

19.Le condizioni sociali della donna; le condizioni sociali dell'infanzia; sono i fattori scatenanti la Rivoluzione Francese!

20.La fine di tutte le cose e La vittoria del principio buono su quello cattivo e la costruzione del regno di dio sulla terra. Come Ratzinger usa Immanuel Kant!

21.Marx, Darwin, Feuerbach, Proudhon e il regno di dio in terra!

22.Gli uomini si liberano dalla città di dio, la nuova Gerusalemme, costruita dai cristiani. Ratzinger paragona Marx al suo dio!

23.Che cosa si vuole intendere per PROGRESSO? Ratzinger intende dalla fionda alla superbomba. La società civile intende dal Dectatus papae alla Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea!

24.Ragione e libertà, fra gli Esseri Umani e nella vita della Natura. La pratica cristiana della superstizione. Imposizione della nevrosi e società cristiana!

25.Cosa intende la chiesa cattolica per Libertà? Cosa intende la società civile per Libertà? Che cos'è la libertà dell'uomo?

26.La redenzione cristiana. Il fallimento dell'esistenza del cristiano. La paura di Ratzinger nell'attesa della sua morte.

27.Che cos'è l'amore? L'amore fondamento della vita. Illusione e desiderio d'amore come manifestazione patologica.

28.Infantilismo e dipendenza. Ecco, tutto è compiuto. Che l'uomo non stenda la mano, diventi un DIO, colga dall'albero della vita e possa vivere in eterno.

29.Ricostruire la città di dio. Il cristiano diffonde disperazione nel presente per estendere alla società il bisogno di salvezza. Il senso di inferiorità di Aurelio Agostino d' Ippona.

30.Aurelio Agostino d' Ippona e l'ordine di massacrare. Il massacro del Ruanda. Delirio di onnipotenza di Agostino d' Ippona, L'Armenia, il primo regno di dio!

31.La libertà dell'uomo e la sua azione. L'inganno della morte del corpo fisico. Afrodite e Desiderio Bello. Quando è migliore il mondo?

32.Ratzinger e la sua disperazione. L'angoscia e il bisogno del dio padrone. Dio come bisogno a cui l'uomo deve sottomettersi.

33.Costringere a pregare per distruggere l'uomo. Distruggere l'uomo per costringerlo alla preghiera. Costringere il bambino a pregare per impedirgli di diventare un uomo consapevole.

34.Preghiera e sottomissione. Nella preghiera l'uomo si umilia al dio padrone. Con la preghiera l'uomo si chiude al futuro. Con la preghiera il cristiano umilia la società civile.

35.Imporre la preghiera. la preghiera come superstizione. La preghiera giustifica il fallimento del cristiano nella distruzione della società.

36.L'amore per il dio padrone di Ratzinger. L'odio nei confronti degli uomini di Ratzinger. L'odio di ratzinger nei confronti della società civile. La tristezza di Ratzinger per non poter bruciare le persone.

37.Per Ratzinger gli uomini sono dei peccatori. Il principio del piacere in Epicuro. Peccato e senso di colpa. La malattia come punizione del dio padrone per i peccati.

38.La società come un campo di sterminio. Ratzinger vuole costruire l'inferno in terra. Le sofferenze degli uomini per la gloria del dio padrone di Ratzinger. Le torture di Ratzinger agli Esseri Umani.

39.La sofferenza come strategia di dominio sociale. Madre Teresa di Calcutta e Padre Pio: costruttori di sofferenza. Che cos'è il terrorismo sociale? Il fine del terrorismo è costringere gli uomini a soffrire.

40.La consolazione cristiana. L'empatia e la compassione alla base delle specie nella e della Natura. Cervello e basi biologiche della solidarietà. O battesimo o sterminio di Bernardo di Chiaravalle.

41.La vita eroica nell'Iliade e nell'Odissea. La vita appassionata come eroismo religioso. Rassegnazione e sofferenza come offerta al dio padrone.

42.La magia come superstizione in Ratzinger. La superstizione in Girolamo Menghi. L'abiura dei Valdesi in Bernardo Gui. Il dio padrone di Ratzinger.

43.L'abiura del vomito giudaico in Bernardo Gui. La lotta anticlericale contro la disperazione. Gioacchino da Fiore e la fine dei tempi come fine delle sofferenze. La morale del dio padrone e la morale della società civile.

