Inni per il rito del Solstizio d'Inverno

Nasce un DIO

di Claudio Simeoni

 

Un DIO sta nascendo,
ora che invicto allungo i miei giorni

 

Io vedo e ho la vista
Io sento e mi emoziono
Io agisco e progetto
Io penso e descrivo

 

Io mi innalzo nel mondo in cui vivo
Io ho compiuto ciò che la mia specie ha decretato

 

Io sono il fiore di Afrodite
in un cuore che mi ha ricevuto diventando la mia dimora

 

Dalle narici soffio la potenza della vita
con cui sciolgo i legami ed entro nella fiamma
per mettere giustizia là dove non c’è giustizia.

 

Vai alla traduzione in Portoghese.

Eros emerge dalla prigione dell'uovo primordiale

I riti religiosi della Federazione pagana

 

 

Vai pagina Solstizio d'Inverno

Marghera, 30 novembre 2012

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell’Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Il Solstizio d'Inverno

Le evocazioni del Solstizio d'Inverno sono le evocazioni del prigioniero che anela alla libertà. Spezzare i legami e tuffarsi nell'immenso che lo circonda. Affrontare lo sconosciuto. Cresce e modificarsi nei mutamenti. Questa tensione, la tensione del prigioniero che si libera dai legami, è il senso religioso del Solstizio d'Inverno,