Invocazione del rito del Solstizio d'Inverno

Il contratto fra uomini e Dei

Claudio Simeoni

 

Ogni Dio e ogni Dea
che imprigiona la mia rabbia,
tutelando i muri
entro i quali la rinchiude,
abbandoni tale intento,

E voi specialmente,
Dèi che tutelate
l’integrità del presente, cessate di tutelare
l’utero che conduce nell’infinito
dal quale intendo emergere;

 

Vi invoco,

per mano di Ecate Trivia,

per il cuore di Afrodite,

per il furore di Ares.

 

Abbandonate
queste mura ossessive
e unite la vostra,
alla mia forza,
alla mia volontà,
alla mia determinazione,
al mio intento;

Abbandonate la forma che mi lega,
affinché io possa spezzare le membra.

Abbandonate le corde,
affinché io possa sciogliere i legami

Sostenete il mio furore,
contro i costruttori di ostacoli

Passate al mio fianco
e nutrite di intelligenza la mia volontà.

Vi sia gradito il fuoco della vita
che abbiamo acceso in questo giorno d’inverno
e come Elios Invicto risorge nei suoi giorni
così, spezzate le membra e sciolti i legamenti,
noi sorgiamo a nuova vita.

 

Se così farete,
fo’ voto a voi
che gli uomini ricostruiranno i templi
e con riti celebreranno
lo scandire della vita.

 

Tradução para o Português Solstício de inverno. O contrato entre os Homens e Deuses

Translated into English Winter Solstice invocation: The contract between men and Gods.

 

I riti religiosi della Federazione pagana

 

 

Vai pagina Solstizio d'Inverno

Marghera, 30 novembre 2012

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell’Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Il Solstizio d'Inverno

Le evocazioni del Solstizio d'Inverno sono le evocazioni del prigioniero che anela alla libertà. Spezzare i legami e tuffarsi nell'immenso che lo circonda. Affrontare lo sconosciuto. Cresce e modificarsi nei mutamenti. Questa tensione, la tensione del prigioniero che si libera dai legami, è il senso religioso del Solstizio d'Inverno,