44.Necessità e funzione dell'immagine di dio nel cattolicesimo. L'Uno dei Neoplatonici e il dio padrone dei cristiani. Disperazione come patologia sociale e il credo cristiano. La truffa immorale della resurrezione della carne.

45.Il Giudizio Universale e la condizione di attesa. Gorgia, Platone e il giudizio. Vendetta e giustizia, patrimoni biologici di specie. Le classi sociali determinate dal dio padrone cristiano.

46.I cristiani e la gestione del dopo morte. Ratzinger si pensa come il dio padrone. La polemica fra cristiani sul Purgatorio. Tommaso d' Aquino e l'inferno in terra.

47.Che cos'è il male? Il significato di male secondo i cristiani e secondo l'Anticristo. Il dio padrone e il lupo cattivo di Cappuccetto Rosso. La visione oltre la morte, il cristiano e l'uva acerba.

48.La morte come terrore e la morte come felicità! Perché i cristiani hanno paura della morte. Il relativismo di Ratzinger applicato alla sua morte. La scelta di Vincenza Santoro Galani; Marc Augé; Jean Delumeau.

49.La Pietas di Roma Antica e la violenza cristiana! Purgatorio, indulgenze ed espiazione nel cristianesimo. L'ideologia del rimpianto come controllo delle persone. La superstizione di Ratzinger e la superstizione dei Maccabei.

50.Afrodite, Stella del Mare, offesa dalla Maria cristiana! Il cristianesimo è la prima religione omosessuale. L'omosessualità cristiana riduce la donna a madre e serva. Liberare ogni sessualità per fermare l'ideologia cristiana del possesso.

51.Il magnificat di Maria come negazione dell'uomo! Celso e il figlio del dio. Il magnificat e il primo stato cristiano: l'Armenia. Il magnificat, la disperazione dei cristiani e la loro ribellione.

 

Capire le farneticazioni di Ratzinger, significa capire dove sta andando la società civile. E' vero che un numero sempre minori di Italiani accede alle strutture ecclesiastiche cattoliche, ma è altrettanto vero che per i loro interessi personali un numero sempre maggiore di politici si mettono al servizio dei cattolici attentando ai principi Costituzionali e mettendo in atto, nella società civile, tutta una serie di aggressioni al fine di stuprare le persone affinché rinuncino ai diritti Costituzionali e si sottomettano ad un dio pazzo e cretino.

Che il piano di disarticolazione sociale di Ratzinger abbia successo o meno non dipenderà tanto dalle volontà delle persone di resistere o dalla volontà dei politici complici di Ratzinger. Dipenderà dalle circostanze e dalle azioni economiche, sociali e morali, che attraverseranno l'Europa nei prossimi dieci anni.

Una cosa è certa: la violenza militare che Ratzinger esprime nella Spe Salvi contro la famiglia e il singolo individuo sta sviluppando nella società civile un rifiuto dell'organizzazione familiare come i cattolici la intendono. Anche se i politici faranno in modo di favorire le mire di potere e di dominio di Ratzinger, le persone della società civile risponderanno rifiutando la coercizione. Non scenderanno in piazza, ma l'incidenza sulla struttura economica e la rivoluzione nella struttura sociale saranno irreversibili. Perché Ratzinger non viene percepito soltanto dal punto di vista razionale nelle sue esternazioni, ma viene recepito psicologicamente per quello che è: furbo, disonesto e in malafede. Come il suo dio padrone che esalta come proiezione di sé stesso.

Ed è a questo che la percezione profonda degli Esseri Umani risponde nelle loro scelte quotidiane.

Marghera, 15 giugno 2008

vai indice del male assoluto

 

 

 

 

Home Page

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Dai microfoni di RadioGamma5 i Pagani parlarono di idee di libertà

finché il terrore cristiano impedì loro di parlare

Chiesa cattolica e l'attività di terrorismo

E' sciocco nascondere la testa sotto la sabbia. La chiesa cattolica è una monarchia assoluta in nome e per conto del suo dio padrone. Fino a modificazioni sostanziali, l'Italia è una Repubblica Democratica. I due regimi sono antagonisti e la chiesa cattolica disprezza la libertà sociale della Democrazia che deve distruggere in ogni modo, spesso con la complicità di Istituzioni complici.